Savelletri di Fasano, Masseria Torre Maizza e la cucina di Vito Giannuzzi

Letture: 146
Vito Giannuzzi

Contrada Coccaro
Tel. 080.4827838
Sempre aperto
www.masseriatorremaizza.com

Il sistema delle masserie di lusso nell’area centrale della Puglia inizia ad essere un solido presupposto per il turismo di qualità e dunque per la ristorazione. Alcune, come questa, hanno scelto di proporre ristorazione gourmet anche al proprio interno, puntando sul giovanissimo Vito Giannuzzi, meno di 28 anni, nato nella vicina Castellana e rientro dopo numerosi giri nelle cucine italiane.

Torre Maizza, la sala

La sala, come sempre in queste masserie, è accogliente e sobria.

Torre Maizza, la mise en place

 

Torre Maizza, orto e olio

Si cominica con un pinzimonio e con il rosato dell’Azienda Monaci firmato da Severino Garofalo.

Il rosato di Stefano Garofano

 

Tavolo

 

Benevenuto di piselli e gelato di cappasanta

La cucina è di stagione, cerca combinazioni tra i prodotti dell’orto e del mare, rivela scuola precisa con buone idee.

I nostri commensali: Michele Cianciulli e Roy Paci

 

Pane

 

Crudo di spigola al sentore di mela verde, sedano e chili dolce

 

Tagliatelle di capesante in consommé di zenzero e verdurine croccanti

 

Tris di zucchine della masseria: tartare e fiore farcito con ricotta di bufala in tempura

 

Sauté di frutti di mare

Dal classico sauté alle presentazioni di pesce le esecuzioni sono perfette e gustose con molto equilibrio nei sapori. Divertente anche la ricerca dei giochi di consistenza.

Tataki di tonno su crema di fave novelle

 

Risotto scremato con fior di ricotta di bufala, caglio, scampi rosti e succo di pompelmo

Il risotto mi è piaciuto molto: note fumé, morbidose e tanta tanta acidità oltre alla perfetta cottura del riso, in genere molto rara al Sud.

Pappardelle affumicate con gamberi rossi e paprika dolce mantecati al pecorino

Ghiotte e pappanti le paste.

Troccoli al nero di seppia con calamaretti, asparai e lemongrass

 

Gambero rosso lardellato con rombo su crema di piselli

 

Guancia di vitello con patata aromatizzata alla radice di wasabi e puré di fichi secc

 

Darma di dentice marinato allo zafferano con crema di carciofi alla vaniglia, battuto di limone e pan fritto

 

Ancora il dentice e il carciofo

Chiudiamo con un po’ di dolci questa bella esperienza.

Pre dessert

 

pasticceria pugliese

 

fine pasto

 

caffé

Ormai tra le Masserie e il polo gastronomico di Ceglie è davvero possibile immaginare interessanti tour gastronomici in Puglia se non siete rassegnati a mangiare solo fave e cicoria.

Sala esterna con le vecchie mura del '500

Ragionamento sui prezzi: il menu degustazione è a 80 euro
Alla carta spenderete dai 60 agli 80 euro.

La sala esterna

Un commento

  • Giuseppe Minniti

    (12 giugno 2012 - 16:02)

    Interessante… prezzi?

I commenti sono chiusi.