Sassano, Caseificio Fratelli Starace

Letture: 159

Fratelli Starace
Via Molinella Loc.Silla 84030
Tel. e fax 0975.72536
E mail: f.llistarace@tiscali.it
Vendita al pubblico:
Presso il caseificio, aperto dalle 8 alle 14 e dalle 16 alle 20. Chiuso domenica.
Allevamento proprio: no
I prodotti: fiordilatte, ciliegine, trecce (in varie misure), bocconcini, aversane, burro, ricotta fresca e stagionata, scamorza bianca e affumicata, burrini, caciotta fresca e stagionata.

Il fiore all’occhiello di quest’azienda è il caciocavallo silano Dop per il quale ha meritato la chiocciolina di Slow Food.
E’ il latte vaccino di qualità del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, uno dei segreti della mozzarella del caseificio Fratelli Starace di Sassano, proveniente da ben 57 allevamenti selezionati. Un’azienda prevalentemente al femminile: le socie, infatti, sono le sorelle Velia e Maria Starace e Vincenza Loguercio. Ma, soprattutto, è un’azienda a conduzione familiare. Il casaro, infatti, è Achille Starace, fratello di Maria e Velia. Fu lui, nel 1975 ad aprire l’azienda, trasformata in società nell’83 con l’arrivo di Donato De Luca. Ciò fu possibile grazie agli altri familiari che hanno creduto nell’idea al punto da partecipare a loro volta. Ancora oggi Maria e Velia Starace lavorano nel caseificio. Maria si occupa delle fasi del confezionamento dei prodotti e Velia della parte amministrativa insieme a Vincenza Loguercio. Nel ’90 una nuova svolta si ha con l’inizio di una gestione più attenta al marketing curata da Achille De Luca, figlio di Maria e marito di Vincenza.
Ogni giorno vengono lavorati, in parte a mano, in parte a macchina, circa 40 quintali di latte non pastorizzato. I prodotti vengono acquistati da padroncini che li rivendono a piccoli alimentari e negozi di prodotti tipici. I prodotti dei fratelli Starace si possono mangiare anche in alcuni dei più noti ristoranti del Vallo di Diano e del Cilento. Tra questi La Marchesina a Teggiano, Casale San Pietro a San Pietro al Tanagro, Il Rezzo a Monte San Giacomo e Pepè a Camerota. O ancira è possibile mangiare formaggi e mozzarelle di questo caseificio in altre regioni d’Italia, in particolare a Palermo in Sicilia e a Cosenza in Calabria.
E’ possibile visitare il caseificio su prenotazione ed in gruppi limitati.
Paola Desiderio