Not Only Bread: i migliori panini di Roma a piazza Navona. A quattro euro!

Letture: 188
Roberto Vitaliano, NOT ONLY BREAD

di Virginia Di Falco
E’ in assoluto il posto più insolito e piacevole dove mi è capitato di fare un panino negli ultimi anni a Roma. Insolito perché pur essendo molto moderno non c’è traccia alcuna di design nè di archistar. Insolito perché vende panini nel centro del centro di Roma che costano dai tre ai quattro euro (si, si: 3 o 4 euro, avete letto bene). Insolito perché come imbottire il panino e quale pane scegliere si decide tra una chiacchera e l’altra con il proprietario, senza fretta, come se lo conoscessi da sempre.

Roberto Vitaliano ha aperto quasi un anno fa questo piccolo locale in via di Parione, a cinque minuti da piazza Navona. Non ci sono tavoli fuori, insegne luminose o finti mazzetti di aglio e prosciutti appesi o – peggio mi sento – fiori artificiali simil shabby chic per richiamare l’attenzione di chi passa. Una porta smaltata color panna, come quella delle vecchie cremerie di una volta, il pavimento di graniglia anni Cinquanta, il soffitto con travi a vista e un banco frigo quasi completamente ricoperto da carta paglia dove vengono scritte le proposte del giorno. Tutti i prodotti in vendita (anche on line) sono infatti selezionati da piccoli produttori del Lazio, come ad esempio la fantastica porchetta del Casale di Martignano, il miele dei Monti Ernici, i sottoli della famiglia Quattrociocchi. E da bere non manca qualche buona etichetta di birra artiginale e di vini del territorio.

NOT ONLY BREAD, i crostini con zucca in pinzimonio e crema di pecorino

Non che non ci sia un menu. Anzi. Diligentemente suddiviso in bruschette, taglieri, panini, insalate, centrifughe di frutta e verdura e altri piatti da asporto è appeso in bella vista su una delle pareti. Ma è un menu che serve solo a farsi un’idea delle diverse combinazioni e abbinamenti dei prodotti in vendita scelti  e selezionati personalmente da Roberto. Perché, in realtà, nessun panino viene confezionato ‘in automatico’. Basta sedersi qualche minuto sui piccoli sgabelli di legno in attesa del proprio turno per rendersi conto che chi entra già dalla prima domanda: «con quale pane lo facciamo?» viene invitato a personalizzare il proprio panino. Si fa presto infatti a dire pane. Nelle ceste trovate ciriole, baguette, rosette, il pane morbido alle olive, quello da hot dog, il tipo casereccio da tagliare a fette, quello con i semi di sesamo. E si fa presto, ovviamente, anche a dire pecorino.

NOT ONLY BREAD, la ciriola con pecorino ai pistacchi e insalata

Trovate infatti quello più fresco alle noci o ai pistacchi, quello di media stagionatura, e così via. Decine di combinazioni possibili con sott’oli, verdure fresche o grigliate, salumi tipici regionali. I panini in carta sono 27, dal classico mozzarella e prosciutto al ‘Romano’ con spianata, caciotta, pomodori e insalata; dal ‘Paesano’ con la porchetta, i pomodori e i carciofini (squisito), allo ‘Sfizioso’ con pancetta e primo sale; al ‘Ricordo’ che Roberto ha chiamato così andando indietro nel tempo al panino casalingo della ricreazione del liceo, imbottito con pancetta e melanzane sott’olio.

NOT ONLY BREAD, pane casereccio con porchetta e carciofini sott’olio
NOT ONLY BREAD, pane al sesamo con spianata romana e melanzane sott’olio

In tema con questa aria da pizzicagnolo fuori dal tempo, qui non si va di fretta, si gusta il piacere di una chiacchiera e di un crostino, della scoperta di un nuovo piccolo produttore. E sempre con la voglia di condividere le novità così come le tradizioni regionali che resistono all’omologazione e ai panini di plastica.

NOT ONLY BREAD
Panini e Gastronomia da asporto

Via di Parione, 30
Tel. 328 976 5803
Aperto tutti i giorni dalle 10:30 alle 0:30
www.notonlybread.it

5 commenti

  • Giulia

    (30 ottobre 2014 - 10:36)

    Ti sei dimenticato di dire anche quanto è buona la ricotta con miele e cioccolato! !!!!!!

  • Charles Scicolone

    (30 ottobre 2014 - 16:20)

    I will be sure to go here when I am in Rome in February- looks like a great place

    • Virginia

      (30 ottobre 2014 - 18:02)

      Yes it is, Charles! Just four or five stools but a comfortable enjoying room to taste very good food from Lazio!

  • Carlo Romanelli

    (31 ottobre 2014 - 09:03)

    Roberto è fantastico e mette tutta la sua passione in quella che fa, quindi non si po’ mancare l’appuntamento, meglio se ripetuto :-)

  • Angelina

    (1 novembre 2014 - 11:14)

    Buonissimo! Ho provato diverse cose e devo dire che supera le aspettative! Lo stra_consiglio a chi ama le cose buone!

I commenti sono chiusi.