Roma, Eur. Ristorante Il Fungo – Quattordicesimo Piano

Letture: 826

 

Il Fungo, lo chef Stefano Galbiati

di Virginia Di Falco

Quanto sei bella Roma. Che in un posto che non ti aspetti, che non hai mai capito proprio bene bene che cos’è – e che cosa ci fa lì – ci trovi dentro un pezzo di modernariato da sballo, un’accoglienza super professionale e, udite udite, pure uno chef bravo.
Il Fungo. Il serbatoio idrico di cemento costruito all’Eur e completato nel 1960 in  occasione delle Olimpiadi. A cinquanta metri di altezza, il ristorante Quattordicesimo piano, con in testa ancora l’acqua che serve tutto il verde del quartiere.

La sala gira tutt’intorno alla testa del fungo, le finestre ti regalano istantanee di Roma quasi felliniane. Dimenticatevi le cartoline finte dell’ultimo film di Woody Allen. L’atmosfera è piuttosto quella delle Notti di Cabiria.
Arredo semplice, elegante, con il classico legno da interni di fine anni Cinquanta. Sobrietà e solidità.
In cucina Stefano Galbiati, classe 1970, esperienze in tutta Italia al fianco di Luigi Bugna, Ettore Alzetta, Elio Sironi, Gianfranco Vissani, e collaborazioni con Enrico Delfingher e Antonello Colonna. A metà degli anni Novanta l’esperienza delle due stelle Michelin al Belle Otero di Francis Chauveau. A Roma ha lavorato al Sans Souci, al ristorante Trattoria e con Massimo Riccioli alla Rosetta — anche questo una stella. Da quattro anni alterna la direzione della cucina del Fungo ad una scuola internazionale di cucina che lo porta spesso in Messico, Giappone e Colombia.
In sala Riccardo e Raffaele Reggiani conducono l’impresa in maniera impeccabile e partecipata, grazie anche ad uno staff giovane e preparato. E con la caparbietà necessaria in un posto non facile.

Ristorante Il Fungo, il benvenuto

Il benvenuto offre già da solo diversi spunti curiosi, e traccia la strada alla cena: garbo, scuola e sapori per nulla neutri. I primi piatti, entrambi marinari, fanno leva su una buona tecnica per presentare in equilibrio ingredienti importanti. I tagliolini alle ortiche sono abbinati al battuto di cozze, ai ricci, alle briciole di pane profumato all’aglio dolce.

Ristorante Il Fungo, tagliolini alle ortiche

I ravioli di gamberi, astice e scampi di Anzio sono serviti in una salsa densa di mare, profumata al coriandolo e zenzero, che ricorda quasi  il fondo di una bouillabaisse. Piatto corposo, pieno, solo un po’ più sapido di quanto avrei preferito.

Ristorante Il Fungo, i ravioli di gamberi e astice

Anche il secondo piatto è molto ricco ed elaborato, una salsiccia di rana pescatrice, servita con patate e crema di lenticchie e zucca.
Solo apparentemente semplice la polpetta di baccalà su una crema di ceci al timo, con cipolle rosse confit: in realtà un ripieno dalla mantecatura perfetta con il pesce addomesticato e reso delicato grazie anche ad una panatura asciutta e leggera.

Ristorante Il Fungo, salsiccia di rana pescatrice
Ristorante Il Fungo, pane, focaccia e grissini
Ristorante Il Fungo, polpetta di baccalà

La carta dei vini fotografa abbastanza fedelmente le etichette tra le più conosciute delle regioni italiane e c’è una discreta varietà alla mescita. I piccoli pani, le focacce e i grissini sono fatti in proprio.

Ristorante Il Fungo, meteorite di cioccolato alle fragole
Ristorante Il Fungo, meteorite di cioccolato, dettaglio
Ristorante Il Fungo, piccola pasticceria

Si chiude con la piccola pasticceria e un dessert – la meteorite di cioccolato alle fragole su crema di mango – che piace per l’accenno di sale aromatico nel cacao, e perchè grazie anche ai capperi di Pantelleria, non vuole essere piacioso a tutti costi. Conto sui 55 euro.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Nota a margine
Tra qualche giorno, a pochi metri dal ristorante, grazie a Slow Food, si inaugurerà un orto didattico. Ce lo racconta Riccardo, che essendo un imprenditore guarda con ottimismo e speranza ad una iniziativa che dovrebbe far guadagnare qualche chilometro quadrato di verde e di ossigeno all’asfalto, al cemento e alle cabirie dell’Eur.

 

Piazza Pakistan, 1
Tel. 06. 592 1980
Aperto a pranzo e a cena
Chiuso il sabato a pranzo e la domenica sera
www.ristoranteilfungo.it

7 commenti

  • Arcangelo Dandini

    (11 maggio 2012 - 11:06)

    Io i fratelli Reggiani li conosco da tanti anni e posso dire che hanno avuto tanto coraggio e perseveranza nell’aprire un’ attivita’ di qualita’ in una zona che non brilla da quel punto di vista. Bravi a loro e a Stefano, esemplare professionista!

  • Angelina Ballerina

    (11 maggio 2012 - 12:22)

    Bravissimi, i piatti sono interessanti e i gusti decisi. Altamente professionali! Il “luogo” permette una lettura antropologica delle segmentazioni umane/sociali!!!!!

  • Sfefania

    (11 maggio 2012 - 12:24)

    E’ tra i migliori ristoranti di Roma che prepara piatti di pesce. Vi hanno scoperti!!!!!!

  • carla

    (11 maggio 2012 - 12:27)

    Roma è una città splendida vista con i piedi a terra, figuriamoci da un quattordicesimo piano all’Eur!!!! Se poi te la puoi gustare accompagnandoti con questi gustosi e coloratissimi piatti, hai davvero l’impressione di toccare il cielo con un dito !! GRAZIE, ROMA !

  • monica

    (11 maggio 2012 - 19:23)

    I tagliolini alle ortiche sono spettacolari, ma questo ristorante merita una visita per tutti i piatti presentati. Virginia, ma dove li scovi questi paradisi culinari??? La meteorite di cioccolato è una tentazione alla quale non resisterò a lungo…

  • leo

    (12 maggio 2012 - 23:30)

    Location di una scena nel serial Romanzo Criminale .-)

  • damiano

    (3 agosto 2012 - 12:06)

    ragazzi la precisione e la Cortesia di questo locale fin dalla prenotazione è una cosa assurda tra qualche giorno ci andrò a mangiare , ma già son sicuro che ci stupiranno ancora un ringraziamento particolare al capo sala Nicola persona brillante e squisita nei modi sempre cordiali e precisi grazie ancora a tra pochi giorni.
    poi vi diro come ho mangiato ciao a tutti

I commenti sono chiusi.