Sotto l’ombrellone-1 | Depardieu, Questioni di core

Letture: 122
Gerard Depardieu

di Fabrizio Scarpato

A me Gerard Depardieu sta simpatico. E’ uno che ha preso la vita per tutti i versi, l’ha rivoltata come un calzino, subendone tutte le conseguenze, anche tragiche. Non si può dire che non abbia fatto la vita che ha voluto, io per primo non potrei dirlo e sfido molti altri.

Depardieu è innamorato del cibo, non so se ne capisce (e poco mi interessa), ma sicuramente gli piace, sin dai tempi delle clamorose mangiate alla straordinaria Trattoria Cantarelli a Samboseto, durante le riprese di Novecento: due atti, molti mesi, tanti savarin di riso.

Sembra un corto circuito molto istintivo, assolutamente fisico, persino impellente: mangiare e bere, come voler pisciare su un aereo in fase di decollo e piantare un casino che levati. Impulsivo come acquisire vigneti e proprietà in giro per il mondo, dal Cile a Pantelleria, o aprire e chiudere ristoranti e trattorie a Parigi; compulsivo come recitare in centinaia di film o ingenuo quando, facendosi tirare per la giacchetta oversize, declama le virtù di un qualsivoglia barolo piuttosto che del caciocavallo podolico. Ma c’è da credergli, forse. “ Il mio rapporto con il cinema è lo stesso che ho con il vino e col cibo: li cerco per le sensazioni che mi possono dare. Amo il cinema così come amo la vita, entrambi mi ricambiano e mi restituiscono molto”. Avercene.

Ultimamente, a Locarno, Depardieu si è lanciato in lodi sperticate verso l’Italia, dove nel recente passato ha più volte dichiarato di volersi trasferire ( aridaje): “Amo l’Italia perché non ha mai perduto i valori della natura e della famiglia, specie nel centro-sud, in cui esiste ancora una autenticità che ha radici nella terra. C’è chi preferisce la roba internazionale, a me invece piacciono le regioni”. Ovazione. Double face, per dirla alla francese: che può andar bene al popolo mangereccio conservatore, quello del vuoi-mettere-un-bel-piatto-di-pasta-e-fagioli, come al più incallito innovatore: forse non voluta, ma illuminante sintesi di contemporaneità. Il nostro possiede trattorie che fanno cucina italiana, produce vino italiano, acquista quantità faraoniche di tartufi di Alba, ed è anche testimonial di una passata di pomodoro, in cui con voce cavernosa sibila “tengo ‘o core italiano…”
Mmm… sarà il core business?

Roberto Nepoti: Irresistibile Depardieu “Il cinema è come il cibo” – La Repubblica

4 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (1 settembre 2011 - 20:26)

    La pubblicita’ e’ un piccolo neo, con il quale probabilmente il nostro si paga a malapena la Modica quantita’ di tartufi che ingolla ogni anno. adoro jerard. Secondo me e’ uno che porta buono. Lo farei presidente del consiglio. Un francese praticamente con sangue italiano.

  • lido

    (1 settembre 2011 - 23:02)

    col presidente del consiglio abbiamo gia dato, il presidente operaio, il presidente fornaio, il presidente macellaio, questo si della societa, fatta a pezzi, magari ministro della agricoltura, sicuramente più di chi sapaete Voi sa. ciao Lido.

  • Albertone

    (2 settembre 2011 - 15:50)

    Beh… almeno se avessimo MONSIEUR Gerard Depardieu come presidente del consiglio, andremmo sicuramente tutti in casino xò con un sorriso sulle labbra….. che mangiate e che bevute… W LA DISSOLUZIONE….

  • fabrizio scarpato

    (2 settembre 2011 - 16:40)

    Non so, ma ho la sensazione che si abbia una visione di Depardieu filtrata dai suoi personaggi cinematografici o dal suo stesso fisico (physique du role, appunto). Spaccone, generoso, irruente, sincero. E’ vero anche nella vita sembra esser tutto questo e per questo lo apprezzo: a volte, per motivi vari, e in questo agosto è stato un po’ così, tanto da ironizzarci un po’, sembra che “ci marci”, diciamo. Con la consueta improntitudine o faccia da …. ;-))

I commenti sono chiusi.