Santari 2011 Fiano di Avellino docg, il fascino del tempo

Letture: 350
Santari 2011

A volte è bello verificare il proprio lavoro a distanza di tempo e trovare conferma delle scelte. Nonostante sia partita solo nel 2008, la piccola azienda Filadoro di Lapio, poco più di 50mila bottiglia e sette ettari vitati, è stata la prima a Lapio ad impostare un Fiano da mettere con un paio di anni di ritardo sul mercato.

La mano ferma e felice di Angelo Valentino, ormai enologo di lungo corso in Irpinia dove è al lavoro da vent’anni, con queste sfide va a nozze perchè i suoi bianchi sono sempre tendenzialmente più ricchi e di buon corpo.

Riproviamo il Santari 2011, Fiano di Avellino premiato con il riconoscimento «Grande Vino» dalla Guida Slow Wine da noi coordinata in regione e ci rendiamo conto di come questo vino abbia fatto un ulteriore balzo in avanti dopo un anno di bottiglia.

L’evoluzione del Fiano, tra l’altro in una annata abbastanza difficile da gestire, è addirittura straordinaria. I sentori di frutta bianca sono affiancati adesso da spezie, una leggera tostatura, in bocc aè pieno, fresco, ampio, lungo.

Fa quasi pensare ad un passaggio in legno nonostante sia stato lavorato solo in acciaio.

Questa ennesima prova di forza di Lapio conferma che la vera partita tra gli areali più vocati è quella con Summonte, dove prevalgono sentori fumè più marcati. Questione di suoli, esposizione, ma anche do fortissime escursioni termiche anche nelle giornate più calde.

E ci conferma anche che se è vero che il Greco resiste al tempo, il Fiano ci guadagna elevandosi e manifestando l’ambizione della complessità, tanto più preziosa in un’epoca che vive adorando il totem della semplicità e della velocità.

In queste colline il tempo trascorre invece lento, e così facendo i produttori impegnati a lavorare questa uva pregiata si trovano improvvisamente davanti a molti altri, magari più preoccupati di stare su Facebook che nel vigneto.

Sede a Lapio, contrada Cerreto 19. Tel. 089 982536. www.filadoro.it. Ettari 7,5 di proprietà. Bottiglie: 50.000