Sotto l’ombrellone-3. Il crudo vi sommergerà

Letture: 76
I coniugi Wang presidiano l'avamposto

di Fabrizio Scarpato

Li hanno trovati che facevano l’alza bandiera, una mattina, come tutte le mattine, da venticinque anni. Bandiera rossa a difesa dell’isola di Kaishan, puntino nel Mar Giallo, avamposto cinese contro l’invasore del Sol Levante.

La famiglia Wang, marito, moglie e tre figli: non è dato sapere se anche questi ultimi indossavano la tuta mimetica di ordinanza. Se li erano dimenticati laggiù, senza munizioni, senza luce, senza telefono e televisione: dal 1987 tutti i giorni guardavano il mare, col fucile in mano. Scarico.

Li hanno lasciati con uno stipendio minimo e senza cibo. Loro pescavano e barattavano il pesce con navi di passaggio in cambio di generi di prima necessità. Gamberoni e capesante. Si sono sostentati con gamberoni, molluschi e capesante. Abbiamo debiti, dicono. I cinesi li hanno proclamati eroi della resistenza: il loro debito di riconoscenza lo hanno saldato con una patacca, perché i Wang hanno pensato bene di rimanere sull’isola, a “difendere” il loro paese.

Un giornale BlaBlaBla racconta di una tipa con le labbra canottate come il tender della barca da cui è appena scesa, che sibila di amare tanto le crudités. Ora, se l’uso improprio e leggero del verbo amare mi provoca una specie di tic nervoso, le crudités mi hanno scassato gli zebedei. Non tanto per il crudo in sé, del quale peraltro non avverto tutta questa necessità, ma per il desoalnte richiamo all’immanente decadenza del mondo, iniziata invero con la tartare di tonno, come affermava il sommo Tony Pagoda, del quale chi scrive è tardissimo epigono.

Stanchezza che mi assale ogniqualvolta un cibo è usato, subìto, ripetuto, imposto, complicato, plagiato, esibito, svilito, marchiato, sbattuto, frullato e propinato come l’ennesima sneaker o il Capichera Vendemmia Tardiva, con tutto il rispetto per le sneakers e ovviamente per il Capichera, di qualunque vendemmia. Un pesce crudo è un pesce crudo, e basta: è autentico, intenso e significante così com’è, senza orpelli, non può e non deve farsi carico della mia fragilità. Ha già i suoi problemi. Non diversa la sorte delle capesante, sulla china ineluttabile anche i gamberoni, anch’essi tartarizzati sulle barcazze o carbonizzati in orrende grigliate sulla spiaggia con le bandane e le bocce di frizzantino o peggio ancora di champagnino. Sindrome dell’isola deserta che non sarà mai famosa.

Ecco, l’isola. Forse i signori Wang gradirebbero un po’ di compagnia, senza telefonini, senza televisori, senza soldi, senza russi, senza briatori, senza cristal sputtanati, senza prestipedatori, senza veline scianguettanti, senza crudi, senza tartare e crudités. Insomma, senza. O forse troverebbero una ragione alla loro perseveranza. E comincerebbero a sparare: lacere bandiere rosse, alghe putride, pallottole di merda, brandelli di tuta mimetica, gamberi marci, molluschi e capesante avariate, pesce ammuffito e sputazzi fino a sommergere l’agognato e ignaro invasore.

La decadenza vivrebbe il suo epilogo: un fescennino inenarrabile, una scena apocalittica degna del finale di Zabriskie Point.

Giampaolo Visetti – La guerra solitaria dei Wang – La Repubblica

6 commenti

  • fabrizio scarpato

    (9 settembre 2011 - 23:17)

    Non metto in dubbio, non metto in dubbio. Tienilo nascosto il tuo pescatore talassoglaucopide (va di moda il greco e mi adeguo inventando ;-)). Davvero, quel che manca nell’approccio al crudo è la fisicità: credo che ci torneremo, se avrai la pazienza del pescatore. Straparlo, grazie.

  • Giancarlo Maffi

    (10 settembre 2011 - 13:48)

    Fabrizio e’ incontenibile gia’ ora. Figuriamoci dal 7 di ottobre in avanti:-)))) ps: ma ” prestipedatore” e’ di gioannfu Brera ?

    • fabrizio scarpato

      (10 settembre 2011 - 19:42)

      Eh sì, propri lu (?). Abbiamo passato la gioventù a leggere il Giorno. Ma ti è scappato il “fescennino inenarrabile”, altra perla del maestro. Son ladro di parole.
      Attendo il sette ottobre, anzi l’otto, perchè il sette sarò probabilmente e beatamente impegnato, per dormire: ne avrò bisogno.

  • Giancarlo Maffi

    (10 settembre 2011 - 21:06)

    Non mi e’scappato, volevo essere magnanimo:-) e comunque io leggevo il guerin sportivo, l’unica roba scritta capace di parlar di calcio con poesia

    • Leo

      (11 settembre 2011 - 00:09)

      Maffi, secondo me, leggeva Hurrà Juventus insieme a quel bolscevico di Emilio Fede ! :-))

  • Giancarlo Maffi

    (11 settembre 2011 - 10:47)

    Come sai bene fede ha cambiato fede dopo aver conosciuto il cav. Grazie al cielo, per noi juventini

I commenti sono chiusi.