Soverato, Osteria Lo Sciamano di Gaetano Mocciaro e i piatti di Francesca Raspa

Letture: 231
Lo Sciamano, la saletta interna

Via Marconi, 28
Tel. 0967.522564
www.osterialosciamano.it
Chiuso domenica sera e lunedì

Ecco una tappa storica della ristorazione di mare calabrese. La sabbia cuce Soverato al mare, ci si arriva, da nord come da sud, dopo tanti chilometri di ulivi e azzurro. Il covo di Gaetano Mocciaro, lo Sciamano, e della cuoca Francesca Raspa è in un bel palazzotto, con un dehor estivo gradevole e profumato.

Lo Sciamano. Tartare di alici

Lo Sciamano indica la strada, non segue chi lo ascolta. Per questo Gaetano ha scelto questo termine per l’osteria e, in fondo, per se stesso. Conviene dunque farsi guidare appena seduti per godere della spesa di materia prima marina di eccellenza. Del resto, così si deve fare in una osteria.

Il pane

 

Lo Sciamano. Polpette di pesce

La cucina è essenziale, sapori semplici e ncrociati tra loro solo per esaltare il mare. Niente ghirigori, ma solo discrete intuizioni e giusto recupero di una tradizione presentata a tavola in maniera non greve, ripulita, moderna.

palamito impanato

Il pescato viene dunque esaltato e arricchito da spezie, un po’ di orto, odori, impreziosito da una buona e consapevole ricerca di materia prima efficace di grndi artigiani calabresi del gusto. A cominciare dall’olio e dal pomodoro.

prosciutto di tonno

 

Lo Sciamano. Fiori di zucca ripieni

 

risotto con gamberi e frutti di mare

 

Ziti di Gragnano con ragù di cernia

Dopo la batteria di antipasti, le paste sono il vero divertimento: potrete scegliere adirittura tra una ventina di proposte, ma il consiglio è seguire il consiglio. Impossibile restare delusi.

Linguine con alici

 

Bucatini con frutti di mare, cacioricotta

Nei dolci lo Sciamano vi fa scoprire il volto più bello della Calabria che ha, come la Sicilia, un palato arabo, senza mediazioni. Impossibile dunque resistere alle diverse combinazioni con fichi, torroni, semfreddi preparati in proprio, liquirizia, bergamotto, agrumi. pistacchi. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Torrone e liquirizia

 

semifreddo al pistacchio

 

Il mirto

Pagherete circa 50 euro per una delle soste più genuine e gradevoli della Calabria.
Imperdibile.

La liquirizia

3 commenti

  • Marcello

    (26 luglio 2012 - 10:39)

    Capperi, la sosta qui e’ obbligatoria….

  • KingT

    (10 agosto 2012 - 17:08)

    prezzi alti, antipasto e primo 90 euro

  • Michele

    (18 agosto 2012 - 16:32)

    Cibo buono ma troppo, troppo, troppo caro !!
    4 antipasto, 4 primi con due bottiglie di vino normalissimo e un dolce: 250 euro.

    Ho mangiato molto meglio e pagato molto meno altrove ,,

I commenti sono chiusi.