Spaghetti al soffritto napoletano

Letture: 1961
Spaghetti al soffritto

Un piatti di altri tempi, quando nella giornata si bruciavano più calorie e bisognava sfamarsi più che mangiare. E poi anche un piatto difficile, perché sono in molti in ormai a rifiutare le frattaglie.
Eppure è un piatto di grande gusto, tradizionale perché nelle città era spesso l’unico modo per nutrirsi di proteine animali. Popolare, perché i pezzi pregiati degli animali andavano ai ricchi e ai nobili.
Le zendraglie erano le donne che aspettavano fuori dalle cucine reali che le animelle fossero scartate e buttate dai cuochi di corte.
Pasta e frattaglie, dunque. Ed è incredibile come le antiche ricette trovino in se l’equilibrio: solo il pomodoro, infatti, può restituire acidità ad un piatto grasso e molto dolce di partenza

 

Spaghetti al soffritto napoletano

Ingredienti per 5 persone

  • 400 g di spaghetti o di bucatini
  • 500 g di passata di pomodoro
  • 500 g di frattaglie di maiale o anche di vitello
  • 5 cucchiai d'olio d'oliva o, meglio, 100 g di sugna
  • 1 peperoncino forte
  • 1 aglio
  • a piacere una foglia di alloro

Preparazione

In una padella partite con lo sfritto di aglio, alloro e peperoncino nell'olio o nella suglia. Oppure usate l'olio e aggiungete un cucchiaio di sugna.
Aggiungete le frattaglie tagliate a pezzi piccole e lasciate rosolare a fuoco vivo
Togliete l'aglio
Aggiungete il pomodoro e tirate il sugo lentamente lasciandolo pippiare sino a quando si è ristretto
Aggiungete la pasta cotta al dente e fate saltare
Sconsigliato il formaggio

Vini abbinati: Gragnano o Lacryma Christi rosso del Vesuvio

Un commento

  • Marcello

    (15 novembre 2013 - 12:40)

    Libidine pura……con grattatata di pecorino o cacioricotta cilentano ancor piu’ goduriosi

I commenti sono chiusi.