Prosecco di Valdobbiadene frizzante naturalmente Casa Coste Piane 2014

Letture: 176
Prosecco di Valdobbiadene
Prosecco di Valdobbiadene

di Marina Alaimo

E’ il vino della primavera perché racchiude in ogni trama ed in ogni sorso una forte sensazione di solarità che mette di buon umore. Ha un carattere positivo, luminoso, si veste apparentemente di semplicità, ma questa capacità espressiva fa pensare senza dubbio ad una mano competente e appassionata. In effetti Loris Follador ha continuato a produrre il prosecco come hanno sempre fatto i suoi nonni e chi c’era ancora prima di loro tra le vigne al Fol. Sono particolarmente belle nell’anfiteatro naturale in cui sono immerse, perpetuando la tradizione di famiglia che parte dal grande rispetto per l’agricoltura, per l’ambiente ed ogni singola vite. La volontà di esaltare il più possibile quell’uva nel vino, vuole necessariamente che sia trattata con il massimo rispetto, quindi senza interventi di sintesi e ricca della sua pruina che svolge poi con efficacia la lenta fermentazione. Quelle invisibili colonie di lieviti ridanno il via alla fermentazione naturale in bottiglia, sur lie, lentamente, senza fretta. Anche in questo caso il valore del tempo sembra essere l’ingrediente segreto, la capacità di attendere consente di rimanere coerenti verso se stessi e di tradurre in energia positiva anche i piccoli difetti e le debolezze. Il vino è opaco e di piena luminosità nel bicchiere, non viene filtrato, avvolgente nei profumi croccanti, freschi, che appunto fanno pensare alla primavera, ad un campo di erba di primo mattino, luccicante di rugiada e cosparso di piccoli fiori bianchi profumati. Sembra quasi di calpestarlo a piedi nudi. Fresco nei profumi citrini e di mela verde, il sorso è brioso, croccante e quasi masticabile, invoglia di continuo all’assaggio pienamente fresco e salino, scorre leggiadro – è un inno alla gioia. Da bere all’infinito, dall’aperitivo a tutto pasto. Con i crudi di mare, con il semplice e frugale pane burro e alici, con gli spaghetti alla Nerano zucchine e tanto formaggio, sulla pasta al pesto alla genovese è strepitoso, su qualsiasi secondo di pesce, sulla pizza bianca ai carciofi arrostiti.

Casa Coste Piane

Frazione Santo Stefano Valdobbiadene (TV),

via Coste Piane 2

Tel. 0423 900219

2 commenti

  • Francesco Mondelli

    (30 aprile 2016 - 14:53)

    Ho sempre avuto problemi ad approcciare questa bollicina,ma il grande intuito tutto femminile di definirlo il vino della primavera mi darà nuovi e motivati stimoli per un assaggio meno superficiale .Davvero grazie e…..anche nel mondo del vino non si finisce mai di imparare .Francesco Mondelli .

  • Marina Acino Ebbro

    (1 maggio 2016 - 10:48)

    Provalo Francesco, è un piccolo capolavoro e secondo me molto interessante dopo qualche anno.

I commenti sono chiusi.