San Gregorio di Patù, Salento. Ristorante Da Mimì e il mare low cost

Letture: 757
Teresa e Mimì Cafiero

di Enrico Malgi

Foto di Biagio Ciano

Come dice la canzone di Murolo e De Curtis? “Ah l’ammore che fa fà”. Ed è proprio così: ti cambia la vita, ti proietta in un’altra dimensione e in un altro mondo, ti induce a fare cose straordinarie, così com’è capitato a Domenico Cafiero detto “Mimì”, il quale fu “catturato dal suo amore” (parole della figlia Teresa), quando nel 1972 dalla natìa Positano si trasferì a San Gregorio di Patù, splendido borgo marinaro del Salento ionico a due passi da Santa Maria di Leuca, per inseguire il suo sogno d’amore appunto, nelle sembianze di una bellissima ragazza del luogo. Mimì, un bel giovane alto, (Ca)fiero e pieno di risorse, all’inizio della sua avventura si diede subito da fare per costruire concretamente qui il suo futuro, non solo di marito e di padre, ma anche di ristoratore. Affascinato dal luogo magico, cercò di valorizzare questo minuscolo centro salentino, riproponendo in scala ridotta la sua Positano, che ha sempre portato nel cuore, anche, e soprattutto, sotto il profilo culinario. Dopo anni di sacrifici, di lotte e di sforzi enormi, che l’ha visto impegnato sempre col sostegno di tutta la sua famiglia, è riuscito finalmente a realizzare il suo sogno. E così, da qualche tempo possiede un caratteristico ristorante-bar proprio di fronte al mare limpido e trasparente del Salento, contornato da a lovely view.

A parte la vasta sala interna, che viene usata propriamente d’inverno, questo locale cala i suoi atout nella bella stagione, potendo esibire una panoramica ed accogliente terrazza che si affaccia direttamente sul mare, ombreggiata da alberi di pino e varia vegetazione mediterranea. L’accoglienza riservata ai clienti è molto curata nei minimi particolari e la gastronomia locale risente della ben riuscita contaminazione con quella della Costiera Amalfitana e della Penisola Sorrentina, che si fondono perfettamente in un appagante mix.

Terrazza sul mare

In cucina, nel frattempo, il testimone è passato nelle sicure mani del bravo ed esperto chef Marcello Biasco, genero di Mimì, coadiuvato, da uno staff di giovani abili e spicciativi, tra cui Massimo, Francesco e Giovanni, oltre che dalla moglie Teresa, vera factotum.

Lo chef Marcello Biasco con alcuni collaboratori
Massimo, Francesco e Giovanni

La tendenza è quella di preparare quasi esclusivamente piatti di mare, con una materia prima di elevata qualità e generosamente disponibile, come fortunatamente avviene da sempre in questo territorio benedetto da Dio. E allora sotto con le ganasce, per assaporare le delizie preparate per me ed il mio collaboratore Biagio Ciano.

In primis, ecco avanzare impettito un sestetto bene assortito che si propone ai nostri occhi e, subito dopo ovviamente, al nostro già salivante palato: impepata di cozze freschissime; insalata di mare superlativa; alici spinate ed impanate fritte paradisiache; seppie con salsa di peperoni imperdibili; calamaro in umido, con patate da leccarsi i baffi (e per fortuna io ce li ho…!) e purea di fave con cicoria e pane tostato da antologia.

Vari antipasti di mare
Insalata di mare
Impepata di cozze
Calamaro con patate
Purè di fave, cicoria e pane fritto

Dopo ecco presentarsi degli squisiti paccheri di Gragnano (reminiscenze di don Mimì) con la cernia; triglie ai ferri e, per finire (ecco la vera chicca di provenienza tutta partenopea), degli stupefacenti babà al rhum.

Paccheri di Gragnano con cernia
Triglie di scoglio ai ferri

Per accompagnamento ad un pranzo, così delizioso e sontuoso, abbiamo bevuto un azzeccato Sauvignon blanc “Vigna Case Alte” 2010 di Leone De Castris.

Io con una bottiglia di Case Alte di De Castris
Sauvignon salentino De Castris

Nel menù, comunque, don Mimì, tra le altre proposte, non rinuncia a presentare squisite leccornie della propria terra d’origine come gli scialatielli ai frutti di mare e quelli con gamberetti e rucola e poi penne alla sorrentina e calamarata.

Vista esterna
San Gregorio di Patù

Tra i dolci spiccano, oltre al classico pasticciotto salentino, il babà, come detto prima, la caprese e la delizia al limone. Insomma, Salento e Penisola Sorrentina vanno a braccetto di comune accordo, ammiccando e godendosi il panorama. Proprio com’è capitato ad una soddisfatta coppia di turisti parigini in libera uscita, che sedeva al tavolo vicino al nostro.

Tavoli apparecchiati

E sì che entrambi erano esperti di arte culinaria, perché, ho saputo dopo, essi gestiscono un avviato ristorante nella centrale Rue de Castellane, vicinissimo a Place de la Madeleine (avete presente Fauchon?). La domanda, come si dice, è sorta spontanea: j’ai aimé le déjeuner? “oui bien sùr” è stata la risposta.

Vista mare dal ristorante
Il mare di San Gregorio di Patù

E ho detto tutto, come dice Peppino Capone, alias Peppino  De Filippo, nel film “Malafemmina” di Camillo Mastrocinque.

Ristorante “Da Mimì”

Via del Mare – San Gregorio di Patù (LE)

Tel. 0833 767861 – marcello.biasco@libero.it

Prezzo: 25-30 euro mediamente, escluso i vini.

Aperto tutto l’anno.

12 commenti

  • Lello Tornatore

    (9 agosto 2011 - 15:13)

    Eh, ma ci sono baffi e baffi…quelli per il Fiano di Avellino, e quelli…per il vino da percoca …;-))

  • enrico malgi

    (9 agosto 2011 - 15:28)

    I miei baffi sono più belli dei tuoi ed il vino del Salento può competere con quello irpino, quasi come quello cilentano… E ho detto tutto.
    Abbracci.

    • Lello Tornatore

      (9 agosto 2011 - 16:24)

      Hai scritto tre bugie in un solo periodo…complimenti Enrico!!! ;-))

  • enrico malgi

    (9 agosto 2011 - 17:49)

    E babbé, come al solito hai sempre ragione tu. Però ti posso assicurare che il Salento è veramente un’incantevole terra, ricca di risorse naturali e paesaggistiche, con un mare davvero splendido (sono stato sia sull’Adriatico sia sullo Ionio ultimamente) ed i suoi vini sono impareggiabili ed anche convenienti per il prezzo. La cucina, poi, è sopraffina e deliziosa. Chiedi per conferma a Vigna.
    Abbracci.
    Ah, dimenticavo: io sostengo, comunque, che i miei baffi sono migliori dei tuoi…

  • tommaso

    (9 agosto 2011 - 19:51)

    Azz. me lo son perso. ci sarò di sicuro la prossima volta Ricù

  • Andrea Pepe Carvalho Pignataro

    (10 agosto 2011 - 12:05)

    Beh, passi per i vini, ma paragonare il mare del Salento a quello del Cilento è al limite della bestemmia… Acciaroli o Scario non valgono San Foca, figuriamoci Porto Selvaggio o Castro…

  • enrico malgi

    (10 agosto 2011 - 12:55)

    @ Tommaso, la prossima volta ci andiamo insieme, va bene?
    @Andrea, vedi che hai letto male il post e, comunque, non sono d’accordo che Acciarioli e Scario non siano alla pari dei pur splendidi borghi marinari che citi.

  • Andrea Pepe Carvalho Pignataro

    (10 agosto 2011 - 13:11)

    in realtà io parlavo del mare, non dei borghi (perchè come paesino Acciaroli è fantastica, mentre San Foca decisamente no!)… E comunque era una considerazione affettuosamente provocatoria, al pari del “vino da percoca”… Almeno spero. In ogni caso, da Salentino che vive in Campania, considero il Cilento (in estate e ancor più in inverno) uno stedding, un posto dove ricaricarsi di profumi e sapori simili a quelli di casa…

    • Lello Tornatore

      (10 agosto 2011 - 14:47)

      …e dei baffi, ne vogliamo parlare? ;-))

      • Andrea Pepe Carvalho Pignataro

        (10 agosto 2011 - 15:17)

        parliamone, parliamone, io stesso ne porto (saltuariamente in verità, di solito preferisco la barba) un paio alla Pancho Villa, ideale da leccare dopo aver assaggiato qualche squisitezza! :-) Ma certo non mi sogno di competere con i vostri!

  • enrico malgi

    (10 agosto 2011 - 16:00)

    Per ragioni artistiche, ho un contratto che mi lega indissolubilmente, per cui devo sempre curarmi i baffi…
    Andrea, per quanto riguarda il mare del Salento penso che l’abbia sottolineato ampiamente che è limpido, trasparente e pulito, anche se tra Torre San Giovanni e Marina di Ugento, dove recentemente ho soggiornato, l’ho trovato pieno di alghe. Proprio vicino c’è una località che si chiama “Maldive del Salento” che è davvero stupenda. Un’altra cittadina che mi ha affascinato enormemente, e che non conoscevo, è stata Otranto. Anche Gallipoli e Santa Maria di Leuca mi sono piaciute molto.
    Nel Cilento, comunque, ci difendiamo benissimo, stando tutte quelle bandiere blu assegnate, ti pare?

  • Andrea Pepe Carvalho Pignataro

    (10 agosto 2011 - 18:58)

    mi pare, mi pare… :-) anche se le bandiere, come le vele, le stelle, i cappelli, i gamberi e le mazzancolle varie, hanno meccanismi di assegnazione del tutto opinabili, a mio umile avviso…

I commenti sono chiusi.