Roma, ristorante Antico Arco

Letture: 239
Antico Arco, lo chef Fundim Gjepali

di Virginia Di Falco

Non so se è per banale spirito di contraddizione. Ma dopo tante nuove aperture, nuove formule, nuovi locali multifunzione viene sempre voglia di fare pausa con un buon vecchio tranquillo ristorante. Soprattutto se ‘vecchio’ sta per consolidato, affidabile, confortevole. Proprio come l’Antico Arco di Patrizia Mattei, posticino sempre piacevole da frequentare, da quasi vent’anni in uno dei quartieri più suggestivi e panoramici della città.

Antico Arco, scorcio di una delle sale

Siamo al Gianicolo, in un palazzetto ottocentesco, con le sale ristrutturate nel 2009 con garbo moderno e sensibilità per i colori chiari e luminosi. Medesimo tocco delicato troverete nella mise en place e nel servizio, molto attento e puntuale ma senza pedanterie.

Antico Arco, il pane con i grissini alle noci

In cucina, dal 2008, un executive chef di origine albanese, Fundim Gjepali, da 18 anni in Italia, dopo qualche stage in Spagna e Francia. La scelta, precisa e determinata, di esprimersi con la cifra di un Mediterraneo aperto, lieve, senza steccati. Che infatti ritrovate in quasi tutti i piatti, nelle erbette profumate, nella scelta delle spezie, nell’abbinamento dei prodotti. Con proposte sempre di carattere ma mai troppo cariche o squilibrate.

Antico Arco, il fresco benvenuto

Il benvenuto con la sua versione del tzatziki vi dice sin dall’inizio da quale parte del mondo starete durante la degustazione, preparando le papille con una bella spinta acida e rinfrescante. La lettura del menu – che a pranzo è una versione un po’ piu’ light di quello serale – descrive una cucina curiosa e innovativa, anche se lo sguardo sulla Roma classica, proprio come dal belvedere del Gianicolo, è sempre presente.

Antico Arco, alici, burrata e fiori di zucca

Alla carbonara si da’ un tocco di stagione con i fiori di zucca d’estate e il tartufo in autunno, il ragu’ alla romana si reinventa col riso Carnaroli, il caprino e i fagiolini, l’agnello è proposto in tataki come antipasto.
Gustosa ed equilibrata la millefoglie di alici gratinate con burrata e fiori di zucca; ricco ma non greve il rosso d’uovo pochè, con una crema di ricotta delicatissima (presentata al posto dell’albume), cavolfiore e puntini di tartufo nero.

Antico Arco, il rosso d’uovo pochè

Classica ma impreziosita da un tocco speziato la zuppa di ceci di Spello e castagne all’anice servita con briciole di pane tostato al rosmarino. Ben equilibrati e ricchi di sapore i ravioli di spigola e scorfano con una salsa all’arrabbiata di pomodorini datterini.

Antico Arco, l’arrabbiata di datterini con i ravioli di pesce
Antico Arco, zoom sul raviolo di pesce all’arrabbiata
Antico Arco, la zuppa di ceci di Spello

Tra i secondi, battuta di fassona con foie gras affumicato e champignon e filetto di manzo con panure di nocciole (ma di sera la carta dei secondi piatti è più ampia).
Si chiude con dessert che, anche in questo caso, denotano una mano solida ed esperta che non rinuncia a qualche guizzo di fantasia. E non si resta delusi dalla classica cheese cake e dalla sfoglia tiepida con zabaione e frutta (che io però libererei volentieri dalla ‘grata’ di zucchero).

Antico Arco, la cheese cake di Fundim
Antico Arco, sfoglia tiepida con zabaione e fragole

Una carta dei vini ampia e interessante, con una ricca offerta al bicchiere completano un’esperienza davvero piacevole.
Conto medio intorno ai 60 euro.


Piazzale Aurelio, 7
Tel e Fax: +39 065815274
Sempre aperto, a pranzo e a cena
www.anticoarco.it
info@anticoarco.it