Santa Anastasia (Na), Ristorante ‘E Curti. La tradizione continua sul Vesuvio

Letture: 747
Ristorante 'E Curti

Via Padre Michele Abete 6
Tel 081.8972821
www.e-curti.it

aperto sempre, chiuso domenica sera e lunedì
Entro i 35 euro

di Tommaso Esposito

Questa volta non si sbaglia.
Passiamo per la piazza dal centro, costeggiamo la chiesa  e poi su su tra i vicoletti del borgo alto.
Ops, non ho con me la reflex.

Fa niente ci arrangiamo con iCamera.
E’ sera.
Siamo giunti tardi, quasi in chiusura, ma c’è sempre da mangiare.
Facciamola breve come dice don Carmine, il padrone di casa marito di Angelina Ceriello che sta in cucina con la zia ottuagenaria.
Nipoti entrambe di quei curti, giacché bassi di statura, che aprirono bottega un secolo fa.
Un po’ di antipasto con olive verdi tonde di Spagna e nere di Gaeta, involtini di melanzane e provola affumicata.


L'antipasto. Involtini di melanzane
L'antipasto. Provola di Agerola e olive

E il pane.
“Mannaggia, si t’abbuff’e pane, po’ nun magne cchiù”

Il pane cafone

Don Carmine, burbero per posa, ma di gran cuore e ospitalità, sorveglia e consiglia.
Però la fame è fame.
E il pane cafone, questo pane cafone, ci sta bene con gli intingoli e dà più gusto alla freschissima, seppure riposata, provola d’Agerola.
Con il primo andiamo sul must della casa.
Don Carmine si ostina a chiamarlo ‘O sicchio, cioè il secchio ché contiene un po’ di tutto.
La qual cosa non ricompensa la bontà della pietanza.

'O Sicchio. Vermicelli con olive, noci, nocciole e pomodorini del piennolo

Vermicelli con olive di Gaeta, noci, olive, nocciole, pomodorini del piennolo e cacio grattugiato.
Buonissimo.
Stocco e baccalà son finiti e così pure le alici che dalla cucina sarebbero giunte fritte o arrecanate.

Allora carni e frattaglie di capretto per secondo.

'E 'mbruglietielle

E ‘mbruglietielle al forno con le patate non vanno rifiutati, mai.
L’intestino del capretto si avvolge, si ‘mbroglia e s’arrevoglia d’intorno, a gomitolo, d’un gambo di sedano.
Al forno con le patate, un po’ di cipolla e pomodoro. Poi pepe e  pecorino grattugiato.
Uno sballo.

Ventresca di capretto con cipollotti e pinoli

Altresì è la pancia del capretto arrotolata su sé stessa al forno con cipollotti e pinoli.
Non c’è da narrare cosa alcuna.
Si assaggia, si gusta e basta.
C’è sempre quel pane cafone per raccogliere gli umori.
Ah il vino.
Ce ne sono di buoni in cantina. Bianchi e rossi tutti campani.

Il vino. Lacrimanero Olivella 2010

Vesuviani soprattutto come questo Lacrimanero delle Cantine Olivella.
Blend  di piedirosso, olivella e aglianico  intensamente rosso, non rude al palato.

Il tiramisù di Angelina

Il tiramisù di Angelina, immaginate voi, con le pasterelle Maria.
Ancestrale.

Il pasticciotto di Angelina

Poi il pasticciotto, cioè la sfogliatella desnuda, per scherzare con Goya.
Tutto il dolce è soltanto la farcia del migliaccio e della sfogliatella. Senza la frolla o la sfoglia.

Biscottini alle noci, cioccolatino al nocillo e Nocillo d' E Curti

Infine i biscotti alle noci .
Il cioccolatino dal cuore di Nocillo.
Un gioiello.
E il nocillo, appunto, il magico elisir delle streghe che ammalia e affascina sul finale del pasto.

Proprio come da mammà, a casa nostra.

7 commenti

  • Fabrizio Scarpato

    (27 gennaio 2012 - 12:36)

    La sfogliatella desnuda mi ha provocato un brivido, un mancamento. E’ una specie di sprofondo nell’intimo senza orpelli, senza preliminari. Poiché i concreti riferimenti sessuali risultano vaghi e in pratica perduti nelle nebbie del secolo scorso, credo si tratti di semplice, profonda e sconfinata gola. Che a pensarci bene è già una prova di esistenza in vita, basta accontentarsi.

  • milady

    (27 gennaio 2012 - 15:10)

    Condovido col sig. Fabrizio, la sfogliatella desnuda è “acquolinica” abbasatnza… ma lo spolvero che la sovrasta?????????

  • Tommaso Esposito

    (27 gennaio 2012 - 16:34)

    @ Milady
    Granella di gallette Le Marie (ricordi?) è lo spolverino che copre la desnuda. Impasto di ricotta, uova e zucchero. Che dici, ci provi.
    @ Fabrizio
    Sei grande, more solito!

  • Dani

    (27 gennaio 2012 - 21:51)

    Anche io ho avuto il piacere di assaggiare i loro piatti e di segnalarli. Un ristorante che merita davvero una visita!

  • Emy

    (24 febbraio 2012 - 13:38)

    Da quando conosco mio marito che viveva, prima del matrimonio, ad un passo da ‘E Curti…ogni benedetta volta che ci passiamo gli dico sempre: bobbiamo andarci! e lui, sistematicamente risponde: “cucinano molto bene ma, sono cari!” . Credo mi abbia sempre mentito per pigrizia!!!…parcheggiare la macchina per alcuni è un grande sforzo! :)

  • Antonio

    (28 aprile 2012 - 13:07)

    Probabilmente le foto sarebbero venute meglio con Camera Zoom per Android ICS 4.0.3. Non ho molta simpatia (e a ragione) per la mela bacata! Comunque, ‘E Curti sono i migliori in tutta l’area vesuviana!

  • Roberto

    (28 aprile 2012 - 19:29)

    Dopo la riapertura ancora ci devo andare , ma subito…. devo ritornarci.

I commenti sono chiusi.