Sperone Irpinia, Hosteria Le Gourmet. La cucina di Giuseppe Caramiello il buongustaio

Letture: 246
Hosteria Le Gourmet. Giuseppe Caramiello

Via Ferrovia 28
Tel . 081.19516524 – 3382154656
www.legourmetwinebar.com
Aperto la sera
Chiuso lunedì
Da 25 a 35 euro

di Tommaso Esposito

Giuseppe Caramiello nasce buongustaio.
Lo confessa lui stesso quando accoglie gli ospiti nella sua Hosteria bollicine alla mano.
Siamo sulla salita che da Nola porta a Baiano e poi ad Avellino.
Terra di nocciole, quelle avellane coltivate a ridosso del Partenio, ma anche di solide tradizioni gastronomiche.
Da queste parti, nascono ad esempio le soppressate di Mugnano del Cardinale filiazione diretta della cosiddette Palle di Nola.
E poi ci sono i frutti del sottobosco con qualche scorzone da scavare e le erbe selvatiche da raccogliere.
Più su verso Montevergine si fanno maccheroni di pasta fresca e si confezionano torroni.
Perciò il nostro gourmet aprì bottega qualche anno fa.
Raccoglieva simpatie e organizzava degustazioni.
Dal 2004 dove c’era l’antica sede dell’azienda elettrica del paese ha acceso i fuochi dei fornelli.
Non più il bancone, ma un’accogliente e familiare ritrovo.

Hosteria Le Gourmet. L'ingresso

Un piccolo spazio all’aperto per l’estate dove restare al fresco.
Due sale interne e un angolo riparato.
Bei colori pastello per i muri, disegni, tempere colorate alle pareti e qualche scultura grottesca per arredo.

Hosteria Le Gournet. Gli interni
Hosteria Le Gourmet. Gli interni

In cucina porta il ritmo, ispirato dal patron, il giovane Antonio Napolitano.
Oltre il territorio è la proposta.
L’unica identità è quella del buongusto da ricercare.
Sempre.
Lo si nota già dall’inizio.

Hosteria Le Gourmet. L'antipasto di salumi

Salame lardellato di buona qualità così pure un prosciutto friulano, una coppa emiliana e una gustosa mortadella, tutta carne, poco grasso e pochi aromi.
Buona in sé.

Hosteria Le Gourmet. L'antipasto bruschetta con ventresca

Sulla bruschetta di pane cafone una ventresca nordica trafilata e dal profumato grasso rosato.

Hosteria Le Gourmet. L'antipasto la fonduta di fontina con mela cotogna

Buona è la fonduta di fontina valdostana appena addolcita da una confettura di mele cotogne.
Poi giungono insieme una frittata farcita di fiordilatte, la provola raccolta nella foglia di limone e passata alla brace. Buone.
Il fiore di zucca non ha la pastella. E’ fritto così e ricoperto di grana fondente.
Farcitura invertita.
Ai primi si nota l’impegno.

Hosteria Le Gourmet. Risotto con scampi e rucola fritta

Il risotto predilige i chicchi del Carnaroli.
Buona è la cottura.
Piacione nel complesso per le teste degli scampi e la rucola fritta che l’accompagna.

Hosteria Le Gourmet. Paccheri melanzane e provola

I paccheri, non irpini ma di Setaro, alla Norma tradiscono la ricotta e sposano melanzane con provola.
Quasi un pasticcio alla napoletana e come tale servito un po’ tiepido.

Hosteria Le Gourmet. Orecchiette cozze e sciurilli

Le orecchiette, queste sì conterranee, riposano con i sciurilli e le cozze.
Che, sugose in questo piatto, son più buone di quelle al gratin dell’ antipasto.
Non c’è il mare quassù.
Allora carne.

Hosteria Le Gourmet. Tagliata di manzo

Allevata tra i pascoli dell’Appennino campano e frollata nella bottega del vicino speronese.
E perciò è umorosa e buona sia in Tagliata demi blue che in Bocconcini saltati in padella e poi riposti su letto di croccante cipolla tropeana inumidita con aceto balsamico modenese.

Hosteria Le Gourmet. Bocconcini di manzo con cipolla

Voluttuoso è il formaggio Blu di Moncenisio che nel confronto batte il podolico campano.

Hosteria Le Gourmet. Blu Moncenisio e caciocavallo podolico

Vale la pena passare da Giuseppe una bella serata con amici.
Anche perché ci sono bei vini in cantina che costano come all’enoteca.

9 commenti

  • ANGELO PETILLO

    (13 agosto 2012 - 10:39)

    Gradevoli e puntuali, come sempre, le segnalazioni dell’amico Tommaso Esposito. Vorrei ricordare che l’osteria Le Gourmet ha ricevuto, per l’edizione 2011, il premio “Ruperto da Nola” istituito dalla Condotta Slow Food dell’Agro Nolano. Peppe Caramiello, persona onesta e corretta, è stato spinto all’attività ristorativa più dalla passione che dalla ricerca di un reddito, la sua osteria è un posto dall’atmosfera semplice e familiare, un luogo veramente “slow”.

  • carmine

    (13 agosto 2012 - 15:20)

    la ricerca di un reddito è una tirannia in cucina, ove volano fantasia e libertà di gusto, memorie storiche e ricerca del nuovo, abbinati ad esperienze e passaggi gustativi sul territorio. In tutto questo vinca la passione, solo la passione per un mestiere che rispetta il lavoro della natura, del territorio e delle persone.

  • pina b.

    (13 agosto 2012 - 18:54)

    Perfetta e puntuale la descrizione di una serata tipo da Peppino: per chi conosce quanto descritto non si può non assaporare i gusti ed annusare gli odori evocati dalle parole….che potere che hanno le parole-vero?-, soprattutto se chi le usa le piega, sapientemente, con garbo e consapevolezza. Complementi sempre all’amico Peppe (perché tale diventa insieme ai suoi collaboratori) e a Lei che ha magnificamente descritto i “sensi” tutti che a Le Gourmet vengono stuzzicati.

  • pasquale

    (13 agosto 2012 - 23:01)

    Bravo a Luciano e Tommaso…….con questa recensione hanno finalmente dato onore al caro Peppe…….cultore della cucina e ricercatore di sapori……..ambiente familiare, cucina ottima e variegata (per potere rimangiare la stessa cosa bisogna andare dopo mesi) e cosa importante prezzi onesti…………ad maiora peppe….

  • Fondapepe

    (14 agosto 2012 - 11:43)

    E poi chi conosce Peppe sa che si ha di fronte non solo un Buongustaio ma una persona davvero buona d’animo…….come pochi.
    Trascorrere una serata con lui a far due chiacchiere davanti un calice di buon vino e a uno dei suoi tanti piatti è una delle cose più rilassanti che oggi ci si può concedere in un ‘osteria vecchio stile come la sua. Ce ne fossero altre….anzi…..meglio di no! :))

  • Michela

    (14 agosto 2012 - 14:27)

    Un piccolo angolo di prelibatezze…cortesia,gentilezza e passione alla portata di tutti…Peppe è una persona davvero gentile e cordiale…Associa la sua conoscenza per il gusto al garbo di ricevere ospiti e di farli sentire a proprio agio…Onore al merito…

  • Gioacchino

    (27 agosto 2012 - 15:00)

    Ciao Peppino,un caro saluto e un in bocca al lupo per il tuo successo,ciao a presto.
    Gioacchino Iovino

  • nino

    (30 agosto 2013 - 14:21)

    Sono felice per Peppe, gran brava persona, cultore dei sapori, maestro di ospitalità. La sua Hosteria sembra avere il calore di casa propria: a tavola con gli amici con cui dividere i piaceri del palato ,sapientemente sollecitati da Peppe, diventa un momento che perde le dimensioni spazio-temporali. A presto

  • Enrico Di Roberti

    (17 settembre 2013 - 21:10)

    Ci andrò presto! Grazie dott.Esposito!

I commenti sono chiusi.