Gran Gusto, la serata con i piatti di Alessandro Romano e Pasquale Palamaro

Letture: 189
Alessandro Romano e Pasquale Palamaro

di Dora Sorrentino

Tradizione, creatività ed innovazione: tre ingredienti ben amalgamati per una serata a quattro mani stellare al ristorante Gran Gusto. Pasquale Palamaro, chef neo-stellato di Indaco, ristorante del Regina Isabella di Ischia, insieme allo chef di casa, Alessandro Romano, ha condotto gli ospiti alla scoperta della sua cucina moderna e creativa, non trascurando i piatti della tradizione campana. L’appetito vien assaggiando gli appetizers con cui gli chef accolgono i partecipanti: cubetti di tonno su salsa, mangia&bevi di cantalupo con prosciutto crudo e via degustando.

appetizers

Il calcio di inizio viene dato dallo chef ospite con un antipasto composto da Bon Bon di gamberoni, ricotta alla maggiorana e broccoli, un inizio raffinato che denota la predilezione di Palamaro per la cucina di mare.

Bon Bon di gamberoni, ricotta alla maggiorana e broccoli

Per il primo piatto, invece, un tuffo nella tradizione dell’antica Pithecusa: paccheri al coniglio ischitano, con provolone del Monaco e melanzane in cartoccio. Subito evidenti le note dolciastre, sapientemente contrastate dalla sapidità del formaggio.

Paccheri al coniglio ischitano, provolone del Monaco e melanzane al cartoccio

Nel secondo tempo, la palla passa ad Alessandro Romano, chef di casa, che propone un Baccalà pil pil, con datterino giallo, rabarbaro e menta. Premettendo la difficoltà nel saper diligentemente preparare questa pietanza, Alessandro c’è riuscito molto bene, rendendola piacevole anche ai palati più scettici.

Baccalà pil pil, datterino giallo, rabarbaro e menta

In conclusione, il dessert è sempre di Romano: terrina ai tre cioccolati, zucchero brulée al vin santo, composizione notevole e gradevole.

terrina ai tre cioccolati, zucchero brulée al vin santo
Gli chef a lavoro

In abbinamento ai piatti della serata, i vini della cantina Alepa. La titolare Paola Riccio ha colto l’occasione per presentare un’anteprima assoluta: Privo, un Cabernet-sauvignon a temperatura controllata, macerazione di bucce breve, senza aggiunta di solfiti e con sostanze antisettiche vegetali. Un rosso dolce naturale che si è fatto subito apprezzare.

Privo delle cantine Alepa

 

Riccio Bianco Alepa

Da non perdere i successivi appuntamenti a quattro mani al ristorante Gran Gusto con altri chef rinomati.

4 commenti

  • Tommaso Esposito

    (1 marzo 2013 - 20:50)

    Uhm, belle cose vedo!

    • Dora Sorrentino

      (1 marzo 2013 - 22:16)

      belle e buone! :)

  • Vagabonda

    (2 marzo 2013 - 22:42)

    Complimenti per la bella serata allo chef Alessandro e pasquale.

  • Felice

    (12 marzo 2013 - 11:57)

    Sono stato con mia moglie.
    Ottima l’accoglienza, squisite le pietanze, particolare l’atmosfera.
    Accompagnati da vini prelibati per l’intera durata della cena, abbiamo trascorso una splendida serata.
    Alla prossima!
    Felice

I commenti sono chiusi.