Roma, il ristorante di Arcangelo Dandini è più giovane

Letture: 151
Arcangelo e Stefania Dandini

Via Gioacchino Belli 59-61
Tel.06.3210992
www.ristorantidiroma.com/arcangelo
Sempre aperto.Chiuso domenica e sabato a pranzo
Ferie ad agosto

Tutto diventa essenziale con la crisi e il cambio di abitudini alimentari, così anche una delle basiliche gastronomiche della Capitale, Arcangelo, si è rifatto il look adottando lo stile bistrot. Un alleggerimento piacevole, un gran bel bancone di legno nella sala principale dove poter bere un bicchiere di vino e provare uno o due piatti, una formula veloce a pranzo.

Il bancone di Arcangelo

La cucina di Arcangelo è classica, tradizionale ma non ferma, alleggerita e divertita nelle preparazioni e, al tempo stesso, impreziosita da una attenta e maniaca ricerca delle materie prime che riescono a fare la differenza anche nei piatti più collaudati e richiesti.

Arcangelo Dandini, la sala

Qui sono divertenti gli antipasti, entusiasmanti i primi con una cottura della pasta capace di far felice qualsiasi napoletano tanto è perfetta, buone le esecuzioni dei primi e dei secondi.
Ma la cosa che fa la differenza, oltre alla cucina affidabile, è la capacità di accoglienza in sala: coni clienti c’è sempre un rapporto personale e se sei nuovo si crea, se sei di passaggio hai voglia di tornare la prossima volta che sei a Roma.

Arcangelo
La tradizione romana, ben studiata nei dettagli, usata come trampolino. Ecco perché Arcangelo riesce a mettere tutti d’accordo.
Arcangelo, Il pane

Ottimo il pane, fatto in proprio con lievito madre: buono a saporito.

Arcangelo....era una bella giornata :-)

Ci beviamo il Fiano 2007 di Raffaele Pagano che troviamo in forma, dotato di una discreta acidità e ampia complessità per far fronte alla cucina ben strutturata del nostro.

Arcangelo, polpetta di melanzana

 

Arcangelo, i fritti

Divertenti gli antipasti, molto classico il gusto. Poi la batteria dei primi da incorniciare.

Rigatone all'amatriciana

 

Arcangelo, fettucce con animelle di pollo

 

Arcangelo, gnocchi con la pancetta
Rigatoni cacio e pepe
Il Barbaresco

Abbiamo fatto un testacoda Sud Nord con il vino passando il rosso a un Barbaresco.

Arcangelo, la polpetta

 

Arcangelo, la trippa

 

Arcangelo, la coda alla vaccinara

Tre calci di rigore nei secondi classici, presentati come trittico. Un trittico d’autore.

Arcangelo, la crema con capperi e olio

 

Arcangelo, i biscottini

 

Arcangelo, zuppa inglese e meringa

 

La cassatina di Arcangelo

In conclusione: Arcangelo è oggi uno degli interpreti più attenti e consapevoli della nuova cucina romana. Un punto di passaggio irrinunciabile se si vuole entrare nella gola della Capitale.
Per gli addetti ai lavori una emta obbligata, per gli appassionati un luogo dove vivere piacevolmente e a costi contenuti la cucina romana vocata alla qualità.
Il punto forte del locale è Stefania.
Quello debole eccolo qua:-)

Pasquale Torrente e Arcangelo Dandini

8 commenti

  • ANTONIO PAPA

    (1 ottobre 2012 - 10:33)

    UN SALUTO AGLI AMICI ARCANGELO E STEFANIA. ;)

    • Arcangelo Dandini

      (1 ottobre 2012 - 12:15)

      Un caro saluto a te.A

  • Arcangelo Dandini

    (1 ottobre 2012 - 12:14)

    Grazie mille!!! ps nun me toccate mi fratello Pasquale :-)

  • virginia

    (1 ottobre 2012 - 13:07)

    ma tu vedi se il computer si doveva blocca’ ad ora di pranzo sul piatto di gnocchi di Arcangelo, oggi! :)

  • Giancarlo Maffi

    (1 ottobre 2012 - 13:17)

    Allora ha raddrizzato la cottura! Nell’ultima mia visita la pasta era scotta:-)

    • Arcangelo Dandini

      (1 ottobre 2012 - 13:32)

      l’avevo cotta senza busta :-)

  • Giancarlo Maffi

    (1 ottobre 2012 - 13:18)

    E per fortuna non fa il risotto, altrimenti sai che danni…

  • Alberto

    (1 ottobre 2012 - 13:55)

    Precisiamo che gli gnocchi sono all’amatriciana e quindi NO pancetta…. ! :))))??

I commenti sono chiusi.