Slow Wine 2011 guida dei vini di Slow Food: ecco i Grandi Vini

Letture: 50

Valle d’Aosta

Valle d’Aosta Chardonnay 2009, Anselmet

Valle d’Aosta Petite Arvine 2009, Château Feuillet

 

Valle d’Aosta
Pinot Gris 2009, Lo Triolet

Piemonte
Barbaresco 2007, Gaja
Barbaresco Asili 2007, Bruno Giacosa
Barbaresco Camp Gros 2006, Marchesi di Gresy
Barbaresco Gallina 2007, Ugo Lequio
Barbaresco Montestefano Ris. 2005, Produttori del Barbaresco
Barbaresco Ovello 2007, Cascina Morassino
Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2007, Albino Rocca
Barbaresco Pajorè 2007, Sottimano
Barbaresco Rabajà 2007, Bruno Rocca
Barbaresco Sorì Burdin 2007, Fontanabianca
Barbera d’Alba Bric du Luv 2008, Ca’ Viola
Barbera d’Alba MonBirone 2008, Monchiero Carbone
Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone 2008, Braida
Bricco dell’Uccellone 2008, Braida
Barbera d’Asti Sup. Bionzo 2008, La Spinetta
Barbera del Monferrato Sup. Bricco Battista 2007, Giulio Accornero e Figli
Barolo Bric dël Fiasc 2006, Paolo Scavino
Barolo Bricco Rocche Bricco Rocche 2006, Bricco Rocche Bricco Asili
Barolo Brunate 2006, Mario Marengo
Barolo Bussia 2006, Prunotto
Barolo Ca’ Mia 2006, Brovia
Barolo Cannubi 2006, Damilano
Barolo Cascina Francia 2006, Giacomo Conterno
Barolo Costa Grimaldi 2006, Poderi Luigi Einaudi
Barolo Gattera 2006, Gianfranco Bovio
Barolo Ginestra 2006, Paolo Conterno
Barolo Ginestra Casa Maté 2006, Elio Grasso
Barolo Gramolere 2006, Alessandria Fratelli
Barolo Gramolere Ris. 2004, Giovanni Manzone
Barolo Lazzarito 2006, Vietti
Barolo Le Vigne 2006, Luciano Sandrone
Barolo Mirafiore Ris. 2004, Fontanafredda
Barolo Monfortino Ris. 2002, Giacomo Conterno
Barolo Mosconi 2006, Conterno Fantino
Barolo Pajana 2006, Domenico Clerico
Barolo Ravera 2006, Elvio Cogno
Barolo Rocche del Falletto Ris. 2004, Bruno Giacosa
Barolo Vigna Rionda Ris. 2004, Massolino
Barolo Vughera Brea Ris. 2004, Azelia
Boca 2006, Le Piane
Carema Etichetta Nera 2005, Ferrando
Colli Tortonesi Timorasso Il Montino 2008, La Colombera
Colli Tortonesi Timorasso Morasso 2008, Cascina Montagnola
Colli Tortonesi Timorasso Pitasso 2008, Claudio Mariotto
Gattinara 2006, Torraccia del Piantavigna
Gattinara Osso San Grato 2006, Antoniolo
Gattinara Tre Vigne 2005, Giancarlo Travaglini
Gavi del Comune di Gavi Minaia 2009, Nicola Bergaglio
Gavi del Comune di Gavi Montessora 2009, La Giustiniana
Gavi Tenuta Merlassino 2009, Laura Valditerra
Gavi Vigne Alte 2009, Il Vignale
Langhe Nebbiolo Sorì San Lorenzo 2007, Gaja
Piemonte Chardonnay Il Giarone 2006, Bertelli
Piemonte Moscato d’Autunno 2009, Paolo Saracco
Roero Ròche dra Bòssora Ris. 2007, Michele Taliano

Lombardia
Franciacorta Blanc de Blancs Collezione Brut 2005, Cavalieri
Franciacorta Brut Satèn 2006, Il Mosnel
Franciacorta Dosage Zéro 2005, Cà del Bosco
Franciacorta Extra Brut 2004, Ferghettina
Franciacorta Extra Brut Vittorio Moretti 2002, Bellavista
Franciacorta Grand Cuvée Brut 2005, Bellavista
Franciacorta Pas Dosé 2006, Fratelli Berlucchi
O.P. Pinot Nero M. Cl. Nature, Monsupello
Valtellina Sup. Grumello 2007, Mamete Prevostini
Valtellina Sup. Inferno 2006, Nino Negri

Trentino
Granato 2007, Foradori
Incrocio Manzoni 2007, Maso Furli
Pritianum 2008, Giuseppe Fanti
Trento Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2001, Ferrari
Trento Brut Riserva Lunelli 2003, Ferrari

Alto Adige
A.A. Cabernet Sauvignon Cor Römigberg 2006, Tenutae Lageder
A.A. Chardonnay Ris. 2007, Bessererhof
A.A. Gewürztraminer Kolbenhof 2009, J. Hofstätter
A.A. Pinot Nero Mazzon 2008, Gottardi
A.A. Sauvignon Sanct Valentin 2009, Cantina San Michele Appiano
A.A. Sauvignon Voglar 2009, Peter Dipoli
A.A. Sylvaner Sibona 2009, Cantina Valle Isarco
A.A. Terlano Chardonnay 1996, Cantina Terlano
A.A. Valle Isarco Riesling Kaiton 2009, Kuenhof – Peter Pliger
A.A. Valle Isarco Sylvaner R 2009, Köfererhof – Günther Kershbaumer
A.A. Valle Isarco Veltliner 2009, Hoandlhof – Manni Nössing

Veneto
Amarone della Valpolicella 2004, Trabucchi
Amarone della Valpolicella Campo dei Gigli 2006, Tenuta Sant’Antonio
Amarone della Valpolicella Cl. 2000, Giuseppe Quintarelli
Amarone della Valpolicella Cl. 2005, L’Arco Luca Fedrigo
Amarone della Valpolicella Cl. 2006, Allegrini
Amarone della Valpolicella Cl. Ambrosan 2004, Angelo e Nicolis Figli
Amarone della Valpolicella Cl. Vigneto Sant’Urbano 2006, Speri
Amarone della Valpolicella Proemio 2006, Santi
Gambellara Cl. Creari 2008, Domenico Cavazza
Montello e Colli Asolani Il Rosso dell’Abazia 2006, Serafini & Vidotto
Soave Cl. Calvarino 2008, Leonildo Pieropan
Soave Cl. La Froscà 2009, Gini
Soave Cl. Monte Carbonare 2008, Suavia
Soave Cl. Sengialta 2009, Balestri Valda
Soave Cl. Monte Fiorentine 2009, Cà Rugate
Soave Cl. Staforte 2008, Prà
Soave Colli Scaligeri 2008, Sandro De Bruno
Soave Vigneto La Broia 2008, Roccolo Grassi

Friuli Venezia Giulia
Capo Martino 2008, Jermann
COF Rosso Montsclapade 2006, Girolamo Dorigo
COF Sauvignon 2009, Paolo Rodaro
COF Sauvignon Peri 2008, Ronco del Gnemiz
Collio Bianco Fosarin 2009, Ronco dei Tassi
Collio Bianco Vigne 2009, Zuani
Collio Friulano 2009, Oscar Sturm
Collio Malvasia 2009, Doro Princic
Collio Pinot Bianco 2009, Isidoro Polencic
Collio Sauvignon Ris. 2006, Russiz Superiore
Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2009, Venica & Venica
Friuli Isonzo Friulano 2008, Borgo San Daniele
Friuli Isonzo Friulano Dolèe 2008, Vie di Romans
Friuli Isonzo Friulano Toc Bas 2009, Ronco del Gelso
Friuli Isonzo Sauvignon Piere 2008, Vie di Romans
Verduzzo Friulano 2006, Bressan Mastri Vinai

Liguria
Cinque Terre 2009, Luciano Capellini
Colli di Luni Vermentino Sarticola 2009, Ottaviano Lambruschi
Riviera Ligure di Ponente Vermentino 2009, Laura Aschero
Riviera Ligure di Ponente Vermentino 2009, Maria Donata Bianchi
Rossese di Dolceacqua Bricco Arcagna 2008, Terre Bianche

Emilia Romagna
C.P. Cabernet Sauvignon Luna Selvatica 2008, La Tosa
C.P. Vinsanto Albarola 2000, Barattieri
Sangiovese di Romagna Sup. Bagnolo Ris. 2007, Villa Bagnolo
Sangiovese di Romagna Sup. Corallo Nero Ris. 2007, Gallegati
Sangiovese di Romagna Sup. Le Iadi Ris. 2007, Paolo Francesconi
Uvappesa 2008, Ancarani

Toscana
Avvoltore 2007, Morisfarms
Bolgheri Sup. Grattamacco 2007, Grattamacco
Bolgheri Sassicaia 2007, Tenuta San Guido
Brunello di Montalcino 2005, Agostina Pieri
Brunello di Montalcino 2005, La Cerbaiola-Salvioni
Brunello di Montalcino 2005, Pian delle Querci
Brunello di Montalcino 2005, Pietroso
Brunello di Montalcino Phenomena Ris. 2004, Sesti-Castello di Argiano
Brunello di Montalcino Ris. 2004, Le Chiuse
Brunello di Montalcino Ris. 2004, Biondi Santi – Tenuta Il Greppo
Brunello di Montalcino Ris. 2004, Poggio di Sotto
Brunello di Montalcino Ris. 2004, Tenuta di Sesta
Camartina 2007, Querciabella
Chianti Classico 2007, Val delle Corti
Chianti Classico 2008, Il Palagio
Chianti Classico Rancia Ris. 2007, Fattoria di Felsina
Chianti Classico Ris. 2006, Riecine
Chianti Classico Ris. 2006, Vecchie Terre di Montefili
Chianti Classico Ris. 2007, Villa di Geggiano
Chianti Classico Vigna del Sorbo Ris. 2006, Fontodi
Chianti Rufina Bucerchiale Ris. 2007, Fattoria Selvapiana
Colline Lucchesi Tenuta di Valgiano 2007, Tenuta di Valgiano
Cupinero 2008, Col di Bacche
Galatrona 2008, Petrolo
Giusto di Notri 2008, Tua Rita
Montechiari Cabernet 2007, Fattoria di Montechiari
Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2007, Salustri
Morellino di Scansano Capatosta Ris. 2008, Poggio Argentiera
Pergole Torte 2007, Montevertine
Rosso di Montalcino 2007, Podere Brizio
Rosso di Montalcino 2007, Poggio di Sotto
Tenuta di Trinoro 2008, Tenuta di Trinoro
Tignanello 2007, Marchesi Antinori
Vernaccia di San Gimignano Evoè 2007, Giovanni Panizzi
Vernaccia di San Gimignano Vigna ai Sassi Ris. 2007, Tenuta Le Calcinaie

Marche
Anghelos 2007, Tenuta di Angelis
Conero Rossini Ris. 2007, Piantate Lunghe
Il Cupo 2007, Ester Hauser
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Ambrosia Ris. 2007, VignAmato
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Salmariano Ris. 2007, MArotti Campi
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Podium 2008, Gioacchino Garofoli
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. Vecchie Vigne 2008, Umani Ronchi
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Vigneto delle Oche Ris. 2007, Fattoria San Lorenzo
Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Villa Bucci Ris. 2007, Bucci
Verdicchio di Matelica Vigneto Fogliano 2007, Bisci

Umbria

Orvieto Cl. Sup. Campo del Guardiano 2007, Palazzone
Sagrantino di Montefalco Colle alle Macchie 2004, Tabarrini
Sagrantino di Montefalco Colle Allodole 2006, Fattoria Colleallodole
Sagrantino di Montefalco Il Domenico 2005, Adanti

Lazio
Cesanese del Piglio Hernicus 2009, Coletti Conti
Cesanese di Olevano Romano Cirsium 2007, Damiano Ciolli
Latour a Civitella 2007, Sergio Mottura

Abruzzo

Bianco Vignafranca 2008, Barba Fratelli
Montepulciano d’Abruzzo 2005, Praesidium
Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Mastrobono Ris. 2005, La Quercia
Montepulciano d’Abruzzo Don Giovanni 2006, Umberto Buccicatino
Montepulciano d’Abruzzo Tonì 2007, Cataldi Madonna
Trebbiano d’Abruzzo 2008, Valentini
Trebbiano d’Abruzzo Castello di Semivicoli 2008, Masciarelli

Campania
Fiano di Avellino 2009, Rocca del Principe
Fiano di Avellino Aipierti 2008, Vadiaperti
Greco di Tufo 2009, Benito Ferrara
Greco di Tufo 2009, Di Prisco
Greco di Tufo Terre degli Angeli 2009, Terredora
Taurasi Radici Ris. 2004, Mastroberardino
Taurasi Vigna Andrea 2006, Colli di Lapio
Taurasi Vigna Cinque Querce Ris. 2005, Salvatore Molettieri
Taurasi Vigna Macchia dei Goti 2006, Antonio Caggiano

Puglia
Graticciaia 2006, Agricole Vallone
Guerro 2007, Paolo Petrilli
Le Braci 2004, Azienda Monaci
Patriglione 2003, Cosimo Taurino
Primitivo di Manduria 2007, Attanasio
Primitivo di Manduria 60 Anni 2006, Feudi di San Marzano

Basilicata
Aglianico del Vulture Camerlengo 2006, Camerlengo
Aglianico del Vulture Certamen 2006, Bonifacio
Aglianico del Vulture Il Titolo 2008, Elena Fucci

Calabria
Cirò Rosso Cl. 2009, Librandi
Moscato Passito al Governo di Saracena 2005, Feudo dei Sanseverino

Sicilia
Cerasuolo di Vittoria 2008, Gulfi
Cerasuolo di Vittoria 2008, Planeta
Chardonnay 2008, Tasca d’Almerita
Ero 2009, Tenuta di Fessina
Etna Bianco Il Cantante 2007, Il Cantante
Etna Bianco Sup. Pietramarina 2006, Benanti
Etna Rosso Feudo di Mezzo Il Quadro delle Rose 2008, Tenuta delle Terre Nere
Marsala Vergine Baglio Florio 1997, Florio
Nerello Mascalese 2008, Masseria Setteporte
Nero Ossidiana 2008, Tenuta di Castellaro
Rampante 2008, Passopisciaro

Sardegna
S’Arai 2006, Pala
Turriga 2006, Argiolas
Vermentino di Gallura Vigna’ngena 2009, Capichera
Barrua 200, Punica

36 commenti

  • federico m.

    (12 ottobre 2010 - 18:14)

    riepilogando :in campania i grandi vini si producono solo ad avellino! capito? voi delle altre prov, per favore non perdete tempo! mmmh ! ho la sensazione d’aver letto una elenco di 15 anni fa. a parte i nuovi nomi, amici di amici di amici …….:-(

    • Lello Tornatore

      (13 ottobre 2010 - 10:21)

      Egregio sig. ” Federico”, sono un produttore di Fiano di Avellino, ex vivaista, sommelier professionista, imprenditore agrituristico (contadino), ex amministratore di una cantina sociale, ma questo solo per dirle che al vino “do del tu”, ma soprattutto sono un uomo che ha il coraggio delle proprie azioni e delle proprie parole. Infatti, non più tardi di qualche settimana fa, il sottoscritto si è confrontato proprio su questo blog
      http://www.lucianopignataro.it/a/le-carte-del-vino-allorigine-della-crisi-del-vino/15250/, duramente ma molto civilmente, come ha fatto lei qui, con il vicepresidente del consorzio di tutela dei vini dell’Irpinia Dott. Lucio Mastroberardino. Sa dov’è la differenza? IO CI HO MESSO LA FACCIA!!! E mi lasci dire,ma non perchè sono irpino, le aree vitivinicole più vocate della Campania sono qui, l’esperienza vitivinicola più radicata è qui. Così come critico Mastroberardino per la sua politica nel consorzio di tutela, con la stessa forza gli riconosco il merito di aver “sdoganato” la Campania vitivinicola nel mondo! Se ne faccia una ragione, così come in provincia di Avellino non potremo mai pretendere di saper fare la migliore pizza napoletana, o la migliore “pajata” o “coda alla vaccinara” ( visto che dice di avere origini romane), non credo che la media delle aziende vitivinicole di altre province possa pretendere di primeggiare a scapito delle aziende irpine. La “colpa” non la deve assegnare a Pignataro, tra l’altro senza metterci la faccia, cioè tirando la pietra e nascondendo la mano. Se vuole conoscere la mia esperienza personale con Luciano gliela svelo subito : l’avevo invitato ad una serata enogastronomica a tema svoltasi nel mio agriturismo in collaborazione con l’AIS, si è scusato perchè non poteva venire e mi ha chiesto di inviargli le foto ed un piccolo report per pubblicare l’evento. Sa quanto ho pagato per questo e per tutte le altre cose che mi ha pubblicato da allora in avanti? Solo l’opportunità di conoscere tantissime belle persone con le quali interagisco su questo blog, ogni tanto ci prendiamo, ma sempre molto correttamente, e qualche volta ci vediamo per delle colossali bevute insieme.

      • giancarlo maffi

        (13 ottobre 2010 - 10:28)

        non dire cazzate , lello. hai TENTATO DI FARE LA MIGLIORE PEZZOGNA :-)

        • Lello Tornatore

          (13 ottobre 2010 - 10:33)

          Ti sfido a trovare tale aggettivo nel post pubblicato, e tra l’altro, mi sono cimentato con la pezzogna (o con il dentice, chiamatelo come volete) nel giorno di chiusura, quindi… ;-))

  • Luciano Pignataro

    (12 ottobre 2010 - 19:20)

    Sentito mai niente dal Friuli, dalla Vald ‘Aosta, dalla Sicilia?
    Devo dire che per capire la crisi della munnezza in Campania può essere utile frequentare i blog 2.0
    E’ davvero l’unica regione, ripeto l’unica, nelle guide di ristoranti come nel vino, in cui la gente interviene per fare illazioni, criticare, mettere in cattiva luce, parlare senza conoscenza e competenza, far volare stracci, insultare, insinuare. In rigoroso anonimato ovviamente
    Forse molti la munnezza la tengono in testa, perciò poi finisce sulla strada
    Allora, federico, fuori i nomi amici di amici di amici….

  • federico m.

    (12 ottobre 2010 - 19:38)

    non si preoccupi Pignataro ,lei non mi offende. in primis perche’ anche lei e’ campano! cmq e’ vero,molti la munnezza la tengono in testa perche’ ancora nel 2010 credono alle belle parole che lei diceva qualche mese fa e che voi tutti curatori e pseudo di questa ennesima (non richiesta ,nè voluta) guida sui vini italiani avete fatto girare. per esempio :” questa sara’ la guida della svolta ,dove non compariranno i premi alle aziende”. allora ci spieghi cosa stanno a significare tutti questi : migliori vini – vini chiocciola etc etc. questi per lei non sono premi? la verita’ caro Pignataro e’ che volete continuare a prenderci in giro ,anche perche’ sapete che il mondo delle guide sui vini in italia ha vita breve,ma voi in un modo o nell’altro dovete pur mangiare. vuole i nomi? i nomi lei li sa benissimo: sono le cantine curate dalle sue aiuto degustatrici .queste cantine cmq in un modo si dovevano pur infilare,no?pignata’ questa e’ la vera munnezz

    • Luciano Pignataro

      (12 ottobre 2010 - 20:05)

      Ecco un classico esempio di insipienza e volgarità made in Campania
      1-Si è detto no ai punteggi e non ai riconoscimenti che sono dati alla vitcoltura anzitutto.
      2-Non ho aiuto degustratici e non ho aiuto degustatrici che curano aziende
      3-In ogni caso i vini sono stati degustati tutti alla cieca, sia nella selezione regionale che in quella nazionale.
      4-La guida non è una imposizione. Non ne sente il bisogno? Non la vuole? Non la compri!. Sarà il mercato a decidere se c’è o meno lo spazio.
      5-Nota personale, lo stipendio me lo paga il Mattino dal 1988. E non ho mai fatto consulenze con aziende private, altrimenti, stia sicuro, avrei dovuto rendere conto anzitutto all’editore con cui lavoro. E in questi anni non sono mancati anonimi e maldicenze, soprattutto dalla concorrenza, ma…, come si dice: quello che non si fa non si sa.
      Grazie del suo poderoso contributo intellettuale e complimenti per il suo coraggio e il suo acume
      Se ha bisogno di qualche psichiatra perché odia le donne mi faccia sapere

  • beppe

    (12 ottobre 2010 - 19:59)

    sono le cantine curate dalle sue aiuto degustatrici

    Minkia! Pesante questa.

  • federico m.

    (12 ottobre 2010 - 20:32)

    gentile Pignataro volevo non rispondere ,ma mi sto divertendo troppo! mi scusi !
    e poi che fa? mi vuole consigliare il suo psichiatra? no grazie ho gia’ il mio..!!!!
    ritornando a noi ,le rispondo punto per punto,(ma questo giusto per non far cadere gli amici campani in contraddizione):
    1) per quanto mi riguarda punteggi o riconoscimenti in guida sono la stessa cosa!!.poi vogliamo cambiare termine ? faccia pure ma per noi poveri ignoranti la chiocciolina- il bicchiere – il grappolo,appaiono sempe e solo riconoscimenti. i punteggi in italia li leggo solo in veronelli – maroni e l’espresso e pure quelli sono riconoscimenti!
    2)lei dice di non avere aiuto degustatrici? quindi gli assaggi per la guida sono effettueti solo da lei? signori prendete appunti,questo sara’ da approfondire!
    3) sui vini degustati alla cieca passo!
    4) la guida sicuramente non entrera’ nella mia collezione!
    5)so benissimo che lo stipendio glielo paga il mattino, anzi le dico che mi piace pure quando scrive sul
    mattino !!
    saluti
    tanti cari saluti

  • giancarlo maffi

    (12 ottobre 2010 - 20:38)

    ma cosi’ tanto per curiosità si puo’ sapere che è questo federico ?

  • federico m.

    (12 ottobre 2010 - 21:15)

    si sbaglia Pignataro non sono un produttore. abito a napoli e sono di origine romana. a differenza sua pero’ bevo vini comprati in enoteca o direttamente da aziende. a proposito di aziende che lei cita ,farebbero bene a ribellarsi una volta per tutte ma purtroppo sono troppo meschini e impauriti da questo “sistema”
    saluti

    • Luciano Pignataro

      (12 ottobre 2010 - 21:18)

      :-)

  • giulia

    (12 ottobre 2010 - 21:26)

    beh allora si presenti ci metta la faccia come facciamo tutti noi ogni giorno:)

    • Luciano Pignataro

      (12 ottobre 2010 - 21:33)

      Non hai capito? E’ di origine romana…io già lo sapevo:-))))

  • giulia

    (12 ottobre 2010 - 22:26)

    ah romana:) l’ager falernus quello antico romano:)

  • savio

    (12 ottobre 2010 - 22:41)

    Perchè non riesce a riconoscere il fatto che i vini non sono in competizione tra di loro e non direttamente confrontabili sulla base di numero di bicchieri, chiocciole, grappoli… ? provi a dare una sfogliata ala guida prima di trarre conclusioni. Chiaramente le critiche cotruttivo sono ben accette. Saluti, Savio

    • Luciano Pignataro

      (12 ottobre 2010 - 22:50)

      Questo settore mi ha permesso di entrare bene dentro il tessuto antropologico e si capiscono davvero tante cose a prima vista incomprensbili.
      Uno di questi aspetti è la sensazione, tipicamente meridionale, di essere sempre e comunque raggirati, che non ci sia possibilità di emergere se non attraverso il cumparaggio, le camarille, i clan.
      Ecco allora che dietro ogni sconfitta non c’è la propria limitatezza, ma c’è un motivo altro da se. Così invece di rimboccarsi le maniche ci si lamenta e si grida ai complotti.
      Anni fa un ristoratore escluso dalla guida si rivolse ad un comune conoscente: io non sto nella guida perché Pignataro si prende i soldi
      Ah sì, chiese questo. E tu quando entrasti quanto hai pagato?
      Io? Nulla. Ellora secondo te perché gli altri avrebbero dovuto farlo?
      Un altro scrisse che lo avevo trattato male perché avevo pagato il conto. Peccato che la scheda degli ultimi tre anni non era fatta da me.
      E via di questo passo.
      Ecco, tutto qui il nodo. Il Federico m di turno, che tra l’altro perpetua il sistema di cui parla non rivelandosi volontariamente, invece di fare l’analisi seria della lista Grandi Vini si lamenta. Di cosa? Di un dato che è evidente in tutta Italia: la Campania del vino senza l’Irpinia sarebbe solo una espressione geografica.
      Spero di riuscire a scrivere qualcosa sull’argomento.

      • savio

        (12 ottobre 2010 - 23:06)

        Spero di assaggiare qualche campano e siciliano interessante al salone a Torino, ne sento il bisogno. Cin Cin alla nuova Guida

  • savio

    (12 ottobre 2010 - 22:49)

    Perchè non riesce a riconoscere il fatto che i vini non sono in competizione tra di loro e non direttamente confrontabili sulla base di numero di bicchieri, chiocciole, grappoli… ? provi a dare una sfogliata alla guida prima di trarre veloci conclusioni. Chiaramente le critiche cotruttive sono le benvenute. Saluti, Savio

  • vincenzo busiello

    (12 ottobre 2010 - 23:06)

    x federico.
    tanto per capire:dicci chi ti piace e chi no e chi manca….

  • giulia

    (12 ottobre 2010 - 23:35)

    SSSSHHH non fate chiasso, si è addormentato:)

  • gp

    (13 ottobre 2010 - 00:06)

    non spetta a me dirlo ma il lavoro svolto da slow food è stato bellissimo e ringrazio pubblicamente big luciano per avermi dato la possibilità di entrare in commissione dando il mio contributo.
    non solo.
    anche la visita che ho fatto alle svariate aziende è stato un momento fondamentale di crescita per me, per la guida certamente e per il produttore. infine la redazione delle schede è avvenuta secondo regole ferree, possiamo svelarlo: un metodo chiaro, un risultato valido.
    le critiche (se vere) sempre ben accette dal sottoscritto!
    e soprattutto basta co ‘sti piagnistei, tutto è migliorabile, è ovvio, ma ciò che conta è la qualità del risultato.

  • ENRICO MALGI

    (13 ottobre 2010 - 09:50)

    Siamo alle solite. Quando si stilano classifiche di ogni genere c’é sempre qualcuno che è scontento e non approva: questa è la regola. Quindi, a parte una certa soggettività personale e facendo salvo la buona fede, l’imparzialità e la competenza di chi è preposto a tutto questo (e nel caso specifico penso che nessuno possa mettere in dubbio questi elementari concetti basilari della commissione esaminatrice), non capisco tutta questa inutile diatriba. D’altra parte, i giudizi espressi da tutte le altre guide specifiche in proposito sono sempre contraddittori tra loro. E secondo me questo è positivo, altrimenti ci sarebbe sempre e solo un appiattimento totale. In conclusione, quindi, si può esprimere un proprio personale parere tecnico, ma sempre con cognizione di causa e, soprattutto, tenendo sempre ben presente l’educazione e il rispetto che si devono ai i nostri interlocutori.
    @Lello ad majora… Abbracci.

    • Romualdo Scotto di Carlo

      (13 ottobre 2010 - 11:26)

      puro buon senso Enrico… pare che oggi sia merce rara!

  • Marina

    (13 ottobre 2010 - 10:38)

    Una noce nel sacco non fa rumore. Meglio l’invidia che l’indifferenza, e così via… Mi fa molto piacere vedere in questa lista tre vini della Valle d’Aosta, isolata com’è non emergeva mai pur avendo un potenziale vitivinicolo interessantissimo ed esclusivo. Tra l’altro noto ci sia lo chardonnay di Anselmet, un’azienda della quale ho scritto un po’ di tempo fa su questo sito, piccola, arrampicata con grande fatica sul dorso delle Alpi, uno scenario tra i più belli che abbia mai visto in vita mia. Sono una delle degustatrici che ha collaborato con la guida ai Vini Slow, un’ esperienza per me molto formativa che mi ha costretta piacevolmente a sporcarmi le scarpe nei vigneti, che poi ho lasciato sempre con grande fatica. Sono stati battuti a tappeto tutti i territori e degustati alla cieca i vini sia da una commissione regionale che nazionale. Come si può negare che l’Irpinia sia il fiore all’occhiello dell’enologia campana?! Il terroir in questo areale permette di avere vini espressivi ed di alta qualità, è assolutamente ridicolo negarlo o contestarlo. L’unica cosa che mi irrita in generale è il rilevare che ci sia ancora molto scetticismo verso il lavoro delle donne in questo campo. Non certo da parte delle aziende che hanno tutte riconosciuto la valenza professionale di ogni singolo degustatore, qualsiasi sia il suo sesso. Ritornando alla Valle d’Aosta, qui i produttori hanno fatto i salti mortali per migliorare la qualità dei loro vini, in condizioni pedoclimatiche estreme. Allora, invece di voler distruggere quanto c’è di buono nella nostra regione, ci si impegni a fare di meglio. E’ qui il punto.

  • Pasquale Carlo

    (13 ottobre 2010 - 12:43)

    Vinco la mia scarsa propensione ai commenti su web per dire la mia su un progetto che mi ha appassionatamente coinvolto. Parlo da sannita, ed in qualità di componente della commissione degustatrice. E’ ovvio che qualsiasi lavoro è migliorabile.
    Con la lente stretta puntata sui grandi vini, oggettivamente, l’Irpinia come il Vulture hanno mostrato certamente una marcia in più; risultato che, a mio avviso, è frutto non solo di territorio ma anche di esperienza. Ed è proprio dal territorio che deve partire l’analisi della guida e questo, credo, si possa fare solo aspettando di sfogliare il prodotto e allargando questa stessa lente su un lavoro che ha calpestato i suoli dell’intera Penisola.

    • fabiocimmino

      (13 ottobre 2010 - 13:56)

      Io sono stato proprio contento di leggere del riconoscimento a Venditti. Bravo. Anzi bravi.

  • rosario mattera

    (13 ottobre 2010 - 12:53)

    Premesso che ritengo, come gà altra volte affermato che le guide del vino le ritengo un pò superate, io Slow Wine me l’aspettavo così, conoscendo un pò la filosofia di fondo della competente e appassionata squadra che ha colloborato con Luciano alla sua stesura. Sono piacevolmente non sorpreso dei vini e delle cantine presenti in guida, mi sarebbe stato difficile capire il contrario, per i motivi di cui sopra.
    Anch’io, nel mio piccolo, ho battuto e batto in lungo e il largo la Campania e quando abbiamo deciso, insieme ad altri appassionati, di capire dove andasse il vino campano, siamo partiti per forza di cose dall’areale irpino, che non dimentichiamolo ha pur sempre 3 D.O.C.G., qualcosa vorrà pur dire.
    Gli ultimi 5 anni sono stati caratterizzati da un ricco fermento in tutta la Campania ma in irpinia ancora di più ed è li che si è cominciato a parlare di zonazione, ed è li che si è incominciato a far capire che il l taurasi di Taurasi era diverso da quello di Castelfranci o di Monemarano ecc. e onestamente mi sembra da stolti non riconoscere a Luciano e a molti suoi collaboratori questi meriti, che ancor prima di Slow Wine vi hanno lavorato con passione su quei territori.
    Così come sono molto contento che: Contrada Salandra,La Sibilla e Agnanum, i mie Campi Flegrei, abbiano avuto il giusto riconoscimento, il che mi fa apprezzare ancora di più il buon lavoro fatto da tutta la squadra Pignataro.
    Per chi volesse capire la filosofia di questa guida,almeno credo, mi offro di fare da caronte per farli conoscere queste anime dei Campi Flegrei, tre espressioni alte di come terra, persone e storia si fondano in un unica parola “TERROIR”

    • Lello Tornatore

      (13 ottobre 2010 - 13:21)

      Bene Rosario! Condivido in pieno le tue affermazioni, soprattutto quando scrivi delle zonazioni, ma se mi permetti, aggiungerei anche dell’uso dei lieviti autoctoni e di alcuni primi approcci biologici e biodinamici. Questi sono i tratti caratteristici qualificanti della nuova vitivinicoltura irpina, nemmeno tanto il fatto, anche importante, del possedere le tre docg. Rispetto a tutto ciò, mi chiedo, come si fa a non tenere una considerazione particolare per l’Irpinia vitivinicola?

      • Mauro Erro

        (13 ottobre 2010 - 14:15)

        Lello, abbiamo capito ;-))))

        • Romualdo Scotto di Carlo

          (13 ottobre 2010 - 14:22)

          ..e non infieriamo sul povero(absit iniuria versis) Malgi!!! :-)))

          • Lello Tornatore

            (13 ottobre 2010 - 14:53)

            W il Cilento vitivinicolo!!! Va bene adesso? ;-)))

  • ENRICO MALGI

    (13 ottobre 2010 - 16:06)

    @ Lello e Romualdo,allora a questo punto sapete che vi dico (visto che volete per forza sfottermi) all’appello manca sicuramente qualche ottima bottiglia cilentana, va bene? Colpa di big Luciano :-))))). Starò fuori una settimana, quindi sfrenatevi. Abbracci.

  • Jelena M.

    (13 ottobre 2010 - 16:31)

    Gentile Sig. Pignataro,
    rappresento un produttore friulano che non è sulla lista da lei pubblicato, ma che si trova nella lista dei Vini Slow pubblicato sul sito della Slow Food (…dal sito http://www.slowine.it... “Vino Slow (SCRITTO IN COLORE MARRONE): bottiglie che, oltre a una qualità organolettica elevata, riuscissero a condensare nel bicchiere valori di tipo territoriale, storico e identitario che desideriamo far conoscere ai nostri lettori.” che, secondo me, è un gradino sopra i “Grandi Vini”…). Non Le sembra giusto pubblicare anche l’elenco dei Vini SLow per fornire al pubblico di appassionati di vino una panoramica più completa?

  • Marina

    (14 ottobre 2010 - 09:33)

    Sono certa che tutto questo gran parlare sia il preludio di un grande successo.

I commenti sono chiusi.