Come si fa il Marketing del Gusto? Ecco il libro di Slawka e Luciana

Letture: 251
Slawka G. Scarso e Luciana Squadrilli
Slawka G. Scarso e Luciana Squadrilli

Di Dora Sorrentino

Due esperte di marketing e comunicazione nel settore enogastronomico, Slawka G. Scarso e Luciana Squadrilli, insieme per offrire, grazie al libro Marketing del Gusto edito da Edizioni LSWR, consigli e strumenti utili a piccoli e grandi produttori e a imprenditori nel settore della ristorazione e dell’ospitalità sulla gestione della comunicazione, in particolare nel mondo dei social, e sul marketing. Il settore della ristorazione più comunicato attualmente sui Social è quello della pizza. Luciana Squadrilli, durante la presentazione del libro avvenuta all’interno della Pizzaria La Notizia, ha mostrato attraverso delle slide come funziona oggi il Social Pizza Marketing e come è cambiato negli anni. Inizialmente i Social erano per nulla utilizzati nella comunicazione del mondo pizza, semplicemente perché non si era capito quanto potesse essere utile questo strumento ai fini della pubblicità soprattutto.

Luciana Squadrilli, Enzo Coccia, Slawka G. Scarso e Laura Gambacorta
Luciana Squadrilli, Enzo Coccia, Slawka G. Scarso e Laura Gambacorta

Oggi, invece, si è passati alla fase diametralmente opposta: c’è anche chi esagera fin troppo, gravando sull’immagine del proprio locale. Cosa significa esagerare? Significa comunicare male un prodotto, ad esempio proponendo fotografie inguardabili, togliendo valore il più delle volte a quello che realmente si realizza nella propria struttura. C’è chi invece ha studiato il fenomeno in maniera approfondita, ha capito come e cosa trasmettere alla clientela per cercare di ottenere più consensi. Di pari passo al Social Pizza Marketing è nato anche il fenomeno della ristorazione e si è creato un circuito di comunicazione e marketing anche per quanto riguarda le strutture che si occupano di accoglienza o le medie e piccole aziende che volevano promuovere i propri prodotti. Di esempi di aziende che hanno imparato subito ad utilizzare correttamente gli strumenti mediatici ce ne sono e sono tutti elencati nella parte finale del libro. Slawka G. Scarso, invece, ha spiegato quali sono i rischi in cui si incorre nello scorretto utilizzo dei social e quali potrebbero essere invece delle giuste modalità per comprendere l’andamento del proprio locale e cercare di capire quali siano le esigenze del pubblico e cosa c’è da migliorare. Ma non stiamo qui a spoilerare tutto il libro, se siete proprio curiosi basta comprarlo.