Questo sito: oltre un milione di contatti, 5000 articoli

Letture: 43

Giro di boa a San Martino
L’11 novembre ogni mosto diventa vino, ma noi speriamo di essere ancora uva, come l’aglianico di Paternopoli che viene raccolto proprio in questi giorni, l’ultimo zac zac della vendemmia 2008. Vi segnaliamo due numeretti nel nostro piccolo molto importanti: l’aver già superato nel 2008 un milione di contatti e l’inserimento dell’articolo (post) numero 5000. Sono due indicatori, assieme ad altri, del buono stato di salute di questo sito, saldamente il primo sotto Roma e tra i primi in Italia nel Food & Beveradge, con visite da 140 paesi dei cinque continenti che vede gli Stati Uniti dopo l’Italia, seguiti da Germania e Svizzera. Visite da ogni dove, persino dall’astemio Yemen…
Nonostante consigli e suggerimenti, ma anche critiche, abbiamo cercato di mantenere ferma la barra grafica e contenutistica di questa casetta in rete creando uno stile facile e riconoscibile, soprattutto un luogo dove, più che capire noi come la pensiamo e fare un paio di scazzottate virtuali, poter attingere di continuo informazioni utili per conoscere il Sud nei suoi poliedrici aspetti, dal vino al cibo, all’artigianato di qualità, alla ristorazione. Il bello di lavorare nel Regno delle Due Sicilie è quello di stare a contatto con una natura selvaggia e meravigliosa, in una città di respiro europeo e vitale, di scoprire prodotti di qualità strepitosa ancora poco promozionati e fuori dalle mappe dei gourmet, cattedrali e templi dorici tra ginestre e mirto, boschi popolati da lupi e cinghiali, castelli federiciani e santuari, il Vesuvio, Pompei e il barocco di Lecce. La ragion d’essere finale di questo luogo, oltre a tenere l’archivio privato in ordine e immediatamene utilizzabile, è quello di scorazzare sotto il Garigliano con stile giornalistico, vedendo cioé in prima personale le cose di cui si scrive, cercando di raccontarle in modo semplice e divertente, senza scadere in baruffe. La soddisfazione più bella è quella di essere saccheggiati (anche se qualche biricchino non cita la fonte): vuol dire che abbiamo fatto qualcosa di utile che può essere trasmesso. Ci succede di continuo, di recente persino per un cd di canzoni.
Questo lavoro è reso possibile da una formidabile rete di colleghi altamente professionalizzati e di appassionati competenti che arricchisce il sito ogni giorno: la mia speranza è che il marchio alla fine sia qualcosa di diverso dalla mia persona fisica. In parte già sta succedendo, ma con il passare degli anni spero in un processo compiuto perché l’importanza non è in quello che si fa e nei riconoscimenti, bensì in quello che si riesce a consegnare, a lasciare. Soprattutto è bello quando qualcuno fa una esperienza e il primo pensiero è quello di descriverla qui. Per questo nelle ultime settimane abbiamo aumentato le rubriche con l’album ed eventi da raccontare.
Qui, come recita lo slogan, trovate il bello del Sud: sempre più Sud anche grazie alla responsabilità che Enzo Vizzari ha voluto consegnarmi, quella di coordinare Basilicata e Calabria per i Ristoranti Espresso. In genere tutti i percorsi professionali portano al Nord, o almeno a Roma, il nostro personale ci spinge in direzione opposta e i nostri occhi saranno sempre più ricchi di verde, strade improbabili, azzurro jonico e tirrenico, gaglioppo e primitivo.
Già, perché alla fine il segreto vero di questo sito è che ci divertiamo tutti come matti. E ci dispiace per gli altri
Per questo stasera si festeggia alla grande da Pappacarbone con un po’ di arzilli vecchietti venuti dallo Stato Pontificio.
Tommaso Luongo mi ha fatto questo regalo

Ps: resta inteso, a scanso di equivoci, che trattandosi di un sito giornalistico le segnalazioni e le recensioni non hanno mai avuto altra contropartita se non il piacere di farle. La libertà, è appunto, poter segnalare unicamente quello che piace.
La pubblicità, esclusa ovviamente quella del vino che profuma di conflitto d’interesse, è affidata dall’agosto 2007 al network VinoClic di Filippo Ronco, il numero uno sul web in questo settore.