Slow Wine 2011, work in progress, i lavori al Pala Isozaki: si entra nel vivo della presentazione

Letture: 113
ore 11,00, i lavori stanno iniziando , il palco di ccordinatori e degustatori

si parla di Chiocciole, il massimo riconoscimento…..

eccone 2, da dx Simona Fino - Puglia, Elena Fucci Basilicata, Marina Alaimo degustatore slow Campania
ancora una chiocciola, al centro Giovanni Ascione, Nanni Copè Alto casertano

La presentazione prosegue, si racconta della Venarìa Reale dove alle 15,00 avrà luogola degustazione dei vini delle 160 aziende premiate con la chiocciola. Ci siamo il momento tanto atteso e preannunciato dalle anteprime web sui contenuti della nuova guida Slow Wine è arrivato. Pala Isozaki circa 10.000 posti a sedere, atmosfera emozionante e indaffarata. Le regie audio, video, luci sono in fermento. Sul palco il Presidente Burdese con i curatori della Guida Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni. Con loro  Marco Bolasco, direttore editoriale e i responsabili regionali.

Antonio Albanese chiamato non a caso ad esibirsi ina una degustazione"classica"

Pubblico e palco scoppiano a ridere all’ingresso di Antonio Albanese che si esibisce in una delle più ironiche e ilari pantomime della figura del sommelier degustaore, l’obiettivo della perfomance è uno solo: Slow Wine non procede in questo modo: non si è trattato di sedersi chiusi in una sala a degustare bottiglie alla cieca, si è trattato invece, di appassionati degustatori, professionisti e non che hanno camminato le vigne delle aziende inserite nella nuova guida. Volti e gli sguardi di un Italia che cammina, tutta insieme, senza distinzioni tra nord e sud e che vuole cambiare, fuori da ogni luogo comune. Protagonisti che hanno cambiato il paesaggio agrario in questi anni rispettando l’ambiente, lavorando con tenacia a un sogno, spesso controcorrente, a volte senza mai ricevere un ricoscimento. Viticoltori cresciuti cresciuti senza aiuti, votati alla qualità senza se e senza ma, espressione di grandi territori viticoli. Questa è la viticoltura di Slow Wine. Una guida del vino, non delle etichette

Carlin Petrini applaude divertito la performance di Albanese

il Presidente Slow Food Italia avvia ufficialmente la presentazione

il Direttore editoriale Marco Bolasco

Non si è trattato di sedersi chiusi in una sala a degustare bottiglie alla cieca, si è trattato invece, di appassionati degustori, professionisti e non che hanno camminato le vigne delle aziende inserite nella nuova guida. Il principio viene riaffermato dal presidente Slow Food Italia che rimarca soprattutto le differenze del lavoro svolto in un anno e mezzo, un lavoro corale prosegue il Responsabile editoriale Slow Food Marco Bolasco. Non è stato semplice prosegue bolasco, “abbiamo calpestato” tanti territori per comprenderne la vera natura e la storia viticola e paesaggistica,, non a caso la guida vuole essere un prodotto da leggere, da portare con sé, per andare alla scoperta dei tanti piccoli e grandi tesori dell’Italia agricola. Bolasco ringrazia di cuore Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni, i curatori della guida, i grafici, e tutti gli sponsor.

La parola passa ai curatori, parlano di un percorso lungo quasi due anni: un lavoro impegnativo 1800 aziende circa, non “valutate” per telefono, camminando tra i filari, ma raccontando anche dal punto di vista editoriale, non limitandosi al prodotto finale. Circa 200 collaboratori hanno girato le vigne di tutta Italia per narrae storie di persone, vigne e vini.

da sx i due curatori Fabio Giavedoni e Giancarlo Gariglio

ore 12, 10, Giavedoni e Gariglio stanno procedendo in diretta ad una descrizione analitica dei territori e dei vini delle singole regioni. La diretta continua stay tuned…

a cura di Giulia Cannada Bartoli

11 commenti

  • giulia

    (20 ottobre 2010 - 12:27)

    grazieeee , rimanete sintonizzati:)
    si sono loro!
    si marina tiene el sangre caliente fa nu fridd e pazz!

  • fabrizio scarpato

    (20 ottobre 2010 - 12:28)

    Mi piacerebbe provare anche solo un po’ della soddisfazione e dell’adrenalina di Bolasco, Gariglio e Giavedoni: non saran tutte rose e fiori, ma se la devono proprio godere ;-). Evviva.

  • giulia

    (20 ottobre 2010 - 12:28)

    grazieeee ,
    si sono loro!
    si marina tiene el sangre caliente fa nu fridd e pazz!

  • Cecilia

    (20 ottobre 2010 - 12:39)

    Uffa! quanto avrei voluto essere lì… ma noi ancora vendemmiamo!!

  • beniamino d'agostino

    (20 ottobre 2010 - 12:55)

    Mi sarebbe piaciuto tantissimo esserci, ma la pioggia ha ritardato la chiusura della vendemmia.
    forza ragazzi

  • claudio nannini

    (20 ottobre 2010 - 14:41)

    ma ci sarà un’altra diretta?

  • monica

    (20 ottobre 2010 - 15:00)

    BEL RACCONTO…COME SE FOSSI LI’.

  • claudio nannini

    (20 ottobre 2010 - 18:59)

    infatti sei lì Monica….

  • gp

    (20 ottobre 2010 - 19:34)

    Ora che ci siamo e questa lunga esperienza si è finalmente concretizzata, noi della squadra, possiamo stringerci tutti in un mega abbraccio, unire le mani e gridare, alzandoci verso l’alto, URRÀ ! ! Una nuova era delle guide è incominciata.

  • giulia

    (20 ottobre 2010 - 23:20)

    hip hip hurrà!

I commenti sono chiusi.