Rocci Negroamaro Bianco Puglia Igt 2014 | Voto 86/100

Letture: 193
Rocci Negroamaro Bianco Puglia Igt 2014 Coppola
Rocci Negroamaro Bianco Puglia Igt 2014 Coppola

Azienda Agraria Niccolò Coppola 1489
Uva: negroamaro
Fascia di prezzo: 15,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 31/35

La Cantina Niccolò Coppola di Gallipoli è carica di storia, di cultura e di antica tradizione. La data di fondazione risale al lontano 1489 quando Orsino Coppola sposò la nobildonna Laura Cuti e da allora sono stati sempre coltivati la vite e l’ulivo, simboli di tutto il territorio salentino. Nel corso dei secoli la storia e la tradizione familiari si sono arricchite di personaggi famosi, che si sono distinti in tutte le professioni, nell’imprenditoria, nella vocazione religiosa, nella pubblica amministrazione e perfino nelle arti. Attuali proprietari sono i fratelli Giuseppe e Lucio, con le rispettive mogli, che hanno ereditato le sorti aziendali dal loro padre Carlo Antonio, purtroppo recentemente scomparso.

L’azienda dispone di quattordici ettari vitati disseminati in quattro corpi fondiari tra il mare Jonio e l’entroterra. Naturalmente si dà preferenza all’allevamento di specie varietali autoctone come il negroamaro, il primitivo e la malvasia nera. Col negroamaro si producono quattro etichette, tra cui un rosato ed anche un bianco denominato Rocci Negroamaro Bianco Puglia Igt, di cui ho assaggiato l’annata 2014. Si tratta del primo esperimento regionale in tal senso effettuato nel 2003.

Maturazione in acciaio, col 10% del vino che è stato passato in barrique per due mesi, e poi elevazione in vetro. Alcolicità di tredici gradi.

Controetichetta Rocci Negroamaro BIanco Puglia Igt 2014 Coppola
Controetichetta Rocci Negroamaro BIanco Puglia Igt 2014 Coppola

Colore paglierino tenue con luminosi e giovanili riflessi verdognoli. Bouquet denso di eterogenee fragranze di sambuco, di gelsomino, di ginestra, di pera, di salvia, di timo e di cariche sapide e minerali.

In bocca si posa un sorso leggero, delicato, etereo, suadente, fruttato e segnato da un ampio respiro di tenera morbidezza.

Una briosa ed avvolgente freschezza si espande per tutto il cavo orale, donando una sensuale ariosità ed un godurioso appagamento alle papille gustative. Tratto finale elegante e seducente, con incedere trascinante e voluttuoso e connotato da pieghe leggermente amarognole. Da abbinare a risotti, pesce, frutti di mare e latticini. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Gallipoli (Le) – S.S. 101 Km 34,500
Tel. 0833 201425 – Cell. 335 5953103
info@cantinacoppola.it www.cantinacoppola.it
Enologo: Giuseppe Pizzolante Leuzzi
Ettari vitati: 14 – Bottiglie prodotte: 50.000
Vitigni: negroamaro, primitivo, malvasia nera e vermentino