Sorbillo cantiere aperto: visita con Marcelle Padovani

Letture: 124
Marcelle e Gino Sorbillo

Novità serie e di rilievo nella pizzeria Sorbillo: da un lato il locale si amplia sull’angolo, con una cantina dove si potranno organizzare mostre. Dall’altro Gino è tornato nell’appartamento dove ha mosso i primi passi per crearsi uno spazio proprio nel quale realizzare sperimentazioni, ricevere amici, vivere una dimensione più tecnica staccata dal contesto della pizzeria.

Gino nei nuovi locali dell'Accademia della Pizza

Ci siamo capitati di mattina trattenendoci un paio d’ore insieme a Marcelle Padovani, corrispondente dall’Italia per Nouvel Observateur, grande esperta del nostro Paese su cui ha scritto numerosi libri e dove vive da ormai da trent’anni.

 

Gino e Marcelle

Marcelle non si occupa di gastronomia, i suoi articoli e le sue pubblicazioni riguardano soprattutto la politica e la mafia, seguì tra le altre cose il lavoro di Giovanni Falcone.

 

Una ricciola di duecento anni di un'antica fabbrica di Gianturco

Però ha voluto entrare dentro Napoli, che conosce benissimo, da una chiave scontata eppure diversa: la pizza attraverso la figura di Gino Sorbillo. ” Fai bene Marcelle – le dico scherzando – non si entra nella testa della gente senza passare prima dalla loro pancia”. Una rivisitazione del vecchio e stracitato motto di Feuerbach:-)
Gino in fondo è la Napoli che riesce sempre a risorgere dalle sue ceneri. Un vitalismo senza fine delineato, la necessità della rappresentazione come essenza stessa della vita.

Lavori in corso

Gino ci parla del colossale sforzo di ricostruzione della memoria realizzato per la prima volta da un pizzajuolo, un mestiere condannato a vivere giorno per giorno e che solo in questi anni sta venendo alla luce in modo diverso.
Anche se, dice Salvatore Sorbillo, il papà di Gino, quando lui era giovane bastava venire da Napoli per essere pagati meglio.

Il pavimento di ricciole

Gino recupera porte, lampioni da strada, vecchie insegne pubblicitarie, articoli e foto di giornali. Li mostra a Marcelle, è il suo vissuto che non riesce a diventare ancora storia perché adesso si comincia a scrivere di pizza e pizzajuoli.

Gino nel locale dove lavoravano i nonni

Ci porta nel locale dove ha iniziato la sua famiglia, la porta bassa con il lavabo, il forno messo negli anni ’90.

Il forno degli anni '90

 

La nuova ala della pizzeria

 

Marcelle e Gino nella nuova ala della pizzeria in costruzione

Marcelle lo ascolta, gli piace lo spirito napoletano, trova la vita che scorre. E si diverte quando Gino, supportato da me, fa spostare una scala per evitare di passarci sotto. In fondo bisogna anche ricordarsi che quando andremo via non avremo avuto spiegazioni razionali della maggior parte delle cose viste e vissute. Nel frattempo, meglio rispettarle:-)

Lavori in corso

 

Verso la cantina

 

Con Marcelle

La pizzeria al primo piano funziona. Forse in settimana riapre anche il primo. Alle 12 il primo turno lo fanno i turisti stranieri, poi resterà aperta sino alle 16. Una delle cose belle di Napoli e delle grandi città: poter mangiare a tutte le ore.
In fondo il Nord inizia dove c’è un orario di chiusura delle cucine e dei forni.

Alle 12 già piena di stranieri

Il fuoco ha lasciato una traccia spiriturale misteriosa, in questo limbo animisticom in cui si naviga potrebbe avere un significato speciale, oppure non averlo proprio. Non saremo certo noi a decidere.

Uno spirito di donna liberato dal fuoco

 

Si lavora mentre si ricostruisce

 

Il nuovo tetto di castagno ripulito

 

Margherita!

Mi è piaciuto tornare da Gino con occhi da visitatore, la consuetudine spesso anestetizza la sensibilità mentre il segreto di questo lavoro è non perderla mai grazie alla curiosità.
Gino è un cantiere aperto, la sua spinta vitalistica è inesauribile. Come l’anima di questa straordinaria città.
Perciò la sua pizza è così buona, è la metafora irripetibile della vita.

Due chiacchiere con Salvatore Sorbillo, papà di Gino

7 commenti

  • Amedeo Trezza

    (17 maggio 2012 - 14:34)

    bene, bell’articolo e sono contento che la tradizione della pizza napoletana non sbiadisca ma tenga sempre alta l’attenzione su di sé. solo una cosa: nella didascalia della quinta foto sarà una RIGGIOLA napoletana e non una RICCIOLA (che è invece un pesce).
    saluti a tutti-.

  • Romualdo Scotto di Carlo

    (17 maggio 2012 - 14:56)

    “il Nord inizia dove c’è un orario di chiusura delle cucine e dei forni”… osservazione semplice quanto veritiera!
    …e ancora in bocca al lupo a Gino Sorbillo!!!

  • pizzeria élite rossi

    (17 maggio 2012 - 15:03)

    un grande in bocca al lupo amico mio …. pasqualino

  • marella

    (17 maggio 2012 - 16:19)

    Gino è un grande e il recupero del luogo d’origine è solo l’ultima prova (in ordine temporale) di cio’!
    Complimenti al Marcelle Padovani una professionista di rispetto non ha riserve mentali ,si occupa di mafia, di Falcone, delle splendide opere d’arte culinaria(le pizze di Gino)e dei lavori di ricostruzione .Bravi tutti ed un saluto particolare al vulcanico GINO.

  • Rosario mattera

    (18 maggio 2012 - 10:30)

    In questo periodo buoi e triste, dove pare che le storie debbano solo intristirci ed incattivirci, questa mattina leggendo e vedendo le foto di Gino e Marcelle, che abbiamo avuto il piacere di avere ospite alla Notte Galeotta di Malazè,mi hanno emanato quel dolce senso di leggerezza che solo alcuni grandi personaggi riescono a trasmetterti.
    E’ bello vedere la forza di questo guaglione, che tenacemente va oltre il suo sogno e addirittura lo riesce anche a vivere, sempre con grande umiltà. Sogno,umiltà, vivere parole antiche, che una grande osservatrice del nostro tempo come Marcelle Padovanì, sicuramente avrà colto nell’incontro con un personaggio che a suo modo rappresenta un bel esempio di napoletanità.

    • luciano pignataro

      (18 maggio 2012 - 11:10)

      Hai ragione Rosario, quelo che più appassiona di questo settore è l’ottimismo, la positività dei protagonisti, la presenza di tanti giovani, il fatto che l’Italia è davvero unita da Nord a Sud in uno stesso movimento dinamico e ricco.
      Nonostante le difficoltà.

  • ciro lubrano

    (19 maggio 2012 - 10:04)

    EVVIVA! DOPO MOLTI ANNI SON RIUSCITO NUOVAMENTE A MANGIARE UNA PIZZA sorbillo. STAVOLTA SI TRATTA DI QUELLO DI GINO SORBILLO E PER ME E’ STATO UN REVIVAL DEL GUSTO INTERESSANTISSIMO. HO, A ONOR DEL VERO, APPREZZATO UN PO’ MENO L’INDIGESTIONE DI GAS DI SCARICO E DI EMISSIONI NOCIVE ASSAI CHE TUTTI COLORO CHE SONO IN FILA PER POTER ACCEDERE AI LOCALI DELLA PIZZERIA (sempre affolatissima).
    PURTROPPO LA CODA, PIIOGGIA-CALDO O FREDDO, SI FA IN STRADA E, NON ESSENSO ZONA PEDONALE, Lì PASSA DI TUTTO!!
    PECCATO. PERO’ LA PIZZA, A COMINCIARE DALLA semplice MARGHERITA, E’ BUONISSIMA. COMPLIMENTI

I commenti sono chiusi.