Spaghetti con lupini, gamberi e un pizzico di orto

Letture: 660
Spaghetti con lupini, gamberi e orto

di Virginia Di Falco

Una ricetta di mare, a cavallo tra primavera ed estate: qualche gambero, dei lupini per bilanciare la sapidità e, se siete fortunati come me e avete in frigo qualche zucchina o taccola bio aggiungete al piatto un po’ di verde dell’orto, che non guasta mai.

 

Spaghetti con lupini e gamberi

Spaghetti con lupini e gamberi

Ingredienti per 2 persone

  • 200 gr di spaghetti
  • 500 gr di lupini
  • 300 gr di gamberi
  • 2 fagioli lardarelli (taccole) -- possibilmente non trattati
  • 1 zucchina media (possibilmente bio)
  • 2 spicchi di aglio
  • olio extravergine di oliva e sale q.b.
  • pepe, a piacere

Preparazione

Tagliare a julienne la parte verde della zucchina e a striscette diagonali le due taccole. Far bollire un litro di acqua e scottarvi le verdure per non più di tre o quattro minuti.
Poi scolarle sotto l'acqua fredda (meglio se ghiacciata) per non far perdere il colore verde. Tenerle da parte.
Lavare i gamberi e lasciarli andare per cinque minuti in una padella con l'olio e uno spicchio di aglio. Una volta raffreddati, togliere il guscio e metterli da parte.
Con i gusci, un cucchiaino d'olio, lo spicchio d'aglio utilizzato e mezzo bicchiere d'acqua in un pentolino fare un fumetto leggero che servirà a meglio amalgamare gli spaghetti con tutti gli ingredienti.
Filtrate con l'aiuto di un passino e tenetelo da parte.
In un'altra padella con coperchio fare aprire i lupini, facendo attenzione a non farli asciugare troppo. Mentre gli spaghetti cuociono, assemblare in una padella larga tutti gli ingredienti: le verdure fatte saltare un minuto con olio e aglio, i gamberi, i lupini e un po' di fumetto.
Scolare la pasta "al chiodo" e spadellare per un minuto uno.
Servire subito e aggiungere solo a tavola, se si vuole, un pizzico di pepe macinato al momento.

Vini abbinati: Biancolella d'Ischia

Un commento

  • Sergio Cima

    (11 giugno 2012 - 16:43)

    Buono, mi piace. Ritenterei alla maniera di Don Alfonso, cioè facendo aprire i lupini a caldo nello stesso recipiente con le verdure, ma è un dettaglio. Mi chiedo invece se non sia il caso di abbandonare l’avverbio “possibilmente (non trattate/bio in riferimento alle verdure)”, e prescrivere invece ai lettori che cosa devono comprare e che cosa soprattutto NON devono comprare…

I commenti sono chiusi.