Eventi da raccontare
2

San Martino in Cantina sul Vesuvio con la famiglia Sorrentino

15 novembre 2012

La famiglia Sorrentino con Marina Alaimo e lo chef Eduardo Estatico

di Marina Alaimo

L’azienda vitivinicola Sorrentino a Boscotrecase punta con decisione all’ospitalità ed all’enoturismo. E la risposta del pubblico è positiva grazie alla bellezza incantevole dei vigneti che risalgono il vulcano immersi nel Parco Nazionale del Vesuvio. Anche la vista sulla costa sorrentina e sull’isola di Capri rendono il paesaggio unico ed irresistibile. Il clima familiare che vi si respira poi crea un’atmosfera particolarmente piacevole ed accogliente.

Così in occasione dell’evento nazionale San Martino in Cantina pensato dal Movimento Turismo del Vino un folto numero di ospiti ha popolato i vigneti tinti dei colori dell’autunno.

I vigneti sul Vesuvio tinti dei colori dell'autunno

I vini Sorrentino

Ad ora di pranzo lo chef Eduardo Estatico ha preparato i piatti della domenica napoletana.

Menù di San Martino sul Vesuvio

benvenuto: crocche’ di genovese con cipolla ramata di Montoro

con Spumante DoRè

crocche’ di genovese con cipolla ramata di Montoro

antipasto: ricotta di bufala infornata con variazione di scarola spiana olive di Gaeta e capperi di Salina.

con Coda di Volpe Vinarium 2011

ricotta di bufala infornata con variazione di scarola spiana olive di Gaeta e capperi di Salina

primo: timpano di maccheroni al ragu’ classico napoletano

con Lacryma Christi del Vesuvio rosso Vigna Lapillo 2010

timpano di maccheroni al ragu’ classico napoletano

secondo: polpetta di manzo ” dal cilindro”, ripiena di uvetta e pinoli con involtino di papaccella.

con Don Paolo aglianico del Vesuvio  2009

polpetta di manzo dal cilindro ripiena di uvetta e pinoli con involtino di papaccella

dolce: le due facce della sfogliatella

le due facce della sfogliatella

con Passito Fiori di Ginestra

 

2 Commenti a “San Martino in Cantina sul Vesuvio con la famiglia Sorrentino”

  1. storico scrive:

    C’ero anch’io a fare rifornimento di energia spirituale bevendo vino e gustando i piatti del giovane chef. Che accoppiata vincente: matrimonio riuscitissimo quello tra i piatti e i vini. Eppoi il condimento giusto è l’ospitalità della famiglia Sorrentino che forse è un ultimo retaggio di quella degli antichi Romani che consideravano l’ospite un dono degli dei. Una giornata tra i vigneti con la musica discreta di una violinista e di un pianista. Uno storico arguto e saltellante come un folletto raccontava aneddoti e faceva rivivere atmosfere passate augustee e imperiali. Mi sembra che nascosto tra le foglie San Martino correva facendo svolazzare il suo mantello. Credetemi è vero.

  2. Sorrentinovini scrive:

    Nunc est bibendum! (Adesso si deve bere). E così è stato …..da bevitori appassionati abbiamo seguito anche l’11 Novembre il suggerimento del buon Orazio! E’ stato un evento all’insegna dell’allegria ,del buon cibo, della musica, della storia e della sana simpatia che non guasta mai!! L’estate di San Martino ha dato anche in questo giorno i suoi frutti…con un sole splendente lungo i nostri vigneti donando colori, luci e paesaggi autunnali dalle note calde e avvolgenti. Ringraziamo tutti coloro che con simpatia e gusto hanno partecipato alla giornata, speriamo abbiano apprezzato i nostri prodotti e la nostra ospitalità e si siano sentiti anche solo per un giorno parte della nostra grande famiglia!!! Ai prossimi eventi!! Staff Sorrentinovini