Roma, Antica Osteria L’Incannucciata

Letture: 79
Dino De Bellis

Via della Giustiniana, 5
Tel. 06 45424282
aperto: a pranzo e a cena
chiuso: il sabato a pranzo e la domenica

www.incannucciata.com

Prima di raccontare qualcosa di questo posto, del suo chef e della sua cucina, una necessaria premessa. Siamo nella periferia nord (incrocio tra via della Giustiniana e via Flaminia). Mi trovo in tarda mattinata bloccata con un’amica da un appuntamento saltato e insieme pensiamo ad una pausa pranzo di consolazione da Dino De Bellis, chef autodidatta super attivo che lavora proprio qui. L’amica che è con me telefona e prenota. Ci troviamo così, meno di un’ora dopo, senza preavviso, all’Incannucciata.

Rinunciamo al menu fisso e scegliamo quattro diversi piatti dalla carta. C’è tutto, ed è anche molto buono. Scopriamo solo alla fine che Dino non era ai fornelli. Sta girando un programma TV (anche lui??!!). In cucina, però, tutto gira come deve girare. Dino sarà anche autodidatta ma l’aspetto organizzativo (e anche quello della comunicazione) non gli è di certo estraneo.


 

L’osteria, alla quale Dino ha aggiunto l’aggettivo “antica” per ricordare che la struttura originaria sta lì da più di un secolo e con il suo semplice tetto in canne (da qui il nome) serviva per il ristoro dei pastori della zona. Oggi questa parte della periferia romana, che non è stata completamente devastata dall’edilizia, conserva infatti molti tratti della campagna romana, molto verde, olivi e tante pecore al pascolo. L’osteria è stata ristrutturata qualche anno fa con un piano di recupero responsabile e rispettoso dei materiali. Dentro le salette sono accoglienti, lo stile essenziale. Con il bel tempo si può usufruire del giardino esterno, quasi un patio, protetto da piante di ulivo.

Antica Osteria l'Incannucciata. I tavoli in giardino

Servizio molto alla mano ma attento, una lista dei vini con poco meno di 200 etichette con un buon equilibrio tra novità, classici, territorio e, non da ultimo, costi. Fa parte, inoltre, delle Tavole della Birra dell’Espresso.

 

Antica Osteria l'Incannucciata. Un angolo della sala

 

A pranzo, già da qualche stagione, funziona la formula del pranzo all’osteria: due piatti, un primo e un secondo, a dieci euro. La scelta, ovviamente, è limitata. Ma i prodotti sono sempre di qualità, le porzioni abbondanti e chi per motivi di lavoro si trova da queste parti, sicuramente apprezza uno spaghetto all’amatriciana e il classico salsicce e patate al forno (li abbiamo visti girare in sala e avevano proprio un bell’aspetto).

 Sempre disponibile, anche a pranzo, il menu alla carta. Abbiamo preso due antipasti e due primi. L’assoluto di cavolfiore: una crema di cavolfiore con la colatura di alici e cavolfiore fritto in pastella. La cosa più buona delle quattro, in assoluto (!). La crema di cavolfiore è delicatissima, perfetta. Il cavolfiore è stato ammansito al naso ma il sapore è reso gagliardo dalla colatura di alici. La frittura, poi, è leggerissima, prende quasi il volo dal piatto. Anche il pate di fegato di coniglio con cialde di polenta e piselli è un antipasto riuscito.  

Antica Osteria l'Incannucciata. Assoluto di cavolfiore
Antica Osteria l'Incannucciata. Fegatini di coniglio

Uno dei primi piatti, le mezze maniche alla carbonara, per dirla con l’espressione preferita di Pignataro, è un calcio di rigore. Eh Eh Eh…. Ma anche i calci di rigore si possono sbagliare. Invece qui l’entrata in porta è garantita: la pasta è di Gragnano (Pastificio dei Campi), la cottura p-e-r-f-e-t-t-a, grande equilibrio e cremosità di uovo e formaggio, guanciale croccante. Che golosità.

Antica Osteria l'Incannucciata. La carbonara di Dino

Anche l’altro primo piatto è di carattere: cannoli di crespelle gratinate al cinghiale con pomodoro e formaggio. Il ripieno al cinghiale, infatti, non è certo per palati delicati, robusto e un po’ selvatico. 

Antica Osteria l'Incannucciata. Cannoli di crespelle al cinghiale

Altro non siamo riuscite ad assaggiare, piatti di corpo, di sostanza. E abbondanti. Quindi, almeno a pranzo, difficile affrontare altro. Peccato perchè il menu prometteva bene: il tomino incartato in pasta fillo e guanciale su salsa verde, l’uovo in trippa alla romana chiamato affettuosamente da Dino “omaggio ad Arcangelo” (l’oste e amico Dandini ndr); i fusilli al ragù di agnello, gli ziti spezzati con ‘nduja robiola e arance, la guanciola di vitello con le patate, la faraona disossata ripiena con pane e salsicce e castagne, i bocconcini di agnello con verza ripassata e uvetta, la millefoglie di manzo in crosta di pane alle spezie e patate. Come a dire, ce n’è per tutti i gusti, quelli veraci da campagna romana e quelli veraci di altri territori e altre culture sperimentati con ordine e disciplina, senza svolazzamenti.

Insomma, se non si fosse capito, questo assaggio di Incannucciata ci è proprio piaciuto. E anche l’oste che non c’era, che grazie all’aiuto del suo secondo, Daniele Marchi, ha ben impostato una cucina classica, senza stanchezza e con tanta voglia di fare. Soddisfazione anche nel conto, per un pasto completo sui 40 euro.

 

Virginia Di Falco

12 commenti

  • leo

    (25 febbraio 2011 - 15:28)

    Ebbravo Dino ! una garanzia nella periferia romana :-)

  • vignadelmar

    (25 febbraio 2011 - 15:47)

    Dino è un bravo cuoco ed una brava persona…e per fortuna tifa per la squadra che porta il nome della sua città !!!
    .
    Ci si vede da lui il martedì di pasqua per il pranzo di solidarietà. Già, perchè Dino, come lo scorso anno, ci mette a disposizione la sua Osteria….non è da tutti !!!
    .
    Ciao

  • giulia

    (25 febbraio 2011 - 15:55)

    sono digiuna…. tutto molto invitante, Virginia qualche volt adovremmo fare un incursione insieme dove vuoi tu :)

  • dino de bellis

    (25 febbraio 2011 - 20:10)

    Grazie Virginia, dalla prossima settimana sono sempre qui’…
    Grazie anche a Leo e Luciano…e ricordatevi dell’Asta di Solidarieta….

  • Biagio

    (25 febbraio 2011 - 20:41)

    Grande Dino, ogni cena al l’Incannucciata è sempre una nuova scoperta!

  • Luciano Pignataro

    (25 febbraio 2011 - 21:16)

    Cara Virginia
    mi hai proprio fatto venire la voglia di lasciare Napoli per puntare dritto sulla carbonara di Dino. Ritieniti precettata, tanto da quello che ho capito, c’è o non c’è, è buona uguale:-)

    • giancarlo maffi

      (26 febbraio 2011 - 07:06)

      ho dei crediti da riscuotere in zona. potrei venire anch’io, così prendo due piccioni con una fava?

  • carmine

    (26 febbraio 2011 - 10:00)

    il tesoro delle cose semplici e belle dei sapori italiani

  • andrea petrini

    (26 febbraio 2011 - 13:08)

    L’Incannucciata, che frequento da tempi non sospetti, oltre al grade Dino ha uno staff di grande livello. Tutti ragazzi giovani e promettenti a partire da Daniele, secondo di Dino in cucina, grande promessa visto che non fa rimpiangere il tocco del maestro.

    Ah, quando andate fate un fischio!

  • dino de bellis

    (26 febbraio 2011 - 22:50)

    Vi Aspetto!!!!!

    • vignadelmar

      (26 febbraio 2011 - 23:12)

      Dino, dà retta a me, fai prima una cernita rigorosa, io alcuni di questi li conosco…..

      ;-)

      Ciao

      .

      • dino de bellis

        (28 febbraio 2011 - 11:43)

        mandami le foto Luciano:-)…

I commenti sono chiusi.