Selvetelle 2006 Greco di Tufo docg

Letture: 77

CENTRELLA

Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

L’areale del comune di Torrioni (ove è ubicato il vigneto del Selvetelle) è caratterizzato da correnti fresche che attenuano il surriscaldamento dovuto all’esposizione a sud del territorio: l’effetto sui vini è quindi quello di un accentuarsi delle caratteristiche di freschezza (dovute ad una maggiore spinta acida) e di un viraggio della gamma olfattiva verso note più sottili, meno ruffiane. Il Selvetelle 2006, da me degustato ieri sera, all’osteria “i Sediari” a Salerno, ha confermato questa sua tipicità, cioè quella di essere un Greco “ripido”, e proprio per questo, molto sincero. L’enologo, Massimiliano Spina, anche quest’anno è riuscito a conservare perfettamente intatto il naso pulito ed elegantemente fruttato (toni fermentativi di pera) del Selvetelle: impalpabili note ossidative (in quanto il Greco ha buccia poco spessa) esaltano, quest’anno maggiormente, la sua resinosa, sulfurea mineralità. L’ingresso è asciutto, tipico, come sempre piuttosto delicato. In bocca c’è grande coerenza naso-bocca, buona digeribilità (la solfitazione è stata quasi nulla e l’alcol è integratissimo); compatta è la struttura e facile è l’abbinabilità, direi quasi “da rosso” (durante la nostra cena, il Selvetelle, infatti, ha sempre sgrassato i palati, perfino sull’interessante involtino di maiale con provola affumicata e broccoletti, preparato dallo chef di casa Romolo, dalla  mano leggera e fine). La chiusura di bocca, per quest’annata 2006, è giocata meno sul fruttato e più su indizi verdi, ma attenzione, questo 2006 è stato imbottigliato da appena tre mesi e per un Greco, si sa, è un affinamento troppo breve: c’è, dunque, ancora da aspettare un po’, di modo che emergano terziari più morbidi. Una chiosa. Insieme al titolare dell’azienda, Andrea Centrella, che è un mio caro amico, in fin di serata abbiamo fantasticato… una porzione delle uve del Selvetelle, forse, l’anno prossimo verrà  fermentata in legno piccolo: voi che ne dite?

Questa scheda è di Gaspare Pellecchia

Sede a Torrioni, via Guardie. Tel. 0825 998098 info@centrellavino.itwww.centrellavino.it. Ettari 2. Enologo: Massimiliano Spina. Bottiglie prodotte: 5000. Vitigni: greco di Tufo