Casa Vissani a Baschi: il rebus di un grande ristorante italiano

Letture: 1768
Casa Vissani, l'elegante interno
Casa Vissani, l’elegante interno

di Bruno Petronilli

Il ristorante di Gianfranco Vissani è un rebus. Partiamo dai fatti difficilmente contestabili: da qualche decennio è ai vertici dell’alta ristorazione italiana; ogni anno c’è sempre una novità (in particolare nell’arredo) e da quando lo frequentiamo (molti lustri) non abbiamo mai trovato gli stessi piatti nel menù della visita precedente; gli stessi (i piatti) sono frutto di un’alchimia (quasi sempre sublime) di tecnica, gusto, materia prima, geniali intuizioni, forma estetica; il servizio è di un livello assoluto degno delle nobili casate culinarie italiane e non.

Date le premesse c’è un passaggio che non torna in questa formula apparentemente semplice, che dovrebbe rendere un risultato inconfutabile ed evidente. Invece il dubbio nasce dalla palese constatazione che troppi interlocutori con cui abbiamo discusso a proposito di Vissani (il ristorante) negli ultimi anni si sono spesso arrogati il diritto di parlarne a sproposito senza esserci mai stati. Un nutrito popolo di critici, di natura assolutamente trasversale (dai più edotti in giù), assolutamente disinformati, probabilmente accecati dalla personalità straripante che Gianfranco Vissani ha dato in pasto negli anni ai media con un furore e un’intensità difficilmente eguagliabili.

Casa Vissani, gli eleganti ambienti
Casa Vissani, gli eleganti ambienti

 

Casa Vissani, quadri con vista cucina
Casa Vissani, quadri con vista cucina

Questa sovraesposizione mediatica ha generato nell’immaginario collettivo una tale familiarità con il personaggio Vissani che il labile confine tra il protagonista televisivo e il suo ristorante di Baschi si è assottigliato al punto da scomparire del tutto. Molti, troppi, si sono sentiti in grado di parlare dell’uno giudicando l’altro, e viceversa.

Casa Vissani, per stuzzicare l’appetito e panini
Casa Vissani, per stuzzicare l’appetito e panini

 

Casa Vissani, amuse bouche. Da sinistra: pappa al pomodoro con crostini di burro di cannella, raviolo di amatriciana con pomodori arancioni, zuppa di lenticchie fredda con cozze
Casa Vissani, amuse bouche. Da sinistra: pappa al pomodoro con crostini di burro di cannella, raviolo di amatriciana con pomodori arancioni, zuppa di lenticchie fredda con cozze

 

Casa Vissani, anguria e foie gras con seppie crude al sale di curcuma
Casa Vissani, anguria e foie gras con seppie crude al sale di curcuma

 

Casa Vissani, animella di vitella con gel di peperoncino, rapa rossa al cacio e pepe, cime di rapa
Casa Vissani, animella di vitella con gel di peperoncino, rapa rossa al cacio e pepe, cime di rapa

E’ proprio qui il problema, perché tra Gianfranco Vissani uomo e conduttore di programmi televisivi e il Ristorante Casa Vissani di Baschi c’è una dicotomia assoluta. E a noi, sinceramente, interessa il secondo.

Casa Vissani, sfera di fegato grasso con gelato di nocciole al pepe del Madagascar, glassa di pomodori arancioni, crudo di Fassona
Casa Vissani, sfera di fegato grasso con gelato di nocciole al pepe del Madagascar, glassa di pomodori arancioni, crudo di Fassona

 

Casa Vissani, pera Kaiser al curry con crudo di tonno ai capperi, sfoglia al cacao e curry
Casa Vissani, pera Kaiser al curry con crudo di tonno ai capperi, sfoglia al cacao e curry

 

Casa Vissani, gnocchi di patate con scampi crudi al burro di basilico e parmigiano
Casa Vissani, gnocchi di patate con scampi crudi al burro di basilico e parmigiano

 

Casa Vissani, Carnaroli alle nocciole con crudo di branzino all’ananas, caviale di doppia panna
Casa Vissani, Carnaroli alle nocciole con crudo di branzino all’ananas, caviale di doppia panna

 

Casa Vissani, anatra croisé, peperoni rossi, cipolla e cocco, cappesante alle more sauvage, morbido di thé verde
Casa Vissani, anatra croisé, peperoni rossi, cipolla e cocco, cappesante alle more sauvage, morbido di thé verde

Il nome dovrebbe essere già un buon indizio: Casa Vissani. Una grande casa prevede una grande famiglia e, infatti, qui sulle rive del Lago di Corbara opera una squadra che può essere considerata tale: a parte il Maestro ovviamente, ecco Luca Vissani, Paola Vissani, Mori Shinichi, Giuseppe Vicario, Roberto Santi. Insieme da una vita.

Casa Vissani, vista del Lago di Corbara
Casa Vissani, vista del Lago di Corbara

 

Casa Vissani, gli eleganti esterni
Casa Vissani, gli eleganti esterni

Poi sfatiamo qualche altro luogo comune: l’Altro Vissani (i locali a brand aperti in varie località) non hanno nulla a che vedere con Casa Vissani; il fatto che il Maestro sia spesso irreperibile nella cucine del suo ristorante non significa assolutamente nulla (leggi Ducasse); la boutade che Casa Vissani sia “roba da ricchi” è smentita da uno dei menù degustazione (90 Euro, 5 portate, 3 vini abbinati) che per il livello del servizio e la qualità dei piatti è un’esperienza da considerare assolutamente low cost.

Casa Vissani, Il tavolo preferito di un noto giornalista e gourmet di Roma
Casa Vissani, Il tavolo preferito di un noto giornalista e gourmet di Roma

 

Casa Vissani, i leggendari menù di Vissani scritti a mano (da sempre)
Casa Vissani, i leggendari menù di Vissani scritti a mano (da sempre)

I tovaglioli qui li cambiano non solo quando ti alzi, ma anche ad ogni portata.

Considerazioni finali: a Casa Vissani c’è un luogo d’incredibile fascino, un tempio della Culinaria con la C maiuscola, grazie all’impegno di un gruppo di persone che profondono una passione straordinaria. C’è, soprattutto, il rischio di godere appieno di un’esperienza eccelsa sia per i neofiti alle prime armi con l’alta cucina, curiosi di iniziare un percorso di cultura e diletto, sia per tutte quelle anime, irriverenti e smaliziate, che, come la nostra, sono alle prese con una patologia incurabile e benedetta, quella che determina le emozioni e le inquietudini della propria vita sempre e solo attraverso una filosofia da gourmet radicale.

Inizia la piccola pasticceria: cannoli alla crema, semplicemente divini.

Casa Vissani, piccola pasticceria
Casa Vissani, piccola pasticceria

 

Casa Vissani, Quelli semplicemente divini erano pochi
Casa Vissani, cannoli alla crema, quelli semplicemente divini erano pochi

Il prosieguo…

Casa Vissani, il prosieguo...
Casa Vissani, il prosieguo…

 

Casa Vissani, mousse di banane e curry, cannolé al pepe lungo, gocce blu atlantico, zucchine rovesciate
Casa Vissani, mousse di banane e curry, cannolé al pepe lungo, gocce blu atlantico, zucchine rovesciate

 

Casa Vissani, albicocche alla Pàlinka con zabaione al tabacco, trasparente di pomodori gialli al rosmarino
Casa Vissani, albicocche alla Pàlinka con zabaione al tabacco, trasparente di pomodori gialli al rosmarino

 

Casa Vissani, coccole finali
Casa Vissani, coccole finali

 

Casa Vissani, i vini
Casa Vissani, i vini

E non ci sembra affatto poco.

 

Casa Vissani a Baschi
s.s. 448 Todi-Baschi km 6,600
www.casavissani.it
info@casavissani.it
Tel. +39.0744.950206

 

Carta: Prezzo medio 130 Euro

Menù degustazione: 90, 130, 160 e 180 Euro

Carta dei vini: Degna del brand Vissani.

Orari di apertura: Chiuso la domenica sera, il lunedì e il giovedì a pranzo, l’intero mercoledì

Dormire: O nelle eleganti stanze di Casa Vissani oppure qualche minuto di auto e c’è Orvieto (magnifica).

Parcheggio:Comodissimo

La precedente recensione di Casa Vissani

Un commento

  • Angelo

    (11 agosto 2015 - 23:13)

    L’unica volta, purtroppo, che sono stato al Vissani è stato il 25 aprile del1998, eravamo in 10 (6 adulti e 4 bambini). Ci telefonarono per tre volte il giorno prima, vollero sapere l’età dei bambini, se avessero intolleranze e più di una volta vollero la riconferma della prenotazione e l’ora di arrivo. Infatti al nostro arrivo, in ritardo di 10 minuti, il direttore di sala rammaricato ci disse che purtroppo i primi pani si erano raffreddati per tale ritardo. Fu un’esperienza gusto-olfattiva unica e a tutt’oggi non ho trovato nessuno capace di eguagliarla. Vissani dopo aver precisato ai bambini che nel suo ristorante non si beveva coca cola e non si cucinavano patatine fritte, disse che per loro aveva preparato per un sughetto con verdure di stagione, ovviamente i bambini storsero la bocca e chiesero della semplice pasta al pomodoro…. un urlo si levò nella sala per il resto vuota(eravamo gli unici avventori) : IL POMODOROOOO UCCIDE I SAPORIIII!!!!

I commenti sono chiusi.