Guida ai ristoranti e le trattorie dentro e fuori le guide > A Napoli
6

Risotteria VALU’: una piacevole sorpresa nei Quartieri Spagnoli di Napoli

23 novembre 2012


il cartello guida clienti

di Mimmo Gagliardi

“Napoli riserva sempre piacevoli sorprese”.

Questa è la frase che mi sento di ripetere dai miei amici che scelgono di pernottare nella città di Partenope e ai quali consiglio di soggiornare presso il b&b VALU’ nei Quartieri Spagnoli. La piacevole sorpresa giunge sempre dopo l’iniziale titubanza a recarsi in una delle zone più popolari di Napoli dove, secondo i turisti, i residenti si nutrano di Rolex e catenine d’oro, specialmente nelle ore serali.

Ovviamente la Napoli dei problemi esiste, impossibile ignorarlo, come vi è anche una Napoli parallela, onesta, che convive gomito a gomito con realtà difficili e che procede per la propria strada, convinta del proprio percorso. Tra questi c’è VALU’, interessantissimo esperimento correlato di Bed & Breakfast e ristorazione. Un percorso difficile, ma anche una grande vittoria per VAlentina e LUca Preziosi, le anime del VALU’, che da figli d’arte, visto che il padre, con l’Hosteria Toledo, è stato un pò l’apripista per gli altri imprenditori che hanno scommesso sulla possibile riqualificazione dei Quartieri Spagnoli, hanno saputo proseguire la tradizione familiare con un tocco di modernità.

l'ingresso della risotteria

Un B&B ricavato da un antico appartamento in Via Concezione a Montecalvario e una risotteria ubicata in Vico Lungo Gelso, due strade simbolo dell’antico borgo napoletano realizzato dagli Aragonesi per l’accasermamento delle truppe e per la sistemazione del popolo in alloggi ordinati e salubri. Cogliendo l’occasione della visita di alcuni miei amici, che hanno pernottato al B&B, abbiamo trascorso una bella serata alla risotteria concedendoci vari assaggi e golosità. Un cartello su via Toledo guida i clienti verso il locale, ubicato a venti metri dalla via dello shopping. Sulla strada ombrelloni e tavolini offrono la possibilità di cenare a lume di candela che, specie d’estate, risulta molto piacevole.

la sala con la cucina a vista


Il locale è stato realizzato da un antica stalla o ricovero di mezzi che, nel corso dei secoli ha cambiato innumerevoli volte destinazione d’uso, fino a divenire l’accogliente  luogo che è oggi. Un unico ambiente, in cui la sala e la cucina sono divise da una parete in vetro temperato, attraverso cui poter vedere il personale all’opera con la preparazione dei piatti. L’illuminazione soft ma ben architettata valorizza lo splendido soffitto, realizzato con travi e panconcelli in legno di ciliegio risalenti al 1600, a cui fanno da contrappunto le stampe e l’arredamento moderno ma in una perfetta fusione di stili. Sono circa trenta i coperti (escludendo i tavolini esterni), di cui la metà su divanetti addossati alle pareti.

il soffitto in legno

In carta circa una trentina di risotti, tutti diversi tra loro ed alcuni variabili secondo la stagionalità dei prodotti. Prima di passare ai risotti optiamo per un antipasto di verdure di stagione grigliate. La cantina del locale, che è anche vineria, annovera circa un’ottantina di etichette, tra cui scelgiamo di accompagnare la cena con un Fiano di Avellino di Cantine Astroni, annata 2011.

l'antipasto


E’ il solenne momento dei risotti. La scelta è difficile. Molte le varianticon cui si prepara il riso Carnaroli e tanta la varietà di abbinamenti proposti. Luca ci consiglia il tris di assaggi, togliendo dall’impaccio della scelta molti di noi. Ne riporto qualcuno, giusto per gradire.

Tris di Vellutato, Caribe e Nocino, in ordine di degustazione: il primo vellutata di zucca e provola, il secondo crema di ananas e gamberetti, il terzo alle noci e gorgonzola.

Tris di Vellutato, Caribe e Nocino


Tris di Verde Rosato e Rosso, in ordine di degustazione: il primo crema di pistacchio, nocciole e scamorza, il secondo salmone affumicato e brandy, il terzo al radicchio trevigiano e fontina.

Tris di Verde Rosato e Rosso


Degno di nota anche il Terra e Mare, alle zucchine e gamberetti

risotto Terra e Mare


Valù è anche una braceria che propone degli ottimi piatti di carne, ma grazie alla vicinanza con l’Hosteria  Toledo, altro locale di famiglia, è possibile accontentare qualche ospite del gruppo che ha gusti diversi. Infatti ecco arrivare una splendida insalata di polipo e uno scialatiello ai gamberi

scialatiello ai gamberi e insalata di polipo


Per chiudere in bellezza un dolce della casa, appena preparato: crostata ai frutti di bosco.

crostata ai frutti di bosco


Valù è un modo nuovo di vivere la città di Napoli. Soggiornare in pieno centro, con possibilità di accedere facilmente a tutti i luoghi d’arte e a tutti i posti più suggestivi, pranzare e cenare in maniera diversa dal solito e fuori dagli schemi usuali, per riscoprire una Napoli che era e che potrebbe essere, anzi, che sarà.

 

VALU’

Risotteria, Vineria e Braceria

Vico Lungo Gelso, 80

Aperto a pranzo e cena tutti i giorni. Chiuso la domenica.

Prenotazione necessaria

Tel. 0810381139 – mail: info@valu.it

www.valu.it

 

Bed&Breakfast

Via Concezione a Montecalvario, 14

Tel. 3316437064 – mail:b_b@valu.it

www.valu.it

6 Commenti a “Risotteria VALU’: una piacevole sorpresa nei Quartieri Spagnoli di Napoli”

  1. leo scrive:

    Uhhhh, mi piacerebbe farli provare a un nordico di nostra conoscenza… (se resiste alla vista !) ;-)

  2. Mimmo Gagliardi scrive:

    Una bella risottata? Che ne dite?

  3. Giancarlo Maffi scrive:

    Scusate se arrivo in ritardo, ma dallo svenimento mi sono ripreso solo ora. Capisco che Luciano sia un fine diplomatico. pero’ e’ reduce dai fasti della Champions League dei Costardi. Che dicaqualcosa, per favore. Comunque voglio sperare sia uno scherzo da primo aprile. Scusate, alla vista sto risvenendo di nuovoooo

  4. Gianluca scrive:

    I risotti sono spettacolari