Roma, Ristorante Metodo Classico

Letture: 224
Paccheri al pesce bianco e limone

Il ristorante Metodo Classico ha chiuso. Lasciamo la scheda per archivio.

 

Virginia Di Falco
Allora. Qui funziona così. Solo pesce. Sempre fresco.  Raggio di provenienza: le poche miglia tra Terracina e Civitavecchia. Il menu non è scritto. E mai lo sarà: cambia a seconda di cosa decide il mare, quindi inutile fissare su carta le onde. Il «biglietto da visita» sono i circa venti piccoli antipasti. Crudi e cotti. I primi piatti, invece, sono sempre e solo quattro. I secondi dipendono dal pescato. Così è, se vi piace.

Non vi dirà molto di più, ma lo farà in una sala arredata con gusto e circondata dai fiori freschi dei quali si occupa personalmente, Samba Gaetani Lovatelli d’Aragona, proprietaria, insieme allo chef Marco Salis, di uno dei posti gourmet più trendy della capitale.

Samba Gaetani Lovatelli d’Aragona e Marco Salis (foto Porzioni Cremona)

Siamo in zona Flaminio, a due passi il capolavoro straordinario di Zaha Hadid. L’ingresso del locale è caldo e accogliente, si dimentica subito l’anonimo palazzone che lo ospita. L’ambiente e il servizio sono volutamente informali. Ma nulla è li’ per caso. I tulipani e i lilium sono scelti con cura, come le luci e gli arredi. Qui “classico” non è solo il metodo per le bollicine, ma anche il registro seguito in cucina e, più in generale, l’indirizzo che detta lo stile.

tonnarelli con gamberi rossi

La carta dei vini contempla circa 500 etichette (ma, ci spiega Samba, gran parte sono andate esaurite durante questi giorni di festa e quindi a lei non va di presentarla sguarnita. Ci fidiamo, noblesse oblige). Col timore di sentircele recitare a voce tutte circoscriviamo nella richiesta almeno l’areale. Con competenza ci suggerisce a voce tipologia di vitigno, caratteristiche e costo.

Si comincia dunque con la sequenza di antipastini. Tante monoporzioni di pesci, pescetti e crostacei. Tutti ben eseguiti, molto semplici e senza fronzoli. Maniera classica, appunto. Qualità e freschezza fuori discussione. Ombrina con zucchine alla scapece, gambero su salsa tzatziki, crostino con baccalà mantecato, scampo su nuvoletta di patate, arzilla su crema di broccoli, crostino con passata di bieta e arzilla fritta; mini panini fatti in proprio con mini burger di tonno.

Panino con hamburger di tonno (foto Aglio, Olio & Peperoncino)

Tra i quattro primi piatti, ne scegliamo uno rosso e uno bianco: tonnarelli con gamberi rossi e paccheri al pesce bianco e limone (versione del giorno con la spigola). Gli altri due in carta, ancora un rosso e un bianco, sono: linguine con scampi e spaghetti alle vongole veraci. La pasta ha il giusto punto di cottura, sapore e sapidità. Il pomodoro del piatto rosso si vede e si sente, ma non è aggressivo con i crostacei. Volendo optare per un secondo piatto si poteva scegliere tra fragolino, sarago, spigola, gamberi e gamberoni, mazzancolle, sogliola. Griglia o padella.

Per chiudere, tortino al cioccolato e cannolo siciliano aperto con crema di ricotta. Conto sui 55 euro. Se vi piace, così è.


9 commenti

  • liocorno

    (8 gennaio 2011 - 10:24)

    gamberi argentini rigorosamente surgelati a bordo.. solo per gourmet esigenti

  • marella

    (8 gennaio 2011 - 11:08)

    La De Falco ci stupisce sempre più per competenza e professionalità.
    Ccosa avrà in mente per questo 2011?
    Ad maiora

  • Antonio Scuteri

    (8 gennaio 2011 - 11:37)

    Sei proprio una professionista: io dopo la sequenza di antipasti (senza esagerare, erano almeno 30) non ce l’ho fatta a prendere anche il primo!!!

    • vignadelmar

      (8 gennaio 2011 - 12:44)

      A noi VERI professionisti “ce piace magnà e beve assssai…….”

      :-D

      Ciao

  • samba

    (8 gennaio 2011 - 14:21)

    i gamberi non sono argentini ma siciliani

  • salis

    (8 gennaio 2011 - 15:30)

    ….. ad essere precisi i gamberi nella foto sono i cosiddetti “striati, o testa viola” , freschi , e provenienti da fiumicino.
    …. parola!

  • Riccardo Morelli

    (10 gennaio 2011 - 00:20)

    Appena capito a Roma cerrrrto che ci vado !!
    Riccardo

  • Livia

    (10 gennaio 2011 - 14:42)

    Ad essere sincera ci sono stata. Dopo un passaggio al Maxxi. E’ chiara la scelta di puntare sugli antipasti, fino a stroncarti lì al punto che non riesci ad andare oltre. Senza nulla togliere alla cortesia, l’assenza del menù scritto è una grande pecca. Perché non si dà all’ospite la possibilità di fare una scelta ponderata. A me poi mette ansia il menù recitato, anche se me lo ripetono dieci volte. Certo, il menù viene costruito sul pescato del giorno e quindi è variabile. Ma è possibile, e doveroso per i commensali, presentarlo, con una semplice nota sulla disponibilità sulla base del pescato.

  • GBV

    (11 gennaio 2011 - 10:08)

    Abito a poche centinaia di metri da Metodo Classico e, incuriosito da alcune recensioni, ho provato ad andarci. La prima volta la sala era occupata da un matrimonio e va bene…al momento della prenotazione me la sono cavata con un “auguri agli sposi e alla prossima volta”. purtroppo, la volta successiva, ho avuto un’esperienza davvero spiacevole. non so chi mi abbia risposto ma è stato di una scortesia addirittura grottesca. ho chiamato di venerdì pomeriggio e mi è stato risposto con incredibile sufficienza che non era pensabile prenotare per la sera stessa trattandosi di un locale “esclusivo”.

    a quel punto, pur conscio di perdermi qualcosa di buono ed interessante, ho ritenuto che per quanto mi riguarda “esclusivo” significa che è escluso che io ci vada mai.

    peccato.

I commenti sono chiusi.