Seratona fashion sul lungomare più bello del mondo: Magno inaugura con le Ricette di Napoli

Letture: 189
Francesca Scognamiglio e Luciano Pignataro


Napoli, si sa, ha subito la dominazione spagnola e probabilmente da questa ha ereditato la passione per le feste, la convivialità, la folla, insomma in una parola, ‘ la movida’ o meglio, ‘l’ammuina’. Oltre duecentocinquanta persone si sono riversate sul lungomare per l’evento chic – gourmet organizzato da Magno Ristorazione Italiana in collaborazione con Love Press,  il Portale diretto dalla poliedrica giornalista Francesca Scognamiglio Petino, Media Partner Officine Gourmet.

gli ospiti, napoletani amanti della tradizione e del divertimento

Le attrattive non sono di certo mancate: l’originale idea di abbinare la presentazione ufficiale della Società Ristorazione Italiana presieduta da Antonio Viola,

Da sx il Patròn Antonio Viola con Luciano Pignataro e Francesca Scognamiglio Petino

con la realizzazione di sei piatti, descritti nel libro di Luciano Pignataro ‘Le Ricette di Napoli’, best seller da mesi, ha centrato l’obiettivo. Il locale è stato letteralmente invaso già dalle 19,00 da una folla di napoletani incuriositi. La cosa interessante è che non abbiamo visto le solite facce abituate a frequentare il mondo degli eventi gourmet, ma gente comune, abituata a divertirsi, mangiando e bevendo bene lontani dal mondo mediatico…

L’autore ha partecipato con entusiasmo alla serata chiacchierando, di cucina, di vino, di Napoli e autografando copie del volume contenente oltre 600 ricette provenienti da un certosino lavoro portato avanti per molti anni su LucianoPignataro Wineblog.

 

Luciano Pignataro con Serena Albano

Sei le ricette scelte per la serata:  polpette napoletane al sugo e pasta con la genovese,  arancini e crocchè, gattò di patate, fiori di zucca ripieni, parmigiana di melanzane, panciotti Leonessa con pomodorino del piennolo e basilico. Aperitivo con la pizza di Magno di Davide Civitiello recente vincitore del Campionato mondiale pizzaioli Trofeo Caputo, e con il tradizionale ‘coppetiello’ di frittura mista napoletana:  deliziosi crocchè e arancini, per non parlare dei fiori di zucca farciti.

il fritto napoletano interpretato da Magno, pasta Leonessa e i salumi e le fantasiose forme di pane

I piatti sono stati accompagnati da Falanghina, il vitigno napoletano per antonomasia, stavolta in versione spumante Metodo Classico, il Dubl di Feudi di San Gregorio, offerto agli ospiti dai divertiti Vinni D’Orta e Alessandro Palmieri con il sommelier Vincenzo Bianco.

Dopo pizze e fritti, la folla è letteralmente  impazzita per la ‘genovese’ napoletana nonchè per la pasta Leonessa semplicemente condita con ‘piennolo’ e basilico.

E  poi via con gattò di patate fumanti, succulente polpette al sugo, piatto cult della tradizione napoletana, e ancora sugosa e ben fatta parmigiana di melanzane.

Durante tutta la serata abbiamo potuto assaggiare i saporiti salumi irpini e non del Salumificio Schettino e di Selecta Italia, accompagnati dal buon pane di casa realizzato dai pizzaioli di Magno con la farina Caputo.

L’atmosfera piacevolmente chiassosa e rallegrata dalla perfomance della nota dj Anvysa Letiago, from Siberia with love…

La DJ russa Anvysa Letiago, Francesca Scognamiglio Petino e Luciano Pignataro

è andata avanti fin oltre le 22,00. La bellezza del lungomare, esattamente di fronte al Magno, ha rapito tutti,

 

Il lungomare più bello del mondo

immersi in conversazioni senza tempo tra un buon bicchiere di vino e un bel piatto ‘di genovese’. La Gastronomia è la forza di Napoli, come afferma Pignataro nella prefazione al suo libro…

gli allestimenti di Love Studio

 

Un commento

  • giuseppe tas.

    (28 settembre 2013 - 10:10)

    Magno dunque sono!

I commenti sono chiusi.