Sorrento, ristorante Il Buco di Peppe Aversa

Letture: 486
Sorrento, Ristorante Buco. Peppe Aversa com lo staff

di Marina Alaimo

Andare a Sorrento equivale sempre a fare un tuffo nella bellezza, pur avendola visitata centinaia di volte. Ho prolungato questo stato di estremo piacere recandomi al ristorante Il Buco, dove appunto tutti i sensi vengono stimolati positivamente accompagnati dalla squisita e sapiente accoglienza del patròn Giuseppe Aversa. Il Buco mantiene il riconoscimento della stella Michelin dal 2003, confermata dalla massima attenzione dedicata ad ogni minimo particolare.

Torna a Surrient'

Il ristorante nasce nel 1997 come trattoria tipica, forse Peppe era stanco del suo continuo andar per mare, essendo capitano di navi mercantili ed ha deciso quindi di mettere radici salde. Armato della follia dell’incoscienza ha affrontato l’ambizioso progetto con pochi mezzi a disposizione , forte comunque della grande capacità di affrontare difficoltà ed imprevisti che acquisisce inevitabilmente ogni lupo di mare. Il ristorante è ubicato in una posizione singolare e molto interessante, le scalette che risalgono dalla marina e conducono all’arco di fianco all’entrata del ristorante rappresentano l’antica porta di accesso dal mare alla città di Sorrento.

Ristorante Il Buco

La location era la cantina del convento di monaci teatini risalente al 1400, le sale infatti hanno il soffitto a volta, sono poste una nell’altra ed arredate con eleganza. Qui il patròn tiene a far arrivare al cliente un concetto per lui fondamentale ovvero che la tavola venga vissuta come luogo di incontro e serenità. Il menù è composto per lo più dai prodotti del mare che sapientemente si articolano tra pesci poveri, legati fortemente alla memoria gustativa e quindi alla cucina di famiglia, e pesci pregiati.

Stuzzichino di Cappasanta

Si comincia con lo stuzzichino di cappasanta appena scottata con pomodoro candito, pomodoro crudo e burrata. Certo qui, come nel piatto successivo, non si può parlare di prodotti del territorio, ma a Peppe piace orbitare in più direzioni, pur riconducendoci con piccoli particolari alla terra delle Sirene, ed in questo caso sono i pomodori di Sorrento a sottolineare questo particolare.

Segue la millefoglie di astice con insalatina mista ed agrumi, salsa allo yogurt, sale alla vaniglia, sale speziato, sale al sedano, con raviolino fritto ripieno allo zenzero e sorbetto al gin tonic.

millefoglie di astice

La dolcezza dell’astice è ben in sintonia con l’acidità dello yogurt, ma anche degli agrumi, rigorosamente sorrentini, ritenuti quasi un simbolo della penisola. Stimolante e raffinata la scelta di più tipi di sali ed estremamente piacevole il sorbetto al gin tonic, scelto per ripulire il palato e passare alla portata successiva.

Poi merluzzo con crosta al pomodoro ed olive nere su purea di melenzane.

Merluzzo con crosta al pomodoro e olive nere su purea di melanzana

Piatto dai sapori e profumi tutti mediterranei, in perfetta sintonia con la carne delicata del merluzzo.

Segue un primo piatto: fedelino con vongole e tartufi di mare con passatina di piselli e croccante di pancetta

Fedelino con vongole e tartufi di mare

Molti si chiederanno cosa sia questo fedelino. E’ un formato di pasta, spaghetti sottili che Peppe da bambino amava spezzettati nel brodo. In questa preparazione sono accompagnati da due frutti di mare molto amati nella penisola sorrentina, appunto vongole e taratufi, la cui sapidità viene messa in equilibrio dalla dolcezza della passatina di piselli, e la pancetta croccante conduce il gioco delle diverse consistenze.

Seguono i ravioli ripieni di polipetti su scarola saltata in padella con olive e fonduta di provolone del Monaco.

Ravioli ripieni di polipetti

In questo piatto si raccolgono più elementi della cucina tradizionale napoletana, i polipetti affogati nel pomodoro che fanno da ripieno ai ravioli, ma che vengono simpaticamente ricordati all’occhio dalla presenza nel piatto di portata di una tazzina di caffè contenente un minuscolo polipetto, affogato nella salsa di pomodoro.

Polipetto in tazzina

Ancora la scarola appassita in padella con le olive nere, verdura da sempre presente nella cucina popolare napoletana, quasi un simbolo della nostra tradizione culinaria legata alle verdure. Il provolone del Monaco viene prodotto sui Monti Lattari che costeggiano la penisola sorrentina.

E’ un piatto dai sapori decisi al quale segue il filetto di cernia, estremamente delicato e cotto a bassa temperatura perché mantenga una buona succulenza e consistenza.

Cernia con broccoli piccanti e salsa all'aglio dolce

Eccellente. Viene accompagnato con broccoli piccanti, salsa all’aglio dolce e sale alla vaniglia.

Il momento della dolcezza chiude in maniera straordinaria ed avvolgente con il semifreddo alla vaniglia, Bourbon e variazione di ananas.

Semifreddo alla vaniglia

Poi ancora cilindro di cioccolata e cream brulè alla vaniglia e salsa all’arancia.

Cilindro di cioccolato

I dolci sono molto buoni, vengono preparati dalla chef di patisserie Maria Laura. Buona la carta dei vini, molto ricca e ben articolata tra le migliori espressioni dei vari territori italiani, ma grande attenzione anche alle etichette estere.
Oggi il ristorante Il Buco è dotato di una cantina ben arredata, per condurre in degustazione gli appassionati del mondo del vino, con ampia scelta di etichette e sosta lunga tra gli adorati Champagne. Lavorano nella squadra in cucina: Tommaso De Turris, chef; Ciro Perna, ai primi; Giuseppe Miccio, ai secondi; Eduardo Vuolo e Francesca Sedori, agli antipasti. In sala: Rosario Vanacore, Rossella Coppola e Michele Maresca. Gaetano Staiano è il sommelier.

Via Seconda Rampa Marina Piccola n°5
Tel.081.8782354
www.ilbucoristorante.it
info@ilbucoristorante.it
Il ristorante è aperto tutti i giorni tranne il mercoledì
Due settimane a gennaio

Cliccando qui sopra avrete un itinerario alla ricerca dei sapori di Sorrento in una giornata

9 commenti

  • giulia

    (17 ottobre 2010 - 11:53)

    Grandissimo Pepppe, Maestro di tanti ragazzi emergenti oggi

  • Vincenzo

    (17 ottobre 2010 - 11:54)

    Ecco un ristorante dove il km zero non è dogma, ma semplicemente un suadente suggerimento per fare in modo che il territorio sia sempre un volano e mai un vincolo.
    Ed il gigante buono Peppe Aversa ha intuito ciò e soprattutto sa praticare ciò con grandissimo valore, ben coadiuvato dalla brigata.
    E’ sempre un piacere leggere quanto scrive Marina Alaimo.

  • giulia

    (17 ottobre 2010 - 12:18)

    già è davvero un piacere, marina è attenta, precisa, quasi maniacale nella raccolta degli ingredienti per le ricette, che ti sembra di sta assaggiando il piatto e ti fa venire il desiderio di dire ok ettiamoci in macchina si va:)

  • marco contursi

    (17 ottobre 2010 - 12:29)

    per completare la bella scheda di Marina vorrei ricordare i prezzi che alla carta sono sui 65 euro per antipasto-primo e secondo,più due menù degustazione a 85 e 75 euro.Prezzi concorrenziali per professionalità e qualità nella fascia alta in cui si colloca.Un indirizzo sicuro a Sorrento.

  • Maria

    (17 ottobre 2010 - 12:34)

    Parlare di un posto ed ancor più di una cucina raffinata, come quella del ristorante ” Il Buco di Peppe Aversa”, può risultare semplice, ma il modo elegante e minuzioso di descrivere di Marina, fa nascere un’immediata voglia di visitare questa location e gustare questi piatti.

  • giulia

    (17 ottobre 2010 - 12:45)

    vi prego cancellate dal vocablario la parola location! Mary hai assoldato un esercito di fan:)))))))))?:::)))

    • giancarlo maffi

      (17 ottobre 2010 - 14:59)

      giusto .io da sempre uso la parola, LOCHESCION .

      brava marina, ormai hai messo la freccia :-)

  • Marina

    (18 ottobre 2010 - 09:08)

    Grazie Maffi, se me lo dici tu mi lusingo davvero.

  • giulia

    (18 ottobre 2010 - 10:31)

    perchè se te lo dico io nooooo???:)))))))))

I commenti sono chiusi.