Rampone 2010, il capolavoro di Lino Carparelli: grande bianco di Puglia

Letture: 144
Verticale Fiano Minutolo a Bari, la prima in assoluto di un bianco pugliese

In Campania inizia finalmente a farsi largo l’idea che i bianchi possono invecchiare molto bene a lungo regalando sensazioni uniche agli appassionati. Battiamo questo tasto da oltre dieci anni e stiamo raccogliendo i primi risultati. E nel Sud? Sicilia a parte sinora abbiamo solo l’Efeso di Librandi che può vantare verticali fatte in pubblico.

La novità viene dalla Puglia, una delle regioni a maggiore vocazione rossista d’Italia: ce la regala Lino Carparelli, enologo di riferimento per la prestigiosa viticoltura pugliese che quando ha deciso di mettere in piedi una sua azienda personale insieme al fratello ha conosciuto la seconda giovinezza.
In Valle d’Itria, sui 350 metri, terreni calcarei, grandi escursioni termiche, inizia a sfoggiare bianchi di cui ci siamo subito innamorati, tanto da inserire il Fiano Minutolo (attenzione, sul piano normativo si può chiamare solo Minutolo) tra i “101 vini da bere una volta “pubblicato con la Newton Compton.
Molto più autorevolmente, gli amici di Slow Wine della Puglia hanno assegnato la chiocciola riconoscendo lo straordinario lavoro sul campo di recupero di vitigni sconosciuti, persi nelle vigne, recuperati nella estate 2000 grazie al lavoro di tre vecchi contadini. Ma la novità di questi giorni è un’altra: il Minutolo ha grandissime possibilità di invecchiamento, anche se trattato solo in acciaio, proprio come si può fare con Fiano, Greco e Falanghina.

E le sue caratteristiche di uva semiaromatica regalano una marcia in più all’olfatto come pochi altri vini bianchi italiani possono fare. Parliamo della 2010, fresca, ricca, ben strutturata, lunga, con piacevoli note di frutta bianca e macchia mediterranea. Lunghissimo, ha davanti grandi prospettiva di vita come ha dimostrato la prima storica verticale di un bianco pugliese, mai fatta prima d’ora e organizzata con Radici Wines al ristorante Le Giare di Bari. Una esperienza che ha sconvolto tutti i presenti, nessuno poteva immaginare di avere un bianco così potente e longevo in terra di rossi, persino la 2003 in grande spolvero. Prendetelo e conservatelo, vi accompagnerà tutta la vita.

LOCOROTONDO Via Italo Balbo, 22 Tel. 080.4313309 www.ipastini.it 12 ettari 80.000 bottiglie Enologo: Lino Carparelli Uva: minutolo Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro Fermentazione e maturazione: acciaio

2 commenti

  • matteo

    (19 marzo 2012 - 09:39)

    Complimenti Lino. Il vino e’ estremamente interessante e godibile anche in alcune vecchie annate degustate. La prima Verticale di un bianco pugliese e’ stata del Pietrabianca di Tormaresca e si e’ tenuta presso le Lampare al fortino a Trani il 25 maggio 2011. Pietrabianca a partire dal 2002.

  • luciano pignataro

    (19 marzo 2012 - 13:46)

    Sì, ma è uno Chardonnay. Interessante, mi sarebbe piaciuto esserci anche qui.
    Ma la prospettiva storica della verticale del Rampone di Lino è un’altra, rivoluzionaria: la Puglia ha le sue risorse genetiche e condizioni ambientali ottimali per produrre un grande vino bianco da invecchiamento.
    Il primo bianco pugliese in verticale, appunto come potrete legegre nei dettagli domani

I commenti sono chiusi.