Ristorante La Ripa a Rocca San Felice

Letture: 5568
Rino Cuoco
Chef Rino Cuoco

di Lello Tornatore

Ma voi pensate che le degustazioni per la guida Slow Wine durino veramente tre giorni??? Manco a pensarci, almeno una settimana!!!  Tra preambolo, cuore ed appendice ci sarebbe materiale per  almeno dieci puntate  scritte fitte fitte, per capirci, alla Adele Elisabetta Vien Dal Monte Granieri. Solo così potremmo scoprire Brooke Logan con chi altro si sposerà e quale vino sarà servito al suo matrimonio!!!

L'allegra combriccola, da sx Il sottoscritto, Luciano, Giacomo Pastore e Rocco Rafaniello
L’allegra combriccola, da sx Il sottoscritto, Luciano, Giacomo Pastore e Rocco Rafaniello

Ma io vi voglio raccontare solo l’appendice, e Dio, oltre al Pigna (scusate l’accostamento blasfemo), solo lo sa quanto mi costi in termini di stanchezza. Dove potremmo telefonare per prenotare un tavolo per il pranzo  della domenica rincorrendo l’atavica voglia d’agnello del Pigna e abbandonando sul fuoco di casa un ragù di cinghiale da far venire le lacrime agli occhi dal profumino che emanava???

Certamente in Irpinia, e proprio nel luogo simbolo degli ovini d’eccellenza … la Valle d’Ansanto che Virgilio diceva fosse la porta d’accesso all’inferno … avrà preso capra per cavoli, per me rappresenta l’entrata del Paradiso.

Rocca San Felice
Rocca San Felice

Alle 13,15 siamo al Ristorante La Ripa di Rocca San Felice, dove ci raggiunge, passando per Nusco,  un altro compagno di merende proveniente da Taurasi, Giacomino Pastore detto “il castagno” per la sua filosofia integralista sull’uso dei legni nell’affinamento del vino.

Ristorante La Ripa
Ristorante La Ripa
I gerani parigini della Ripa
I gerani parigini della Ripa

L’entrata del ristorante è tutto un programma. In bella mostra un meraviglioso carrello di formaggi, in prevalenza Carmasciano di diverse stagionature, ma anche caciocavalli e caprini.

Il carrello dei formaggi
Ristorante La Ripa, Il carrello dei formaggi
Sopressata e formaggi
Ristorante La Ripa, Sopressata e formaggi

Poi tutta una serie di chicche, molte delle quali presidio Slow Food (il ristorante fa parte del circuito dell’Alleanza, per cui c’è l’impegno ad utilizzare prodotti presidio, a seguire la stagionalità dei prodotti e a valorizzarne i produttori).

Prodotti presidi Slow food
Ristorante La Ripa, Prodotti presidi Slow food

Dopo le prima schermaglie iniziali, durante le quali il Pigna tendeva a ribadire, casomai non si fosse capito, la sua improrogabile voglia d’agnello, manco se fosse una gestante all’ottavo mese di gravidanza, ordiniamo gli antipasti.

Serve che vi ridica per l’ennesima volta come funziona quando si è al tavolo con l’ottimizzatore seriale??? Vabbè, a scanso di equivoci … “ragazzi, prendiamo tre cose diverse, così assaggiamo tutto e ottimizziamo”, queste le famose solite esortazioni. Intanto ci arriva al tavolo per benvenuto una deliziosa polpetta di melenzane su salsa cruda di  San Marzano.

La Ripa, Il benvenuto
Ristorante La Ripa, Il benvenuto

Il primo antipasto è la  Millefoglie di coniglio, Carmasciano e peperoni cruschi .

Millefoglie di coniglio, Carmasciano e peperoni cruschi
Ristorante La Ripa, Millefoglie di coniglio, Carmasciano e peperoni cruschi

Si tratta di una stratificazione di rondelle di coniglio disossato, alternate a fette di pecorino di Carmasciano con in bella mostra, al centro del piatto, un meraviglioso peperone crusco di una frittura millimetrica. Non è facile indovinare il tempo di frittura del crusco (che è un peperone dolce completamente essiccato), dai due ai tre minuti, basta distrarsi un attimo e … si brucia.  Beh, il coniglio era ruspante e si sentiva dalla consistenza e dal sapore delle carni, d’altronde qui  non siamo molto lontani da Nusco, dove, come dice Giacomino Pastore … “anche i conigli fanno le uova” !!!  Timballino di baccalà, pancotto e pomodorini .

Timballino di baccala'
Ristorante La Ripa, Timballino di baccala’

Baccalà islandese, ovviamente, il cosiddetto “12 doppio A” (per identificare lo spessore e quindi la pezzatura). Preparazione alquanto elaborata, con diverse cotture ed ingredienti ma dal sapore molto semplice e gustoso.
Prosciutto di maiale cotto a bassa temperatura su insalatina di asparagi.

Prosciutto di maiale cotto a bassa temperatura
Ristorante La Ripa, Prosciutto di maiale cotto a bassa temperatura

Molto buono , è piaciuto tantissimo al Pigna, che girando per gli stellati, è rimasto sorpreso di fronte all’essenza della grande materia prima trattata con semplicità. Spaghettone, filetto di pomodoro di qualità “San Marzano” d.o.p. e caciocavallo podolico 12 mesi.

Spaghettone Cav. Cocco
Ristorante La Ripa, Spaghettone Cav. Cocco

In pratica la versione irpina dello scarpariello napoletano, dal gusto più marcato, grazie al podolico stagionato, per intenderci, di quello che “spacca” la lingua (essiamoirpininoi).  Molto buona la pasta del Cav. Cocco di Fara San Martino e perfetta la cottura. Questo è il piatto che da solo … vale il viaggio!!! Terzo primo  Pacchero farcito di baccalà islandese e provola affumicata, pomodorini, olive infornate di Ferrandina e capperi.

Pacchero farcito
Ristorante La Ripa, Pacchero farcito

Anche qui la preparazione è abbastanza complessa, ma la bontà della pasta (sempre Cav. Cocco) e degli ingredienti rendono tutto molto buono. Unico appunto, da rivedere il grado di sapidità del piatto, evidentemente  un filino in eccesso per la sommatoria  di diversi ingredienti a caratterizzazione sapida. Si continua con l’Agnellino di Carmasciano alle erbe aromatiche.

Agnellino di Carmasciano alle erbe aromatiche
Ristorante La Ripa, Agnellino di Carmasciano alle erbe aromatiche

Tenero, tenerissimo (per me che l’ho preso alla brace, sin troppo) dal profumo d’erba e dal sapore “ lattoso”… immaginatevelo nelle fauci del Pigna!!!

il Pigna ...felice come una Pasqua
il Pigna …felice come una Pasqua

E come si poteva concludere un pranzo domenicale in Irpinia, se non con soppressata , caciocavallo e Carmasciano??? Magistrale la soppressata di Rocco Rafaniello, il geologo prestato alla ristorazione, grande compattezza dell’impasto, giusta sapidità e grandissimo aroma. Per quanto riguarda i formaggi, essendo nel cuore del territorio di produzione, non poteva essere altrimenti : eccezionali!!!

Rocco Rafaniello
Rocco Rafaniello

Qualcuno si azzarda a prendere il dolce : Tortino di mele su crema inglese.

Tortino di mele su crema inglese
Ristorante La Ripa, Tortino di mele su crema inglese

Non so dirvi perché non l’ho assaggiato (potevo mai coprire la bocca …che sapeva di vacca???), ma a giudicare dalle facce dei miei commensali, è piaciuto anche quello. Ah, i vini … ebbè,  avevamo approfittato della gentilezza di Rocco per portarci  “ il lavoro da casa “. Del rosato Vitamenia di Patrizia Malanga ne ha già scritto il Pigna qui  mentre un capitolo a parte spetta ai Taurasi di Mier Vini (Giacomo Pastore).

Taurasi di Mier Vini
Ristorante La Ripa, Taurasi di Mier Vini
Costa D'Amalfi
Ristorante La Ripa, Costa D’Amalfi

Anzitutto dichiaro pubblicamente il mio conflitto d’interessi, con Giacomino siamo amici da una vita. Secondo me sta imbroccando la strada giusta nell’alleggerimento dai tannini troppo agressivi che già eccessivamente presenti  nella genetica del vitigno, erano ulteriormente appesantiti dall’uso indiscriminato del legno di castagno (tiè Giacomì…te l’ho detto!!!)

Ma i vini che abbiamo degustato l’altro giorno hanno preso una strada diversa, la frutta è più in evidenza, si percepisce meglio la freschezza, e la complessità, soprattutto quella  gustativa, riesce finalmente a sopraffare i tannini!!!  Continua così, magari ti dovremo cambiare il soprannome, ma … ne vale la pena!!!

Conclusioni

I quattro soci del Ristorante La Ripa, Rocco Rafaniello, Antonio Vegliante, Enza Perna e Rino Cuoco, condividono la filosofia di Slow Food e vanno pure oltre, nel senso che alcuni prodotti sono direttamente di loro produzione. Tant’è che al piano terra del ristorante hanno attrezzato una saletta di esposizione e vendita degli stessi prodotti che utilizzano per la ristorazione, che chiamano La Bottega del Territorio. Quindi una cucina semplice, marcatamente territoriale, ma con una bella presentazione dei piatti, che variano al variare delle stagioni. Una scommessa, la loro, che nonostante i grandi sacrifici, vista la non centralissima posizione nella quale si trovano, sembra stia dando i suoi frutti.

 

Ristorante Museo La Ripa
Via Ospedale, n. 1,  Rocca San Felice (Av)
Tel.  0827 215023
www.ristorantemuseolaripa.it