Stefano Callegari da Pasqualino Rossi nel giardino della pizza

Letture: 333
Stefano Callegari e Pasqualino Rossi infornano la pizza con ghiaccio

di Antonella D’Avanzo

Domenica animata da persone allegre ed accoglienti, da pizze spettacolari, degustazioni, pasticcini, note e canti di antichi testi di canzoni napoletane, che ha visto con successo l’apertura del giardino della pizza dell’accreditata e rinomata pizzeria Elitè Rossi di Alvignano, un’amorevole realtà a conduzione familiare.

Pasqualino Rossi, un giovane ed acclamato pizzaiolo che ama impastare e condire le sue pizze con ingredienti di eccellente qualità, esaltando il territorio in cui è nato e vive con la sua splendida  famiglia, ha voluto realizzare questo spazio all’aperto, il giardino della pizza sviluppato sul retro del locale, per esaudire due desideri: un laboratorio con forno a vista che dà  la possibilità di un contatto diretto con la clientela rendendo loro partecipi nell’osservare la preparazione e la cottura della pizza che sarà portata nel piatto, rivelando i segreti della pizza di qualità.

Ma Pasqualino oltre a prestare attenzione e cura nel suo lavoro è anche un pizzaiolo girovago ed innovativo a cui piace migliorarsi e confrontarsi, infatti proprio per l’occasione a celebrare questo evento, ha voluto al suo fianco il suo caro amico Stefano Callegari, noto pizzaiolo romano, conosciuto in una manifestazione del settore. Questo è il suo secondo desiderio, invitare i suoi colleghi per sperimentare e creare pizze speciali, coniugando idee, lavorazione, impasti, lievitazioni, ingredienti e territori.

Al forno, il binomio Rossi – Callegari, Alvignano – Roma, è stato scoppiettante! Un vero show della pizza in cui i due hanno aperto la performance con un trionfo di pizze della pizzeria Elitè, ampiamente collaudate e messe in carta, come La Regina Margherita con mozzarella di bufala, pomodoro del piennolo ed acciughe con cornicione alto; a questa è seguita una pizza con pomodoro del piennolo accompagnato da olive caiazzane, capperi e basilico, una delizia di freschezza e dolcezza con cornicione croccante.

pizza con pomodoro del piennolo, olive caiazzane, capperi e basilico

A concludere una scarola riccia, olive caiazzane, acciughe di Cetara, capperi e mozzarella di bufala ed una fiori di zucca, provola e olive, un caleidoscopio di sapori che invito a provare. Roma si è presentata con una cacio e pepe (tecnica di cottura con ghiaccio) spettacolare nella preparazione e nel gusto e con un Rosettone: due dischi di pasta sovrapposti su cui, con un’apposita pressa, viene impressa la forma tipica e farcito col soffritto preparato per l’occasione da mamma Rita, colonna portante della pizzeria di Alvignano.

A guarnire la giornata ci sono stati alcuni prodotti di eccellenza locali tra cui: i treccioni di mozzarella di bufala di Mimmo La Vecchia del caseificio Il Casolare e del caseificio Pontecorvo, i sublimi formaggi caprini del giovanissimo Carmine Bonacci, la birra artigianale del vicinissimo birrificio Karma ed i vini Pallagrello e Casavecchia di Vigne Chigi, Masseria Piccirillo e Caprareccia.

da sx verso dx Pasqualino Rossi, Anna Chiavazzo Il Giardino di Ginevra, Stefano Callegari

A chiudere, un buffet di piccola pasticceria: babà con crema e confettura di more, e cheese cake di Giusy, moglie di Gianluca Rossi, dove nel gran finale è andato in scena “Meraviglia” uno spumone innovativo, elegante e raffinato, preparato da Anna Chiavazzo, della prestigiosa pasticceria Il Giardino di Ginevra con la collaborazione di mamma Rita, che ha allietato ed estasiato gli ospiti.

 

dolce Meraviglia, pasticceria Il Giardino di Ginevra

Foto di Antonella D’Avanzo

 

Pizzeria Elitè Rossi

Corso Umberto I°

81012 Alvignano (Ce)

tel. 0823 869092

www.pizzeriaelite.it