Sara e Luca Carbone, lampi di rivoluzione culturale al Sud

Letture: 159
Sara e Luca Carbone

Sabato a Melfi si è svolto un piccolo grande evento, di quelli che possono smuovere le cose e cambiare la mentalità delle persone.

Vinix a Melfi

Vinix Live a Melfi nelle cantine Carbone dove Sara e Luca, aiutati dalla mamma e da tutta la famiglia, hanno organizzato una degustazione con belle cantine coinvolgendo anche qualche produttore di alta qualità della Campania e della Basilicata.

Il Formicoso seppellito dalla neve (Foto Lello Tornatore)

Di eventi organizzati attraverso la rete ormai si è perso il conto, ma questo non me lo sono voluto perdere e ho fatto volentieri la spola tra Taurasi dove abbiamo presentato la Guida Slow Wine e Melfi passando per il Formicoso, l’altopiano irpino che cuce Lucania e Puglia dove maggiore è stata la violenza del gelo siberiano: duecento chilometri tra pareti innevate in un paesaggio nordico e spettacolare.

 

La mia macchinetta a metano (Foto Lello Tornatore)

Impossibile descrivere quanto mi piaccia guidare qui e nella Daunia, sembra di navigare perché sei tu e il tuo mezzo. Niente altro. Purtroppo eravamo senza Pink Floyd

Le pale eoliche sul Formicoso (Foto Lello Tornatore)
Podolica sul Vulture (Foto Lello Tornatore)

 

Arrivo a Melfi (Foto Lello Tornatore)
Melfi, Carbone (Foto Lello Tornatore)

Dei vini, molto buoni, almeno quanto il conciato romano e la mozzarella di bufala di Barlotti, faremo i consueti approfondimenti nei prossimi giorni, lampi di emozione in tutti, stupore papilloso davanti al Perricone delle Cantine Barbera e al Macchiarossa di Cipressi

Ma quel che veramente conta è la novità di Sara e Luca Carbone, già in movimento da qualche tempo per la verità: e che cioé i produttori vicini da concorrenti diventano opportunità nel mondo della comunicazione globale. Così il miglior modo per promuovere se stessi è mostrare di essere parte di un tutto, quel tutto capace appunto di far fare centinaia di chilometri agli appassionati.

Con Sara ieri a Melfi per Vinix Live

Una verità così banale, scontata, che però in Italia e al Sud in particolare equivale ad una Rivoluzione Copernicana. E Credo che questo dipenda dalla nuova generazione di vignaioli del 2.0, di manifestazioni come Terre di Vino e Parlano i Vignaioli che creano una nuova atmosfera, la capacità di fare volume non per un imperativo etico kantiano, ma per resistere in campagna e affermarsi nei mercati.
Vedere quella piccola manifestazione ieri, un produttore che ospita altri produttori,  e metterla a confronto con le ottusità ancora forti di gelosia di marchio se non addirittura di territorio, alle infantili riproposizioni di primati, al sogno di taluni di esistere o restare da soli è come mettere a confronto l’intelligenza umana alle pulsioni primordiali degli spermatozoi.

Certo, tutto è migliorabile, per esempio il punto debole della manifestazione di ieri:-)

Giovanni Gagliardi, Lello Tornatore e Nicola Campanile: Calabria, Campania e Puglia!

Scherzi a parte, per fortuna si moltiplicano sempre più le occasioni di confronto e di stare insieme dei produttori. Ho notato che hanno tutti una caratteristica: usano i soldi, ma non sono usati dal denaro.

E allora, musica

12 commenti

  • Lello Tornatore

    (19 febbraio 2012 - 12:21)

    …se proprio vogliamo essere onesti…”il punto debole”…era il fotografo!!! ;-))

  • Giulio Cantatore

    (19 febbraio 2012 - 12:42)

    Volevo esserci ma purtroppo ero impegnato al lavoro, comunque un mio cliente presente alla manifestazione ieri sera era a cena da noi e mi ha omaggiato di una formettina del Conciato Romano de La Campestre che fra l’altro proprio ora sono su La7, insieme ad una bottiglia di Grecomusc.
    Complimenti a Sara Carbone ed alla sua famiglia.

  • Filippo Ronco

    (19 febbraio 2012 - 14:17)

    Per chi volesse saperne di più su cosa è un Vinix Live! (con il punto esclamativo, è importante!) su come si organizza e su come sia nato e come venga gestito il format: http://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=3116

    Ciao, Fil.

  • Michele Delvecchio

    (19 febbraio 2012 - 16:02)

    Complimenti alla gentilezza dei padroni di casa e all’entusiasmo di tutti i produttori presenti. Il luogo ere davvero suggestivo. Bravi.

  • Giancarlo Maffi

    (19 febbraio 2012 - 17:22)

    Bah. Ogni scusa e’ buona purche’ Tornatore non debba starsene a lavorare a tenuta montelaura. Di sabato, poi. Uno scandalo internazionale, direi.

    • Lello Tornatore

      (19 febbraio 2012 - 18:18)

      La prossima volta facciamo spostare l’evento al lunedì successivo…va bene così ??? ;-))

  • Manuel Lombardi

    (19 febbraio 2012 - 18:24)

    Splendida atmosfera, una Melfi incantevole con ancora tanta neve in una giornata di sole, il sorriso avvolgente di Sara Carbone e della sua splendida e forte famiglia (Ci hanno coccolati a noi produttori da quando siamo arrivati fino alla fine nei minimi dettagli facendoci sentire sempre a nostro agio), il piacere di conoscere ancora meglio produttori campani come barlotti e casa setaro il tutto abbinato ai vini e quindi alle storie delle cantine del nostro sud che per una volta si sono ritrovate tutte insieme fianco fianco. Ascoltare poi le storie delle brava Slawka G. scarso sui vini e di chi li produce della nostra bella italia e’ stato gratificante ed emozionante. Il grandissimo piacere di incontrare Lello e Luciano grazie al quale ho conosciuto Sara a Milano nel giugno del 2010 per un convegno a cui lo stesso Luciano ci aveva segnalati per raccontare le nostre piccole storie. Gira gira in tutto quello che che di buono accade c’e’ sempre lo zampino di Luciano che unisce e mette insieme le persone. Grazie. E poi per finire questo bellissimo Vinix Live ci ha fatto rincontrare con delle bellissime persone di Roma conosciute in occasione di una serata Slow Food Roma, con i quali abbiamo passato una grande serata ieri sera a cena tra racconti, storie vere e genuine. Grazie vinix live e Sara per l’invito!

  • Filippo Ronco

    (19 febbraio 2012 - 18:35)

    A questo punto, per non perdersi i prossimi Vinix Live! immagino che alcuni di voi vorranno cominciare a frequentare questa meravigliosa community per la quale mi onoro di lavorare e che da ormai diversi anni cresce sia on che offline con grande attenzione, rispetto e trasparenza nei confronti del lavoro di tutti gli operatori della filiera enogastronomica. Se qualcuno che ha partecipato alla manifestazione volesse prendervi parte, trova le modalità di registrazione sulla homepage del sito: http://www.vinix.com

    Devo ringraziare Sara a nome di tutta la community, per aver preso le redini in mano di questo primo Vinix Live! del sud. Ci voleva una buona dose di coraggio, altruismo e desiderio di condivisione e Sara incarna benissimo tutte e tre le qualità. E’ il tredicesimo, pensate. La tredicesima volta che una community online sposta e muove persone, aziende, vini, territori offline. Il tutto in un clima che come da tradizione è totalmente informale, sereno, piacevole, di massima vicinanza tra produttore e fruitore della manifestazione che poi è il desiderio principale del format. E’ la dimostrazione di come queste due cose, la rete e la vita di ogni giorno, vadano e possano andare così bene a braccetto rinvigorendosi l’una con l’altra vicendevolmente. Presto, su Vinix, le date dei prossimi Vinix Live! in giro per l’Italia, arrivederci a presto.

    Un caro saluto.

    Fil.

  • maurizio gily

    (20 febbraio 2012 - 14:21)

    i produttori vicini da concorrenti diventano opportunità nel mondo della comunicazione globale. Così il miglior modo per promuovere se stessi è mostrare di essere parte di un tutto, quel tutto capace appunto di far fare centinaia di chilometri agli appassionati

    Ben detto Luciano. E’ anche l’argomento del prossimo editoriale su Millevigne. Non è la prima volta che in vari modi si esprime il concetto, ma evidentemente le teste sono tetragone, perciò repatita iuvant.
    Complimenti a Sara e Luca.

  • Salvatore LANDOLFO

    (20 febbraio 2012 - 15:35)

    Che peccato non aver potuto partecipare, ero impegnato con Dario Sciolla (BRICCO DEL CUCU’) produttore di Bastia Mondovì (CN) che è stato da noi a Caserta Venerdì e Sabato scorso per farci assaggiare le sue nuove uscite.
    Si al Vinix live che seguo ed inseguo dalla sua prima uscita e proprio grazie a Vinix ormai già da qualche anno ho avuto modo di conoscere persone come Sara e Dario, che menzionavo prima, ed assaggiare i loro splendidi prodotti.
    Sarei tornato volentieri a due settimane di distanza, si perchè due settimane fà abbiamo vissuto con Winevent, grazie all'”uomo sul campo” Sara Carbone, col supporto del fratello Luca e di tutta la famiglia, un entusiasmante fine settimana tra visite e degustazioni in un territorio bellissimo tra gente, a dir poco, accogliente.

    A Fil, Sara e gli altri dico sarà per la prossima, anzi gia come detto altre volte a Fil, cercherò di essere il prossimo ad organizzare un Vinix Live al Sud.

    Complimenti a tutti

  • Marilena Barbera

    (21 febbraio 2012 - 12:16)

    VinixLive! è stata un’esperienza bellissima e sorprendente: produttori che, insieme, raccontano i propri vini e le specialità alimentari come parte di un progetto comune, che va oltre la semplice promozione, oltre la comunicazione istituzionale e aziendale.
    E’ il modo giusto di fare sistema, di creare sinergie e sviluppare nuove idee, progetti di collaborazione, uniti dalla consapevolezza che soltanto così si possono superare le solite barriere che rendono la vita delle piccole aziende più difficile di quanto sia oggi sopportabile.

    Sara e Luca sono stati splendidi, insieme alla loro famiglia, lo specchio della vera e sincera ospitalità del Sud che ha reso speciale questa giornata.
    Un grazie, grandissimo e sentito, a tutti gli amici che hanno partecipato e che hanno degustato con interesse e curiosità, e… al prossimo VinixLive!

I commenti sono chiusi.