Chi ha sdoganato la pizza napoletana tra i gourmet 2.0? La verità in nove foto!

Letture: 151
La pizza napoletana da Bruno Vespa: Teresa Iorio, Davide Civitiello e Franco Manna
La pizza napoletana da Bruno Vespa: Teresa Iorio, Davide Civitiello e Franco Manna

Chi ha scoperto la pizza napoletana? Chi ha scovato prima di tutti i grandi nomi del momento? Questione di lana caprina, perché il sapere su internet ha la intensità delle lucciole di notte che spariscono con l’aurora.

Ma è davvero così importante sapere chi ha parlato per primo di qualcuno o di qualcosa? In fondo, i vostri ricordi più intensi riguardano il primo rapporto sessuale o il vostro grande amore? Beh, per essere realisti, l’ultimo amore è sempre più importante del primo (ok, evitiamo la battuta cinica che è il prossimo).

Bisogna dunque circoscrivere il tema, perché la pizza napoletana è sempre stata famosa in Italia e nel mondo e sino a venti anni fa non c’erano altri pizzaioli se non quelli provenienti da Napoli e dalla Campania. L’attività delle due associazioni, AVPN e APN, Slow Food, è stata fondamentale in questi ultimi decenni. Nessun alimento ha oltre 400 canzoni che lo celebrano, come ha ricordato nel suo grande lavoro storico, che continua senza fermarsi mai, Tommaso Esposito nel suo ultimo libro.

Il tema documentabile, dunque storicizzabile, è rispondere a questa domanda: quando e come la pizza napoletana è stata sdoganata nell’alta ristorazione e nel 2.0?

Beh, qua non possono esserci molti dubbi perché basta seguire la sequenza di queste foto e ricostruire i fatti come sono andati. Chi ne ha altre le tiri fuori adesso o mai più:-)

Maggio 2008: un giovane Enzo Coccia alle Strade della Mozzarella, la prima volta di un pizzaiolo in un congresso gastronomico.
Maggio 2008: un giovane Enzo Coccia alle Strade della Mozzarella, la prima volta di un pizzaiolo in un congresso gastronomico.
8 novembre 2008: Enzo Coccia con Luigi Cremona a Merano fa la pizza con il tartufo
8 novembre 2008: Enzo Coccia con Luigi Cremona a Merano fa la pizza con il tartufo
Maggio 2009: Enzo Coccia con Albert sapere e Luigi Cremona alle Strade della Mozzarella
Maggio 2009: Enzo Coccia con Albert Sapere e Luigi Cremona alle Strade della Mozzarella
Maggio 2010: Enzo Coccia con Laura Gambacorta all'Hotel Nettuno
Maggio 2010: Enzo Coccia con Laura Gambacorta all’Hotel Nettuno
10 luglio 2010: Pizzafest Dissaporeorganizzato da Maurizio Cortese a Melizzano
10 luglio 2010: Pizzafest Dissapore organizzato da Maurizio Cortese a Melizzano. Ci sono Bonilli e Cremona
Vico Equense 10 luglio 2011. 'a pizza organizzata da Stefano Bonilli e Maurizio Cortese dopo Festa a Vico per Gazzetta gastronomica
Vico Equense 10 luglio 2011. ‘a pizza organizzata da Stefano Bonilli e Maurizio Cortese dopo Festa a Vico per Gazzetta gastronomica
Giugno 2012: Don Alfonso riaccende il forno e Franco Pepe è il primo pizzaiolo a lavorare in un bistellato Michelin
Giugno 2012: Don Alfonso riaccende il forno e Franco Pepe è il primo pizzaiolo a lavorare in un bistellato Michelin
Dicembre2014 Franco Pepe e Salvatore Salvo al Grand Tasting. La prima volta della pizza napoletana a Parigi con il forno elettrico
Dicembre 2014 Franco Pepe e Salvatore Salvo al Grand Tasting. La prima volta della pizza napoletana a Parigi con il forno elettrico
Aprile 2015, le Strade della Mozzarella si chiude con i big della pizza. Forno elettrico, a gas o elettrico? La storia continua...
Aprile 2015, le Strade della Mozzarella si chiude con i big della pizza. Forno elettrico, a gas o elettrico? La storia continua…

Queste sono state le tappe fondamentali di una crescita della pizza napoletana nel 2.0, sui social e nel mondo dei gourmet.
Una crescita che ha bloccato sul nascere una corrente di pensiero che tendeva a presentare la realtà napoletana come ormai superata perché non aggiornata e che sottovalutava il fatto che una tradizione di 300 anni non finisce solo perché spuntano una decina di bravi pizzaioli che fanno altro nel resto d’Italia.

Ma come si spiega questo clamoroso successo?

Bastianich, Cracco e Barbieri
Bastianich, Cracco e Barbieri con la pizza margherita

1-Perché la pizza napoletana è tipica, riconoscibile e replicabile solo con una grande manualità.
2-Perché la crisi economica ha costretto molti a cambiare abitudine, rinunciando a pagare conti salati senza però accontentarsi di materia prima scadente e non valida.
3-Perchè la pizza è alla portata di tutti e non c’è bisogno di avere tanti soldi per girare. Inoltre il 90 per cento delle pizzerie di qualità europee sono tutte a Napoli e in Campania, in un territorio ben circoscritto che consente una rapida conoscenza del prodotto.
4-Perchè innumerevoli protagonisti hanno innovato, studiato e lanciato nuovi concept di pizzerie rinnovando tradizioni secolari che nessun altro può vantare.
5-Perché la qualità dei prodotti è migliorata sensibilmente grazie al lavoro di conslenti davvero competenti e non improvvisati come Giustino Catalano, e il consumatore è disposto a spendere qualcosa in più per avere una pizza di qualità.
6-Perché la pizza è veloce, easy, e resta l’ideale quando non si vuole restare prigionieri in un ristorante per due ore.

Settembre 2013. Con Ciro Oliva, Enzo Vizzari, Tommaso Esposito e Guido Barendson
Settembre 2013. Con Ciro Oliva, Enzo Vizzari, Tommaso Esposito e Guido Barendson

Dunque Barbara Guerra e Albert Sapere per primi hanno introdotto la pizza in un congresso gastronomico. Maurizio Cortese ha intuito le potenzialità sul 2.0 del fenomeno coinvolgendo, a proprie spese nel Pizzafest di Melizzano (tanto per precisare)  i foodies più influenti del momento e organizzando con Stefano Bonilli  il primo dopo Festa a Vico. Tommaso Esposito con il suo lavoro di scavo inesauribile e Marco Lungo con il suo sapere hanno contribuito a tenere alto il livello di attenzione.

I fratelli Salvo e i Cerea
I fratelli Salvo e i Cerea

Don Alfonso e i Cerea (che hanno ospitato i fratelli Salvo in indimenticabili serate) hanno consacrato l’ingresso di questo cibo nell’alta ristorazione. Infine Bonilli, Vizzari e Cremona hanno capito e sostenuto le potenzialità della pizza napoletana senza remore e con simpatia, ciascuno nei propri ambiti mettendoci la faccia.