Raffaele D’Addio e Pasquale Marzano di nuovo insieme…ai Balzi Rossi di Ventimiglia!

Letture: 394
Raffaele D’Addio Chef Foro dei Baroni

Raffaele D’Addio ai Fornelli e Pasquale Marzano in sala! Di nuovo insieme ai Balzi Rossi di Ventimiglia. Che coppia questi ragazzi al Foro dei Baroni di Puglianello, freschi freschi dalla scuola di Antonello Colonna, quando coltivarono insieme il sogno di un grande ristorante gourmet nella Campania interna.

Tempi troppo anticipati, poi la crisi. Pasquale approda al Veritas di Napoli, Raffaele riconverte il Foro inventando, è il caso di dire, un bistrot di campagna abbinato a buoni vini, birra e una grande pizza nata dalle mani del giovane russo Volodymyr Pieshkov

Entrambi locali nelle nostre corde che seguiamo con simpatia. ma ci si può fermare quando si è così giovani?

I Balzi Rossi

Russo il pizzaiolo, russo il ricco imprenditore che frequenta Ventimiglia, si innamora del ristorante e ci mette un giovane che era passato dal Foro per lavorare durante le stagioni nei grandi yacht che girano il Tirreno d’estate.
Poi la decisione di aprire a Mosca con lo stesso chef ed è così che si apre una opportunità. Così Raffaele e Pasquale tornano insieme per una nuova avventura ai Balzi Rosis, ristorante famoso, creato agli nizi del ‘900 e che ha avuto un passato da Stella Michelin.

Pasquale Marzano (Foto di Stefania Cozzolino)

Amici del Foro non temete! La formula non cambia, Raffaele farà tre mesi di accompagnamento a Ventimiglia per poi andare su e giù perché il locale resta aperto.
Anche per il Veritas non bisogna temere, a parte il bravo cuoco D’Agostino, siamo sicuri che la sensibilità della fantastica coppia Rosaria Galdieri e Stefano Giangotti saprà correre ai ripari subito.

“C’è la voglia di rimettersi in gioco a 35 anni – dice D’Addio – qui abbiamo trovato un buon equilibrio e abbiamo avuto un successo incredibile, siamo sempre pieni durante la settimana, camminiamo a 1500 coperti. Dovrò fare pratica con la materia di mare, ma credo ne valga la pena”.

L’ennesimo episodio dell’incredibile quantità di linfa vitale che partendo da Sud circola in tutto il Paese con successo.