Roma, lunch al museo: il ristorante MACRO 138

Letture: 270
Macro 138. La direttrice di sala Leonella Taloni

Lo ammetto. Adoro i ristoranti nei musei. Soprattutto quando sono ben fatti e di qualità. Trasferirsi dalla pittura, scultura o fotografia all’arte della cucina è un passaggio logico rassicurante. Inoltre, da un punto di vista meramente pratico, il museum restaurant mi sembra una confortevole opportunità civica e civile da offrire ai visitatori — così come accade in analoghi contesti internazionali. Apprezzo molto, dunque, chi si organizza per un buon lunch (light sia nel menu che nella spesa) come il maestro Colonna fa ormai da diversi anni al Palazzo delle Esposizioni. Una pausa pranzo a prezzi contenuti, in una bella sala e con una hotellerie decente ristora non solo i visitatori, ma diventa un’occasione anche per un veloce break di lavoro o lo stimolo alla visita di una mostra per un residente un po’ pigro.

Il MACRO di via Nizza (Museo di Arte Contemporanea di Roma, l’altra sede si trova al Testaccio) è uno dei palazzi d’arte cittadini che offre questa opportunità. Terminato da poco più di un anno, dopo due lustri di lavori, comprende – ampliandola – la vecchia fabbrica della birra Peroni di via Reggio Emilia, al Nomentano. Se n’è occupata l’architetta francese Odile Decq, firmando con il suo consueto tocco rosso il vetro e l’acciaio della nuova struttura.

 

Macro. Il corridoio di accesso alle sale espositive

Da quello che si legge in giro, però, né l’opera della poliedrica bretone né il ristorante gestito di sera dallo chef Marco Milani sono piaciuti granchè ai romani. SPQR. Sempre Polemici Questi Romani? O c’è dell’altro?

Approfittando banalmente di mezza giornata libera ho deciso di fare una visita alle opere esposte fino a domenica 12 giugno e, come si dice, di annusare l’aria. Anche se so che a pranzo non c’è la cucina di Milani.
Sono proprio cascata bene, giacchè la prima installazione che ho incontrato – un’opera monumentale di Ernesto Neto che mette insieme dei pesi e contrappesi fatti di sacchetti di lino pieni di spezie – riempie di profumi tutta la sala Enel del pianterreno.

Ernesto Neto, «While Nothing Happens»

Ammetto che prima della spiegazione della guida all’ingresso, pur adorando cumino, cannella e cardamomo, ho pensato che non funzionasse bene l’impianto di areazione della cucina al terzo piano….
Le sale sono imponenti, lo spazio e la luce in mostra come le opere. Ci lavorano in tanti, e molte cose sono ancora da mettere a registro, come ad esempio l’ascensore dove i numeri dei pulsanti non corrispondono ai livelli dei piani. Intrigante il Laboratorio Schifano, un viaggio multimediale attraverso il recupero del quotidiano dell’artista mentre l’archivio di Fabio Sargentini sul suo “Attico” fucina di artisti impegnati nella «Ginnastica Mentale» alla fine degli anni Sessanta, apre uno spaccato su un decennio di grandeur romana nell’arte contemporanea, quando nella capitale si concentrava «il formicolio delle menti del mondo».

 

Macro. Terzo livello: Laboratorio Schifano

Ma veniamo alla pausa pranzo. Siamo all’ultimo livello. L’ingresso del ristorante è dalla terrazza, che ancora non è completamente allestita. All’interno una sala grande e luminosa, i colori e i materiali sono quelli del museo.

Macro 138. La sala

Nero, rosso, tanto vetro. Alle pareti vetrine frigo con i vini, tavoli sobri, un grosso banco con vini e distillati. Al centro, i tavoli con il buffet. Formula self service, i camerieri al tavolo chiedono cosa si vuole bere, si muovono con cortesia, e riassettano spediti.
Vengo colpita subito dalla figura della direttrice di sala. Volto sorridente, un fisico con la grazia e la forza da danzatrice professionista, si muove con risolutezza tra sala e cassa. Sguardo da regista, non perde di vista un tavolo. Sarà la reazione del mio inconscio all’indiscutibile eleganza della magrezza che mi fa dirigere decisa verso il tavolo delle insalate.

Macro 138. Le insalate

Questa parte del buffet è molto ricca. Oltre a tante verdure e ortaggi da condire a piacere, ci sono insalate di legumi, di grano e orzo, di polpo e ceci, di tonno, con mozzarella, insalata russa.

Macro 138. Il mio piatto di insalate

Dall’altra parte pasta, e i secondi piatti di pesce e carne.

Macro 138. Fusilli al pesto
Macro 138. Tubetti allo zafferano in insalata

I paccheri giganti al pomodoro e basilico hanno una bella faccia, poi ci sono fusilli al pesto e tubetti allo zafferano, anche questi in insalata. Tra i secondi di carne roast beef classico, pollo arrosto e ancora, patate al forno, zucchine grigliate.

Macro 138. Roastbeef e zucchine grigliate

E poi l’angolino dei dessert: tortino di cioccolato e panna cotta, crostata di visciole e noci, oppure, per chiudere con meno calorie, una ricca insalata di frutta fresca.

 

Macro 138. Crostata di visciole e noci

 

Macro 138. Macedonia

Si può prendere quello che si vuole e quanto si vuole. Il prezzo è di 15 euro, acqua inclusa. Nei week end l’offerta è più ricca e il prezzo a persona sale – si fa per dire – a 25 euro. A parte, si può scegliere un vino al bicchiere o dalla carta del ristorante.
Beh. Che dire di più. La mia insalata, anzi, il mio collage di insalate era buono. L’atmosfera rilassata e tranquilla, nonostante il solito manager con uso compulsivo del cellulare. E poi, a costo di essere impopolare, adoro questi posti non popolari. Se la struttura austera del Museo serve a filtrare l’ingresso di chiassosi paninari e cocacolari, io faccio un doppio brindisi a Odile Decq.
Virginia Di Falco


Ristorante Macro 138
Via Nizza 138
Aperto dal martedì al sabato dalle ore 12.30 alle 15.00 e dalle 20.00 alle 23.00 e la domenica dalle 12.30 alle 15.00.
Chiuso il lunedì e la domenica sera.
Si accede al MACRO 138 dall’ingresso del museo o tramite ingresso indipendente su via Nizza 138.
Per prenotazioni
tel. 06 8548274
www.macro.roma.museum

12 commenti

  • giulia

    (14 giugno 2011 - 09:57)

    inrigante , affascinante, rilassante, a napoli un posto così non riuscirebbe a stoppare paninari e cocalorai ahimè:)

  • domenico

    (14 giugno 2011 - 12:45)

    Boh, sinceramente io l’ho trovato un buffet piuttosto banale. Sconfortante se paragonato ai ristoranti “economici” di musei come il Guggenheim di Bilbao o il Moma di New York.
    Anche Open Colonna al Palazzo delle Esposizioni a pranzo ha un’offerta sicuramente migliore, con buon successo sia tra i locali che tra i turisti.

    • virginia

      (14 giugno 2011 - 19:20)

      beh, quando ci sono stata io c’erano una decina di insalate, quattro primi, quattro secondi, quattro contorni di verdure, tre tipi di dessert. Un buon servizio, una sala confortevole e acqua in bottiglia inclusa nel prezzo. Di 15 euro15. Tenderei a perdonare chi in cucina non si è sbizzarrito con la fantasia :-) poi, naturalmente, al margine di miglioramento non mettiamo mai limiti :-)

    • Pollicina

      (15 giugno 2011 - 17:28)

      Bilbao….. non ricordo un buffet migliore del Macro, forse perchè ci sono stata qualche anno fa! Mi sa che mi tocca tornare a Bilbao per per poter “riaggiornare” le mie percezioni/emozioni/gusti……..

  • claudio nannini

    (14 giugno 2011 - 13:53)

    Il 24 Giugno alle 19, in occasione della Campagna adesione amici del Museo del Mare di napoli la direzione offrirà un ricco buffet con ottimi vini in degustazione: Con la quota di adesione di appena 20.Euro si otterrà la tessera di Amici <Del Museo del Mare, si sosterrà una meritoria iniziativa e si parteciparà alla Festa di mezza Estate con musica live e tente altre interessanti iniziative. Siete tutti invitatati.

  • Luciano

    (15 giugno 2011 - 00:24)

    Brava, bell’articolo molto ben scritto. Non ho mai provato la sensazione regalata da un connubio estetico-gastronomico in così rapida successione: è singolare notare come gli ambiti del puro godimento siano spesso separati spazialmente. Paura di diluizione di uno nell’altro? Timore di involgarire quello che nel confronto “sazia” sfere più nobili? Onore al merito invece a chi, con questa commistione di arte e cucina, ha voluto e saputo mescolare il piacere della contemplazione estetica a quello del palato ottenendone un distillato cenestesico originalissimo.

  • Monica

    (15 giugno 2011 - 01:10)

    Ecco un caso in cui un museo offre una ragione più per guadagnarsi una visita. E poi concordo appieno, la struttura austera del museo filtra l’ingresso dei chiassosi paninari a tutto vantaggio di una pausa pranzo come si deve. A tavola resta comunque il primato di Colonna!

    • virginia

      (15 giugno 2011 - 11:34)

      eh eh… concordo! Il maestro è insuperabile, anche in questo!

  • eve

    (15 giugno 2011 - 10:21)

    è quando leghgo queste belle recensioni di posti poco popular, ma autenticamente globali, a portata della mia tasca, che rimpiango un pò il provincialismo della mia Napoli, doe posti così non sono arrivati, e forse mai arriveranno. Un periodo Culti spa aveva provato a fare un’operazione coraggiosa di brunch e lunch a buffet..ma è fallita presto.
    con tutto l’amore che ho epr la pizza e la tradizione, quanto vorrei che al Pan, o anche solo a Palazzo Reale, potessimo usufruire di posti così!

  • Artura

    (15 giugno 2011 - 12:10)

    Bell’articolo e soprattutto grazie che ci metti a conoscenza di queste chicche. In Italia abbiamo bisogno di qualcosa di buono…………….

  • Maria Rosaria

    (15 giugno 2011 - 13:47)

    Cara Virginia ma con tutte queste possibilità che hai di assaggiare in giro per l’Italia tante leccornie come fai a rimanere in forma?
    Io spero che non peserai un quintale. Comunque se ti serve una mano contattami così avrò anche il piacere di conoscerti. Spero che sei simpatica!

  • Rita

    (15 giugno 2011 - 21:24)

    Vedo che sei sempre più attenta ai cibi light; non è che poco a poco mi ti metti a dieta anche tu?
    E poi questi posti chi ce li scova? : -))

I commenti sono chiusi.