Seta a Milano, perché la cucina di Antonio Guida è la più amata dai gourmet: in diretta e senza ripensamenti

19/5/2017 1.3 MILA
Seta, Milano, sensazioni condensate
Seta, Milano, sensazioni condensate

di Marco Galetti

Seta, Milano, sensazioni condensate, come il latte, gioie infantili, la bocca circondata da dolcezze persistenti, godurie preadolescenziali a portata di tubetto, l’amaro in bocca arriverà col tempo, in altre stagioni della vita.

Seta, Milano, sensazioni condensate
Seta, Milano, sensazioni condensate

Anche volendo trovare, a tutti i costi, un improbabile pelo nella Seta, come per il latte condensato, qualcosa di stucchevole, una macchiolina minuscola a spezzare la perfezione praticamente senza soluzione di continuità, non ci riesco e non sarebbe corretto, trovo presumibili attenzioni, nei modi, nei gesti, nella postura, attenzioni che, se pur parametrate al livello del locale, brillano di una luminosità superiore a quella bistellare, l’eleganza nel porsi non deve sembrare formale ma naturale, per questo ci vuole predisposizione e molta esperienza, quella di Manuel Tempesta, qui dall’apertura, che sa il fatto suo, il mio e, probabilmente, quello di qualsiasi cliente dovesse presentarsi all’appello, senza preavviso, volutamente, come ho fatto io, oggi, giovedì diciotto maggio.

Seta, visione outdoor, per me prima visione
Seta, visione outdoor, per me prima visione

Ripeto, anche volendo trovare un piccolo difetto nella Seta, invisibile ad occhio nudo e a cronista superficiale o comunque, meno attento ai dettagli è compito arduo.

L’Accoglienza è un parametro difficile da valutare, terreno di scontri e pareri contrastanti tra critica gastronomica, appassionati food blogger, fuf blogger (by LP) e mezzi poeti che saltuariamente riescono a vedere la vita in rosa nei calici e nei piatti.

Seta, la vita in rosa nei calici
Seta, la vita in rosa nei calici

Nell’elegante dehors seduto al tavolo a fianco al mio c’è un romagnolo, il miglior sommelier al mondo, e poi clientela internazionale, gourmet, gente della moda e gente non a modo che viene per moda, lombardi arricchiti pronti ad aggiungere una tacca che significa, si ci siamo stati, nell’elenco virtuale delle soste gastronomiche imperdibili

Seta, burro francese in due versioni, una salata, gradito, verrà prontamente sostituito, in secondo piano il pane di Altamura
Seta, burro francese in due versioni, una salata, gradito, verrà prontamente sostituito, in secondo piano il pane di Altamura
Seta, grissini all'extravergine
Seta, grissini all’extravergine
Seta, cozze, rabarbaro e salsa vellutata
Seta, cozze, rabarbaro e salsa vellutata

Seta, riconoscimenti: 2016, migliore hotel dell’anno, 2 stelle, 3 forchette, 4 cappelli, miglior servizio in sala,  2915, Antonio Guida, chef dell’anno a Identità Golose, questo il biglietto di presentazione, ce ne fosse bisogno.

Seta, il mio riso, immagine da drone
Seta, il mio riso, immagine da drone
Seta, dettaglio
Seta, dettaglio

Ho chiesto un fuori carta e un caffè, pensando di sollevare tempesta, ma Manuel Tempesta, non ha battuto ciglio, nessuna tempesta ormonale né atteggiamenti sgradevoli verso un cliente difficile che chiede una variazione del famoso piatto presentato a Identità Milano 2016, riso in cagnone con verdure, Maccagno, salvia e polvere di lamponi.

Vorrei un risotto senza verdure, con polvere di lamponi, lamponi freschi e mantecato con un pecorino senese semistagionato, chiedo ed ottengo.

Seta, Campari, pompelmo rosa, cioccolato bianco e ciliegie, mi viene gentilmente offerto un dessert ton sur ton con le ordinazioni solide e liquide fatte in precedenza
Seta, Campari, pompelmo rosa, cioccolato bianco e ciliegie, mi viene gentilmente offerto un dessert ton sur ton con le ordinazioni solide e liquide fatte in precedenza

La piccola grandissima pasticceria, precede un altro caffè, gentilmente offerto.

Seta, la piccola grandissima pasticceria
Seta, la piccola grandissima pasticceria

Ieri sera ha giocato Neto, aver tenuto Buffon in panchina è stato ininfluente, come il conto odierno.

Seta
Via Andegari, 9, 20121 Milano
www.mandarinoriental.com

2 commenti

    Enrico Malgi

    (19 maggio 2017 - 16:07)

    Nonostante l’inclemenza del tempo ti dai alla pazza gioia (o Gioì?) vedo. Goditi pure tutto questo, perché ne hai pieno diritto. Sto studiando cosa fare quando verrai qui. Nel Cilento abbiamo una sola stella, forse anche una e mezza a pensarci bene, ma anche tante stelline che brillano nel firmamento. E comunque, a prescindere, qui si mangia e si beve benissimo come sai. Non per niente siamo nel pieno centro della Dieta Mediterranea rilanciata dal compianto scienziato americano Ancel Keys. Ti porterò senz’altro a visitare la sua casa a Pioppi, va bene?

    Marco Galetti

    (21 maggio 2017 - 09:39)

    Caro Enrico, ti confido un segreto, parole che risulterebbero ineleganti all’interno del post ci possono stare in sede di commento, il mio caffè al Seta, anzi due, perché un altro mi è stato offerto, comprensivo del servizio di piccola pasticceria di altissimo livello, nonostante l’assenza dichiarata di Nicola di Lena, è costato sei euro, la stessa cifra che spesso devo pagare per coperto, caffè scadente e, se va bene, triste biscottino in locali imparagonabili….ah dimenticavo, la stessa mattina ho preso un caffè in uno dei bar storici di Milano (quelli con le sciurette milanesi che chiedono un cappuccino tiepido di soia prima di andare a bruciare i soldi dei mariti e i grassi in eccesso con l’istruttore di glutei sodi) beh, il caffè era improponibile, impensabile quindi pagarlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *