Saracé 2004 Fiano Paestum igt

Letture: 30

POLITO VITICOLTORI

Uva: fiano
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ancora un Fiano del Cilento per questa nuova azienda gestita dal presidente della Strada del Vino. Ancora un segnale di come questo vitigno si sia ben acclimatato nel territorio regalando grandi emozioni agli appassionati e ai cultori della biodiversità: rispetto al bianco di Avellino c’è sicuramente meno mineralità e un tocco di potenza in più, ma il bicchiere resta tutto sommato gentile, a cominciare dal colore giallo paglierino. Al naso prevalgono inizialmente note floreali, poi quelle di frutta bianca ben evoluta: ma è in bocca la sorpresa maggiore, perché l’ingresso è abbastanza morbido, persistente, ben strutturato e il bicchiere dimostra una evoluzione migliore rispetto alla stessa annata in Irpinia dove il Fiano segna un certo ritardo anche rispetto al Greco. Insomma, fa più caldo e si sente. La mano è quella di Alfonso Rotolo, al lavoro sulle colline di Agropoli con sapienza antica contadina e voglia di fare superando ogni ostacolo e intoppo, come quello di affidarsi inizialmente alla grande distribuzione. Il Fiano di Enzo Polito, lavorato alle porte del Parco Nazionale del Cilento, lo beviamo sicuramente sui piatti di pesce cucinati dal Ceppo di Agropoli e da Brezza Marina di Paestum.

Sede ad Agropoli. Via Mattine, 84. Tel. 0974.840084. Fax 0974.838769. www. fattoriecilentane.com. polito.viticoltori@libero.it. Enologo: Enzo Polito con i consigli di Alfonso Rotolo. Ettari: 4 di proprietà. Bottiglie prodotte: 15.000. Vitigni: fiano, trebbiano, malvasia, aglianico, barbera.