Spaghettoni al ragù di polpo di Dionisio Mignone

Letture: 175
Spaghettoni al ragu di polpo
Spaghettoni al ragu di polpo

Una ricettina di mare di Dionisio Mignone, riferimento di qualità a Benevento centro con il ristorante e l’omonimo bistrot

Spaghettoni al ragù di polpo

Di

Ingredienti per Spaghettoni al ragù di polpo persone

  • Un polpo da tre chili circa
  • 400 g Spaghettoni Rummo
  • Olio extra vergine di olive
  • Spicchio d'aglio
  • Sale
  • Falanghina del Sannio
  • Zucchero
  • Pepe Nero
  • Prezzemolo riccio
  • Passata di San Marzano

Preparazione

Dopo aver pulito e lavato in abbondante acqua un polipo grande circa 3 kg, tagliare a pezzettoni da due o tre centimetri .
In una pentola ben capiente lasciate soffriggere 20 cl circa di olio e uno spicchio d'aglio intero, quando ben d'orato togliere l'aglio e aggiungere il polipo a pezzi, salare quanto basta e una macinata di pepe nero grossolano, lasciate soffriggere 5/8 minuti e sfumate con la falanghina ( circa 25 cl ... gli altri 50 cl della bottiglia bere in compagnia nell'attesa della cottura ! ).
In fine aggiungere la passata di pomodoro fino a coprire il polipo e correggere l'acidità con circa un cucchiaio di zucchero.
Lasciare andare a fuoco lento per circa 40/45 minuti.
Quando è pronto il ragù passare la parte da usare in una padella larga e aggiungere la pasta molto al dente per finire la cottura in padella saltando con olio a crudo e prezzemolo.

Vini abbinati: Aglianico del Taburno Fontanavecchia

3 commenti

  • Dionisio

    (22 agosto 2015 - 14:49)

    il polipo di 3 Kg non è per 4 persone! è per far capire la grandezza adatta a questa cottura

  • Lello Tornatore

    (22 agosto 2015 - 15:20)

    No no, va benissimo Dionisio…credo che possa bastare per me, sai sono abituato a quegli animaloni del Calore !!! :D

  • Eva Bo

    (22 agosto 2015 - 17:34)

    Una volta ad Amsterdam ho ordinato delle anguille; il cameriere mi ha chiesto di scegliere subito il vino perché avrebbe dovuto comunicarlo al cuoco che avrebbe dovuto usare lo stesso vino per cucinare le anguille.
    La raffinatezza mi ha colpito ed il piatto, che ho bissato, era ottimo. Mi ha doppiamente meravigliato il consiglio di bere un aglianico (horresco referens) avendo usato per la cottura una falanghina.
    Appartengo alla scuola di pensiero che NON CONSENTE di bere il rosso sul pesce.

I commenti sono chiusi.