Re Maurì a Vietri sul Mare, la stella che illumina Salerno

Letture: 258
Re Maurì, Lorenzo Cuomo
Re Maurì, Lorenzo Cuomo

Via Enrico de’ Marinis, 2
Tel. 089.7633687
Aperto a pranzo e a cena.
Chiuso lunedi e martedi.
www.remauri.it

 

Re Maurì, il ristorante dell’Hotel Baia che da Salerno apre la strada alle meraviglie della Costiera Amalfitana, dallo scorso dicembre brilla (anche) di una stella Michelin, grazie allo chef Lorenzo Cuomo.
Posto incantevole, con terrazza panoramica mozzafiato, è uno dei rari casi da Salerno a Vietri sul Mare in cui un imprenditore privato ha avuto l’intelligenza di investire innanzitutto su una risorsa naturale e preziosa: l’affaccio con vista sul mare. Incredibile a dirsi (e a spiegarsi), infatti, come una città marinara con una buona tradizione portuale, balneare e di pesca non abbia mai sfruttato a pieno le potenzialità economiche che tutto questo poteva comportare per la ristorazione.

Re Maurì, Roberto Adduono
Re Maurì, Roberto Adduono

Ovviamente, la location non è tutto, ma certo un aperitivo servito in una terrazza rivestita di splendide maioliche di Vietri che guarda verso Amalfi crea un’atmosfera difficilmente eguagliabile.
Maria Marinelli si è occupata sin dall’inaugurazione del ristorante al quale ha voluto dare uno stile moderno, con un ambiente elegante e preziosi elementi d’arredo. La sala è condotta con esperienza e maestria da Roberto Adduono che si muove – e fa muovere chi lavora con lui – in grande sintonia con la cucina. Regista di una carta dei vini ricca, profonda, curiosa e mai banale.

Re Maurì, la sala
Re Maurì, la sala
Re Maurì, la sala
Re Maurì, la sala
Re Maurì, la mise en place
Re Maurì, la mise en place

Al Re Maurì Lorenzo Cuomo, allievo di Oliver Glowig, ha portato  la sua esperienza acquisita in giro per l’Italia in ottime cucine, ma anche la determinazione nel dare alla cucina un carattere di territorialità: dopotutto ha scelto anche per questo, con convinzione, di lavorare non lontano da casa. Scuola e tecnica dunque, ma anche caparbietà e passione.

Re Mauri, centrotavola
Re Mauri, centrotavola
Re Mauri, i liquori come centrotavola
Re Mauri, i liquori come centrotavola

Il pane (molto buono quello alle noci) così come crackers e grissini sono fatti in proprio.

Re Maurì, i pani e i grissini
Re Maurì, i pani e i grissini

Il benvenuto dello chef è un cracker con crema di tonno e colatura di Cetara. Si comincia dunque subito con il mare.

Re Maurì, il benvenuto: un cracker al tonno
Re Maurì, tonno

Ma anche con specialità di terra, come questo capocollo dalla salatura perfetta.

Re Maurì, capocollo
Re Maurì, capocollo

Gustoso anche il carciofo abbinato al pomodoro brasato e arricchito da un ciuffo di burrata di Andria.

Re Maurì, carciofo con pomodoro brasato e burrata di Andria
Re Maurì, carciofo con pomodoro brasato e burrata di Andria

Qui al Re Maurì davvero non si può non consigliare la ricca batteria di crudi: dalle ostriche al tonno, dal salmone ai gamberi, alla ricciola. Un trionfo di mare accompagnato da varie salse proposte dallo chef.

Re Maurì, gamberi rossi di Mazara del Vallo con spugna al corallo e salsa di teste di gamberi
Re Maurì, gamberi rossi di Mazara del Vallo con spugna al corallo e salsa di teste di gamberi
Re Maurì, il crudo di pesce
Re Maurì, il crudo di pesce

Tra i primi piatti si va da quello più elaborato, con dei fagottini di pasta all’uovo e integrale al cacao, dall’effetto di piccolo ventaglio bicolore, ripieni di stracotto di coda di bue e pastinaca e serviti con una crocchetta di formaggio di capra al radicchio.

Re Maurì, fagottini (pasta all'uovo ed integrale al cacao) con stracotto di coda di bue, pastinaca e formaggio di capra croccante al radicchio
Re Maurì, fagottini (pasta all’uovo ed integrale al cacao) con stracotto di coda di bue, pastinaca e formaggio di capra croccante al radicchio

L’unico formato di pasta secca in carta (grave carenza in terra di pasta), spaghetti alla chitarra, è servito con olio di arance, cime di rapa, polpa di ricci di mare e calamaretti croccanti. Anche in questo caso un piatto molto ricco, dove prevale la morbidezza.

Re Mauri, spaghetti alla chitarra con olio di arance, cime di rapa, polpa di ricci di mare e calamaretti croccanti
Re Mauri, spaghetti alla chitarra con olio di arance, cime di rapa, polpa di ricci di mare e calamaretti croccanti

Gradevole e ricca di sapore la minestra di mare, servita, come una volta nelle case del Sud, con una base di pomodoro in cui bocconi di pane biscottato.

La minestra di mare "Re Maurì"
La minestra di mare “Re Maurì”

Tra i secondi, il menu del San Maurì recupera un pesce povero come la razza, qui servito con delle piccolissime seppioline, e una salsina di scorzonera, servita su della fregola mantecata.

Re Maurì, razza chiodata con fregola sarda, seppioline e scorza nera
Re Maurì, razza chiodata con fregola sarda, seppioline e scorzonera

Quello che segue, in realtà, è un antipasto. Ma in questo caso è stato scelto come secondo piatto. Ricca e grassa, come deve essere, una terrina d’anatra e fegato grasso d’oca con rabarbaro caramellato e tartufo nero.

Re Maurì, terrina d'anatra e fegato grasso d'oca con rabarbaro caramellato e tartufo nero
Re Maurì, terrina d’anatra e fegato grasso d’oca con rabarbaro caramellato e tartufo nero

Ben pensati e assembleati i dolci, a partire dal fresco pre dessert al rabarbaro, fragola e mandorla.

Re Maurì, pre-dessert: rabarbaro, fragola e mandorla
Re Maurì, pre-dessert: rabarbaro, fragola e mandorla

Per poi assistere, con la curiosità che rende tutti un po’ bambini, alla preparazione d’antan, sul carrello al tavolo, delle crepe suzette, con una salsa all’arancia davvero squisita.

Re maurì, le crêpe suzette
Re maurì, le crêpe suzette
Re maurì, la crêpe suzette
Re maurì, la crêpe suzette

Ci sono tutte le consistenze e tutte le nocciole d’Italia, da Giffoni alle Langhe – come recita il menu – nel goloso dessert con il cannolo croccante tra crema e semifreddo.

Re Maurì, A tutta nocciola da "Giffoni alle Langhe"
Re Maurì, A tutta nocciola da “Giffoni alle Langhe”

Imperdibile, per chiudere in dolcezza, la classica SantaRosa con crema e amarena insieme alla piccola pasticceria.

Re Maurì, sfogliatella
Re Maurì, sfogliatella

 

Re Maurì, piccola pasticceria
Re Maurì, piccola pasticceria

CONCLUSIONI

La cucina di Lorenzo Cuomo risponde bene ai canoni estetici della Michelin in un ambiente davvero molto bello dove la sala gira bene, ma riteniamo che il territorio ricchissimo di mare, pasta, orto, tradizioni, possa esprimere molto, ma molto, di più, soprattutto per la gioia della clientela straniera che vuole alcuni classici, magari rivisitati, ma comunque presenti in carta. La tecnica è inappuntabile, un po’ di acidità e freschezza in più non guasterebbero. In entrambe le direzioni qualche passo in avanti è stato fatto rispetto agli esordi. Per questo riteniamo che il locale ha ancora ampi margini di miglioramento perché ha tutte le carte in regola, tra cui il vantaggio logistico di stare a duecente metri dall’uscita austradale, per diventare qualcosa di davvero importante. Più territorio, più tipicità, qualche strizzata d’occhio al divertimento e ciò che è salita diventerà discesa.
Il Re Maurì ha un gran futuro da cucinare

Re Maurì, i vini
Re Maurì, i vini

 

2 commenti

  • Angelo D.

    (21 marzo 2016 - 18:01)

    È cresciuto Lorenzo, bravo e in bocca al lupo. E pure all’amico di sempre Robertino finalmente tornato alla passione di sempre!!

  • diodato buonora

    (21 marzo 2016 - 19:10)

    Bellissima recensione, precisa, chiara e professionale, che invita ad andarci. Proprio stamattina sono passato per un saluto a Roberto e Lorenzo, basta poco per capire che sono bravi. Appena ho da festeggiare qualcosa sarà la volta buona per regalarmi questa golosa esperienza. Continuate così. Complimenti.

I commenti sono chiusi.