Pizza al Taglio a Roma: le sei migliori top e le sei migliori popolari visitate e giudicate da clienti anonimi

Letture: 30318
Pizzarium di Gabriele Bonci, il banco
Pizzarium di Gabriele Bonci, il banco

di Virginia Di Falco

La pizza al taglio a Roma è una religione. Più pizzerie al taglio che bar. Più pizzerie al taglio che uffici pubblici. Più pizzerie al taglio che funghi.

Insieme al supplì, l’unico vero fast food che mette insieme tutte le età, le classi sociali, le professioni e i mestieri. Soprattutto a pranzo. Dagli studenti ai turisti, dalle famiglie al ceto impiegatizio.
Si sceglie, si taglia, si pesa e si mangia in strada o, nel migliore dei casi, arrampicati ad uno sgabello. Diventata inevitabilmente, nel corso dei decenni, anche un cibo identitario. Ogni quartiere ha la sua pizzeria di riferimento, ogni romano la sua pizza del cuore, quella per la quale il tifo si esprime come allo stadio, senza mezze misure (e senza misura). Motivo per cui lanciarsi in una classifica delle pizze al taglio equivale ad attraversare un campo minato.
Ma noi ci proviamo lo stesso dopo la classifica delle migliori pizzerie a Roma

Angelo e Simonetta, con pomodorini
Angelo e Simonetta, con pomodorini

Per farlo, abbiamo tenuto conto innazitutto della grande trasformazione che c’è stata nel settore. Proprio come nel caso della pizza napoletana – ma di tanti altri prodotti popolari – è cresciuta negli ultimi anni l’attenzione verso le materie prime utilizzate e il metodo di lavorazione. Nel caso della pizza in teglia l’antesignano a Roma è stato sicuramente Angelo Iezzi, il primo a dedicarsi con metodo e professionalità all’aggiornamento dell’arte dell’impasto, lavorando sui tempi di lievitazione. Ma, soprattutto, a farsi portavoce di un modo nuovo di realizzare una pizza più leggera e digeribile e a creare su questo una vera e propria scuola. Non è un caso che più generazioni di pizzaioli abbiano frequentato i suoi corsi e riconoscano in lui il loro vero maestro.

La pizza fiori e alici di Angelo Iezzi
La pizza fiori e alici di Angelo Iezzi

Dall’attenzione per i tempi di lievitazione si è poi arrivati, nel giro degli ultimi dieci anni, a fare ricerca sulle farine e sui grani e, allo stesso tempo, a proporre tipologie diverse dalle classiche bianca, rossa e margherita. E qui questa rivoluzione ha senza dubbio il nome di Gabriele Bonci.
Certo questo virata ‘gourmet’ della pizza al taglio riguarda solo un numero ristretto di locali ma il fenomeno è sicuramente in espansione anche perché, essendo cresciuta l’attenzione di una larga fascia di consumatori verso i prodotti di qualità e origine certa, siamo di fronte ad un mercato apertissimo.

Bonci, prosciutto e cicoria
Bonci, prosciutto e cicoria

Un mercato che accoglie un numero impressionante di consumatori, sia che si tratti di locali che puntano ad una pizza al taglio di nuova concezione, sia quelli tradizionali molti dei quali continuano a proporre gusti classici, con un livello discreto dei prodotti utilizzati.
Questo è il motivo per cui dividiamo la nostra classifica in pizze TOP e pizze POP. Se da un lato, infatti, non si può non tenere conto dell’altissimo livello raggiunto da alcune pizzerie al taglio romane e degli ottimi risultati ottenuti alla fine di un processo di ricerca e sperimentazione; dall’altro lato non si possono ignorare le pizze più popolari, magari di quartiere, che fanno grandi numeri. Mentre per la prima categoria i numeri sono ancora poco significativi, per la seconda categoria la scelta è – per fortuna – abbastanza difficile. Qui di seguito una personalissima, ma motivata, selezione. A tutti voi, il compito di suggerirne altre: si aprono i commenti!

____________________Le TOP

  1. Pizzarium Bonci
    Gabriele Bonci ha cominciato per primo ed è rimasto il primo. Impasto eccezionale, lievitazione perfetta, farciture sempre riuscite. Un grande lavoro di mani, ma non solo. Nel mentre che ha continuato ad occuparsi di cibo – ma anche di corretta alimentazione consapevole e di agricoltura biologica –ha anche lavorato sull’aspetto della formazione. E della condivisione.

    Bonci, pizza bianca con salsiccia e mozzarella
    Bonci, pizza bianca con salsiccia e mozzarella
  2. Mani in Pasta
    Scuola Bonci ma soprattutto filosofia Bonci: Jacopo Mercuro, giovanissimo artigiano dell’impasto, con la sua minuscola bottega a Ostiense realizza dei piccoli capolavori. Il miglior rapporto qualità/prezzo a Roma.

    Mani in pasta, pizza alle tre patate
    Mani in pasta, pizza alle tre patate
  3. Pane e Tempesta e Pommidoro (ex equo)
    Un pari merito impossibile da dirimere. Pane e Tempesta per la ricerca sulle farine, la qualità dei prodotti e uno straordinario gioco di squadra, al forno e fuori. Mirko Rizzo con il suo Pommidoro perché è un esempio di pizza di quartiere popolare che emerge con un prodotto di ottima qualità e un pizzico di fantasia borgatara che non guasta.

    Pane e Tempesta, con lattuga scottata
    Pane e Tempesta, con lattuga scottata

    Pommidoro, pizza prosciutto e mozzarella
    Pommidoro, pizza prosciutto e mozzarella
  4. Forno Roscioli
    Un’istituzione. Un tempio. Una famiglia che ha cominciato all’inizio degli anni Settanta con il pane ed è diventata con i fratelli Pierluigi ed Alessandro il punto di riferimento anche per la pizza al taglio di qualità. A partire dalla loro memorabile ‘pizza e mortazza’ che – lo ricordiamo – sta ai romani come la pizza ‘a libretto’ ai napoletani.

    Forno Roscioli, pizza e mortazza
    Forno Roscioli, pizza e mortazza
  5. ProLoco DOL
    Una pizza in teglia servita al tavolo, come una pietanza. Il trancio che diventa piatto, in carta nella bottega ProLoco DOL di Vincenzo Mancino, avanposto dei prodotti laziali di qualità.

    DOL, pizza con ricotta e spianata
    DOL, pizza con ricotta e spianata
  6. Serenella
    Quando il confine tra top e popular è più sottile di quello che si pensa. Una piccola pizzeria su via Salaria in zona piazza Fiume. 72 ore di lievitazione da quando i tempi dell’impasto non erano ancora un manifesto pubblicitario, per un trancio di grande levità e digeribilità.

    Serenella, salsiccia e funghi
    Serenella, salsiccia e funghi

 

_______________________Le POP

  1. Angelo e Simonetta
    Angelo Iezzi è stato sicuramente l’iniziatore della new wave romana della pizza al taglio. La sua abilità è stata quella di stravolgere completamente la concezione dell’impasto, a partire dalla lunga lievitazione, facendo in modo che si potesse parlare di professionalità e competenza in un mondo contrassegnato spesso da improvvisazione. La sua pizzeria sulla Nomentana è diventata il punto di riferimento per intere generazioni.

    Angelo e Simonetta, patate e funghi
    Angelo e Simonetta, patate e funghi
  2. Zazà
    Nel centro del centro di Roma, un piccolo miracolo: un buchetto con banco e forno a piazza Sant’Eustachio dove romani e turisti fanno la fila per una pizza non turistica, molto più che gradevole, ben fatta e saporita senza essere salata.

    Zaza', caprese
    Zaza’, la caprese
  3. Re di Roma Pizza – La Casa del supplì
    Dal 1979 la pizza al taglio nel quartiere Appio-Latino. Locale dai grandi numeri, qui si sforna con tempi e quantità da catena di montaggio. Un personale che né la divisa d’ordinanza né la folla sono riusciti a spersonalizzare: col supplì (molto buono) esce sempre pure un sorriso. Margherita in bell’equilibrio tra croccantezza e superficie ben farcita e morbida.

    Re di Roma Pizza, la margherita
    Re di Roma Pizza, la margherita
  4. Da Luigi a Ostiense
    Altra attività trentennale. Siamo nel quartiere Ostiense. Una pizzeria a metà potremmo dire, tra l’affetto e il servizio, nel senso che c’è sia la dimensione dell’appartenenza al rione, con una clientela di habitué proveniente anche dai quartieri vicini, sia un bel po’ di impiegati e professionisti che lavorano in zona. Impedibile la pizza bianca ancora tiepida farcita con la mortadella, ricca e gustosa quella con zucchine.

    Da Luigi, pizza con zucchine
    Da Luigi, pizza con zucchine
  5. Forno Rossetti
    Prendiamo questa attività da più di mezzo secolo a Centocelle come esempio di un’altra categoria genuinamente popolare che bisogna considerare quando si parla di pizza al taglio. Quella del trancio delle panetterie (in questo caso alla pala). Una volta solo bianca e rossa, oggi con qualche variante in più, si vende da sempre insieme a rosette e ciriole. Profumo e fragranza più da pane che da pizza, irresistibile e imbattuta alternativa al panino.

    Forno Rossetti, pizza tricolore
    Forno Rossetti, pizza tricolore
  6. I Gemelli a San Paolo – Largo Beato Placido Riccardi, 5
    Chiudiamo con una pizza al taglio old style. Aperta nel 1957 a due passi dalla Basilica di San Paolo da due fratelli gemelli (da qui il nome), da 25 anni è ormai nelle solide mani di un nipote e del suo socio, Claudio e Mauro.

    I gemelli anni Settanta
    I gemelli anni Settanta

    Gusti classici: bianca a 8 euro al chilo, rossa, mozzarella, con funghi e poi pizza crostino e pizza ripiena. Niente pubblicità se non il passaparola, migliaia di fan sui social senza avere una pagina FB nè un sito web (e neppure un numero di telefono!): provate ad arrivare dopo mezzogiorno e resterete a bocca asciutta. Gli amanti delle lunghe lievitazioni e della farcia gourmet storcono parecchio il naso. Ma così è (anche se non vi pare).

    I gemelli, la bianca
    I gemelli, la bianca al rosmarino

 

12 commenti

  • Fabio

    (9 dicembre 2016 - 10:09)

    Uno dei due “gemelli” sta ad Acilia….Voglia di Pizza…..da provare

  • Simone

    (9 dicembre 2016 - 12:34)

    …da provare anche pizza 120 sempre ad acilia.

  • Virginia

    (9 dicembre 2016 - 12:51)

    Grazie mille, Fabio, lo so. Infatti questa di Acilia è una delle pizzerie ‘fuori porta’ che contiamo di visitare al più presto.

  • Ben Bevendo

    (9 dicembre 2016 - 20:10)

    Se volete estendere a Roma-zone limitrofe segnalo Danù a Velletri. Veramente da provare per qualità farine, lievitazione, materia prima, fantasia e passione. Direi una pizza gourmet.

  • Ste

    (11 dicembre 2016 - 08:13)

    Anche pizza gourmet vicino a piazzale Clodio

  • Giovanni

    (11 dicembre 2016 - 22:42)

    Da provare la pizza di Pizza pane e… alla magliana, impasto di grani macinati a pietra. Favolosa

  • Pitta

    (14 dicembre 2016 - 09:03)

    Se non c’è Pizza 120 di Alvaro Paganelli la classifica non è valida :-)
    Buona anche Voglia di pizza, ma quella di Alvaro è di un sotto pianeta.

  • Manfredi

    (15 dicembre 2016 - 10:44)

    Suggerisco pizzeria da Tullio quartiere Balduina.
    Ucciderei per la sua pizza coi pomodorini….
    https://www.facebook.com/DTP-Da-Tullio-Pizza-35452164443/

  • marco

    (18 dicembre 2016 - 10:58)

    Bellissimo articolo, la pizza grande realtà di Roma, quella al taglio soprattutto. In merito anche io vi suggerisco la mia preferita LA BOCCACCIA circonvallazione giannicolense 4. Ottima

  • marco

    (18 dicembre 2016 - 11:00)

    La pizza al taglio a Roma è una tradizione, bellissimo l articolo. In merito anch’io vi suggerisco la mia preferita. LA BOCCACCIA circonvallazione giannicolense 4. Buon appetito

  • Sergio

    (18 dicembre 2016 - 11:29)

    ci metterei nella lista senz’ombra di dubbio pizza “GEGE'” su via cassia non lontano dal gra. leggerissima e con farciture ottime

  • Marco

    (15 gennaio 2017 - 13:25)

    Serenella di via salaria e’ stata piu’ volte sopresa con dipendenti non proprio in regola e sotto pagati, pero’ la pizza e’ buona. saranno felici i titolari che almeno incassano

I commenti sono chiusi.