Roma, D.o.l. Il giacimento gastronomico di Vincenzo Mancino a Centocelle

Letture: 621
Vincenzo Mancino che racconta la sua Bottega del Gusto

di Virginia Di Falco
Chi conosce Vincenzo Mancino, anche solo per aver visitato virtualmente la sua Bottega del Gusto sul sito e su facebook, non si stupisce di sentir raccontare il suo «come è cominciata la storia». Una storia che inizia dieci anni fa con l’«okkupazione» di un’azienda agricola alle porte di Roma che stavano per espropriare e demolire. E continua con la difesa strenua e giornaliera di tutto quello che viene prodotto nella sua regione e con l’apertura della bottega nel 2006. D.o.l. è infatti un acronimo che sta per Di Origine Laziale.

D.o.l., uno scorcio della Bottega

Un piccolo locale nel quartiere Centocelle, pieno zeppo di tesori gastronomici legati tra loro da un filiera corta, spesso cortissima.
Sugli scaffali e nel bancone non ci solo prodotti, ma  decine e decine di storie. Come quella che mi racconta sulla tiella di Gaeta, torta rustica di mare, saporitissima, che gli viene consegnata due volte a settimana da chi la prepara in un piccolo laboratorio. «Non ha la forma tonda di piccola pezzatura come quelle tradizionali fatte in casa» ci spiega «perchè l’amico che la prepara si è inventato un sistema per distribuire in maniera uniforme pasta e polipo: una torta che costa 18 euro al chilo non può permettersi difformità tra cornicioni di pasta troppo spessi e la parte ricca di ripieno di pesce». Ergo: chi viene qui cerca la qualità, la paga ed è giusto che abbia sempre il meglio, anche rispettando le eventuali imperfezioni di una produzione artigianale.

D.o.l., la selezione dei formaggi
D.o.l., alcuni dei prodotti in vendita

Qui trova spazio e forma la voglia di cose buone fatte per bene, ma anche l’etica alimentare portata avanti con tutti i mezzi possibili, a partire dalla comunicazione on line (il sito web è molto ben fatto, con tanto di blog, catalogo e vendita on line) e anche con le battaglie a favore di piccole imprese familiari a rischio chiusura, o con le proteste — quando è il caso. Come è successo l’anno scorso quando Vincenzo ha fatto sparire dalla sua bottega un formaggio tipico della Ciociaria perchè il suo produttore lo aveva infilato per contratto in uno dei nuovi panini mcdonald’s.

D.o.l., l'angolo del pane cotto a legna

Ragazzo concreto, ma anche filosofo del cibo che crea comunità, identità, valori, Vincenzo dedica gran parte del suo tempo alla ricerca di produttori e a tessere reti, convinto com’è che non può bastare accontentarsi dell’ultima fermata di una filiera. E infatti lo trovi sempre a organizzare visite nelle aziende agricole, a casa di chi concia il formaggio o di chi lavora le carni del maiale.
E così, i biscotti della Tuscia, il prosciutto e il guanciale di Bassiano, il conciato di San Vittore, la bufala e i pomodori pelati dell’Agro Pontino, i prodotti freschi della campagna romana raccolti con i cassettoni bio, il pane di Lariano, la birra del Borgo della provincia di Rieti, i legumi e i cereali della riserva naturale del Monte Rufeno, gli oli dop regionali sono, ognuno a suo modo, un racconto, il frutto di un’amicizia, la scoperta di un piccolo viaggio.

E mi vengono in mente le parole di Michele Serra in un articolo di qualche anno fa nel quale individuava le ragioni del successo dell’enograstronomia critica e consapevole, legata al rispetto delle radici e del territorio, nella indispensabile ricerca del bene comune che ormai la politica ha abbandonato da tempo.

D.o.l., il pane cotto a legna di Lariano comprato qui. E mai arrivato a casa ;-)

E me ne esco dalla bottega di Vincenzo con un sacchetto di cose buone, pescandovi  – dopo solo qualche passo più in là – un pezzetto della fragrante pagnottina di Lariano. Che non arriverà mai sulla tavola di casa mia.


Via Domenico Panaroli 6/a (Centocelle)
dol@dioriginelaziale.it

www.dioriginelaziale.it
Telefono/Fax: 06.24300765

 

11 commenti

  • Rufoletta

    (3 febbraio 2012 - 10:41)

    Ci sono prodotti molto interessanti, se tutti agissero come Vincenzo un pezzo di economia sarebbe salva!!!!! Bravo Vincenzo e i produttori che fanno ancora cose gustose!

  • Angelina ballerina

    (3 febbraio 2012 - 10:45)

    Ho provato i pomodori pelati bio con basilico prodotto a Fondi. Che dire….. un’altra cosa! Complimenti a Rita di Vito e alla sua azienda!

  • andrea petrini

    (3 febbraio 2012 - 10:52)

    Grande Vincenzo!

  • dexter1966

    (3 febbraio 2012 - 12:03)

    Vincenzo è un vero amico. Lo è diventato per la sua capacità di trasmettere una passione, la sua passione, che diventerà anche la vostra conoscendolo.
    Non è da tutti… anzi, è privilegio di pochi.
    Al di là del merito – i prodotti in vendita nella sua bottega sono eccellenti – trovo vincente il metodo, la ricerca continua, l’onestà, l’entusiasmo.
    In sintesi…… CE NE FOSSERO!!!!
    Ciao Vincenzo.

    • Angelina ballerina

      (3 febbraio 2012 - 14:14)

      Condivido!!!!!!!

      • Rosa

        (10 febbraio 2012 - 17:48)

        Anch’io, DOL forever!

  • saxsymbol

    (3 febbraio 2012 - 12:45)

    non smetterò mai di dirlo, ho commentato vari articoli che parlano di questya bottega….per me sono i migliori…e non sono i prodotti a vincere questa sfida, ma è tutto il progetto che veramente ha quacosa di magico, sono persone vere, e al contrario di tutte le altre botteghe gourmet della città sembra quasi che non gli interessi vendere, a volte dalle altre parti ti senti affogato dall’offerta e dalle insistenze, assaggi questo e questo e questo altro…. da dol non è così… e se qualcosa mi incuriorisce non ho mai paura di chiedere perchè ci sente a casa…. grazie ragazzi.
    francesco

  • ReAlista

    (3 febbraio 2012 - 17:31)

    Grandissimo Vincenzo e i suoi prodotti meravigliosi!!!! LUNGA VITA A D.O.L.!!!!!

  • […] SFOGLIA LE ALTRE FOTO E LEGGI TUTTO SU: http://www.lucianopignataro.it/a/roma-d-o-l-il-giacimento-ga… Share this:EmailLinkedInTwitterFacebookStampaRedditDiggStumbleUponLike this:LikeBe the first to like this post. This entry was posted in Dicono di DOL, DOL: di origine laziale, lo trovi a DOL via Panaroli Roma, News saporite ;-) and tagged centocelle, di origine laziale, vincenzo mancino, virginia di falco. […]

  • Maurizio La Rocca

    (27 febbraio 2012 - 11:15)

    Vincenzo è sempre Vincenzo! :-)

  • Francesca

    (27 febbraio 2012 - 11:23)

    D.o.l. rispecchia il piacere del mangiar bene e di qualità, unito al rispetto delle tradizioni.
    Grazie a Vincenzo Mancino ed ai suoi collaboratori.

I commenti sono chiusi.