Spumante Verdeca di Gravina Botromagno

Letture: 351
Spumante Verdeca di Gravina di Cantine Botromagno

Uva: greco, malvasia e bianco di Alessano
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: metodo Martinotti

Il nome di questo interessantissimo spumante figlio della Murgia, induce in inganno. Non si tratta di bollicine a base di uve verdeca, bensì il nome è riconducibile ad un antico manoscritto del 1871 custodito nel museo della Fondazione Pomari Santomasi. L’etichetta del vino in questione riproduce fedelmente il manoscritto nel quale il verdeca spumante veniva inteso come un vino dai riflessi verdognoli e caratterizzato da una buona freschezza, prodotto a Gravina di Puglia, con uve greco, malvasia, e bianco d’Alessano.

Prendendo spunto da questa importante testimonianza che conferma una vecchia tradizione della produzione di vini bianchi di alta qualità nell’areale di Gravina, i fratelli Beniamino e Alberto D’Agostino hanno ben pensato di dare vita a questo spumante metodo Martinotti a base di uve malvasia bianca. La gravina traccia una lunga ed imponente spaccatura della crosta terrestre, molto simile ad un canyon, ricca di calcarenite .

 I vigneti di malvasia dell’azienda Botromagno si spingono ad un’altitudine di 500 metri sul livello del mare, particolare che consente di preservare una certa  acidità delle uve. Mentre il suolo sabbioso calcareo rende i vini sottili ed eleganti. Il Verdeca di Gravina esprime una buona intensità di profumi che si delineano sul filo comune della mineralità alla quale seguono toni di pompelmo , erbe mediterranee e fiori di tiglio. Si dona con generosità al palato, è agile e scattante nella spinta freschezza. Ottimo compagno dei crudi di mare per i quali i pugliesi vanno letteralmente matti ed ai quali non sanno proprio rinunciare in una splendida serata di mezza estate.

Questa scheda è di Marina Alaimo

Sede a Gravina Via Fratelli Cervi, 12. Tel. 080.3265865 www.botromagno.it Ettari: 140 di proprietà. Bottiglie prodotte: 450.000. Uve: greco, malvasia, aglianico, montepulciano, nero di Troia