Spaghetti al pomodoro: il piatto celebrato per la Giornata Internazionale delle Cucine Italiane. A New York Bartolini, in Italia il President e Vico di Villa Torretta

Letture: 139
Spaghetti al pomodoro e basilico di Gennaro Esposito (Foto Albert Sapere)

CENTINAIA DI CUOCHI IN TUTTO IL MONDO FANNO LA OLA DEGLI SPAGHETTI AL POMODORO E BASILICO PER PROTEGGERE IL MADE IN ITALY. 

A NEW YORK SI ASSEGNANO GLI OSCAR DELLA CUCINA ITALIANA ALL’ESTERO CON UNA CENA DI GALA FIRMATA DA ENRICO BARTOLINI. 

IN ITALIA EVENTI A POMPEI E A MILANO.

Si celebrerà in tutto il mondo il prossimo 17 gennaio 2013 la Giornata Internazionale delle Cucine Italiane (IDIC – International day of Italian Cuisines), giunta alla sua settima Edizione.

Gli Spaghetti al pomodoro e basilico, il piatto più conosciuto della cucina italiana, ne saranno i protagonisti. La loro popolarità è anche la ragione del loro diffuso taroccamento a tutte le latitudini. Per questo motivo, migliaia di cuochi, ristoratori e food lover  prepareranno il prossimo 17 gennaio, tutti insieme questo delizioso piatto della tradizione italiana. Una ideale gigantesca ola degli spaghetti correrà lungo i fusi orari di tutti i continenti, dalla Nuova Zelanda, agli Usa, dalla Cina agli Emirati Arabi, dall’Italia al Sudafrica,

La IDIC 2014 è promossa e coordinata da www.itchefs-gvci.com , la voce di un network di oltre 2200 cuochi, ristoratori e culinary professional che lavorano in 70 paesi del mondo e che, quotidianamente, si ritrovano nel Forum del GVCI (Gruppo Virtuale Cuochi Italiani).  E’ una mobilitazione di base per dire no alle falsificazioni alle quali la cucina italiana e i prodotti agro-alimentari made in Italy sono sottoposti in tutto il mondo. Ma è anche una maniera per promuovere cuochi e ristoratori di cucina italiana che nel mondo si battono per la sua autenticitá.

Spaghetti al pomodoro, la pagina sul Mattino sul Mattino

 

L’edizione 2014 della IDIC avrà il suo evento centrale ancora una volta a New York, capitale storica della cucina italiana fuori dall’Italia.  Lo chef Cesare Casella, leader di itchefs-GVCI negli USA e direttore della Scuola di Italian Studies all’International Culinary Center, coordinerà un intenso programma di attività.  Si inizierà la sera del 16 gennaio, con la Cena di Gala di lancio della IDIC, firmata da Enrico Bartolini, Chef del Ristorante Devero di Milano (2 stelle Michelin). Durante la cena saranno conferiti i Grana Padano Italian Cuisine Worldwide Awards, gli oscar dell’enogastronomia italiana nel mondo, a personaggi di tutto il mondo che si sono distiniti per la promozione della enogastronomia italiana.

Enrico Bartolini cucina a New York

Il 17 gennaio, gli Spaghetti al pomodoro e basilico saranno celebrati da tre cuochi under 35 che rappresentano il futuro della cucina italiana nel mondo: Luca Signoretti (Ristorante Roberto’s, Dubai), Matteo Bergamini (Ristorante SD26 New York) e lo stesso Bartolini. Durante l’evento ci saranno una serie di collegamenti video in diretta con ristoranti italiani nel mondo, compresi il President di Pompei e il Vico di Villa Torretta a Milano. Al President, il giornalista eno-gastronomico Luciano Pignataro (www.lucianopignataro.it ) e Paolo Gramaglia, chef patron del ristorante, celebreranno gli spaghetti nella loro terra d’origine. Pompei è dentro – o ai confini – di distretti gastronomici strategici come il pomodoro San Marzano, quello del Piennolo vesuviano e della Pasta di Gragnano IGP. Lo chef Giacomo Gallina, veterano della cucina italiana nel mondo, insieme con Francesca D’Orazio, lo stellato Tano Simonato (Tano Passami l’olio),  saranno ospiti di Maurizio Palazzo e Angelo Nasta all’Hotel Villa Torretta per parlare di tecniche antiche e moderne per gli spaghetti perfetti.

Paolo Gramaglia cucina a Pompei

Alla Ola degli Spaghetti al pomodoro e basilico (rigrosamente al dente) del 17 gennaio prenderanno parte anche decine cuochi e ristoratori che lavorano in Italia, o semplici buongustai che si vogliono associarsi alla celebrazione di questo piatto e di quello che è stato definito l’orgoglio culinario italiano (“The Italian culinary pride”) .

 

Per comunicare la propria adesione: http://idic.itchefs-gvci.com/join/idic.htm Il programma completo degli eventi e la cartina della ola globale nel mondo, con i suoi protagonisti,  su www.itchefs-gvci.com

 

Per ulteriori informazioni:

Aldo Palaoro a_palaoro@yahoo.com

Rosario Scarpato, Direttore IDIC 2014 rosario.scarpato@itchefs-gvci.com – +39 3394075086

3 commenti

  • Raph regan

    (12 gennaio 2014 - 11:17)

    Grazie della bellissima notizia. Anche a oslo ci inventeremo qualcosa per partecipare all’evento.

  • Cooking Rosa

    (12 gennaio 2014 - 11:46)

    La celebrazione di una regione, la nostra Campania, che ha creato un piatto simbolo di un’intera nazione!!
    Che meraviglia!!
    Ho compilato il form per “partecipare” all’evento con il mio piccolo bloggettino e alla fine della procedura è comparso il messaggio per ricordarmi di inviare la foto dei miei spaghetti … C’è un problemino però, non riesco a capire dove inviarla!!
    C’è una mail o un’area dedicata nel sito per farlo?
    Buona domenica,
    Rosa

    • peppe

      (17 gennaio 2014 - 16:21)

      Ciao, anche io ho partecipato a questa giornata che celebra la nostra amata cucina italiana nel mondo per la foto devi inviarla a questo indirizzo:
      info@itchefs-gvci.com

      saluti
      peppe by peppeaifornelli

I commenti sono chiusi.