Street Stritt a Casalvelino, cucina di mare nel Cilento

Letture: 1634
Christian d'Elia
Christian d’Elia

di Marco Contursi

Mi trovavo zona Vallo della Lucania per un congresso, sabato alle 15.30. Quale miglior occasione per testare un paio di locali della zona di cui avevo sentito parlare un gran bene. E subito la prima delusione:siamo chiusi a pranzo. Sabato col bel tempo siete chiusi? Incazzato nero, mi ricordo che Domenico Monzo, uno dei titolari dell’agriturismo I Moresani e appassionato gourmet mi aveva parlato di un localino di Casal Velino marina, Street Stritt, ma in un eccesso di zelo, chiedo lumi anche ad Antonio D’Agosto, altro fine conoscitore delle bontà cilentane che mi conferma di averne sentito meraviglie. Due indizi, non saranno una prova ma a me bastano e mi accomodo, unico cliente, ad uno dei tavoli.

Lo chef, scoprirò a fine pasto è Christian D’Elia, giovanissimo e baffutissimo. Qualche esperienza in locali cilentani, molte cose imparate da autodidatta grazie ad una smisurata passione e soprattutto ad una ricerca meticolosa della materia prima migliore. Che si facesse sul serio l’avevo capito vedendo pacchi di pasta Vicidomini e Benedetto Cavalieri in giro per il locale, ma ne ho avuto la certezza quando passando davanti alla cucina ho visto oltre dieci latte di olio extravergine del frantoio Pietrabianca, uno dei migliori campani. “Uso quello anche per cucinare- mi confesserà alla fine lo chef- molti mi danno di matto ma l’olio è fondamentale”. Lo tenessero a mente le migliaia di chef, anche famosi, che usano olio scadente per cucinare e condire.

Qui si fa cucina di mare seria, con ingredienti freschissimi e davvero locali. In pochissimi altri locali cilentani ho trovato una così meticolosa attenzione a quel che finisce nel piatto, senza le solite scuse per giustificare la poca scelta o prodotti surgelati. L’antipasto misto è un tripudio di profumi e sapori: polpetti alla luciana, calamari e ceci, straccetti di seppie fritte, polpo freschissimo e calloso su un letto di patate schiacciate e finanche il non locale salmone, è buono perché selvaggio e non d’allevamento e il sapore sembra confermare. Porzione più che abbondante.

Antipasto misto
Antipasto misto

Salto a piè pari il primo (la cui foto mi sono fatto mandare per dovere di cronaca)

Scialatiello ai frutti di mare
Scialatiello ai frutti di mare

Ordino una frittura di paranza che finalmente è paranza davvero ossia ricca di tanti pesci e pescetti e non solo gamberi e calamari: triglie, merluzzetti, alici, vope, cepule e altri che neanche conosco.

Frittura di paranza
Frittura di paranza

Buona, fritta bene, unico difetto troppo abbondante. E sì, qui le porzioni sono un po’ troppo generose ma sembra che il pubblico odierno reclami di magiare così sennò esce insoddisfatto. Troppo satollo per prendere il dolce, berrei un liquore locale ma al momento ne è sprovvisto, chissà che chi deciderà di provare questo locale non ne trovi, visto che a Casal Velino c’è un genio degli infusi come Giuseppe Pastore e che Christian mi ha promesso di andare a trovarlo. Il conto è sui 35-40 euro, per tre portate ma difficilmente le prenderete viste le porzioni, calcolate 14 euro un antipasto misto, 12 per una frittura, 16 per una tagliata di tonno dove ci mangiate tranquillamente in due. Cortese la ragazza di sala, Elisa De Marco fidanzata dello chef, simpaticissimo Christian, che tra mille difficoltà ha avuto il coraggio di aprire qui a Casal Velino e di restare aperto tutto l’anno quando locali ben più famosi chiudono in inverno. Solo per questo, va premiato. Se poi aggiungete una carta dei vini centrata sul cilento, un olio strepitoso e del pesce ancora vivo, bè, lo potete annoverare tra gli indirizzi da visitare in zona. Unico neo, affaccia su un vicolo e non sul mare, ma si sta attrezzando anche per questo, sarebbe il quid mancante ad una esperienza che già ora si fa ricordare in positivo. Bravo Christian, la mia personale stella, quest’anno la do a te, per capacità, entusiasmo ma soprattutto per il coraggio.

Vetrina coi prodotti
Vetrina coi prodotti

p.s. Se in zona, andate dal Caseificio Chirico per la mozzarella nella mortella, dai Moresani per l’ottimo cacio ricotta, da Cilento I sapori della Terra per gli infusi…..ma soprattutto andate a visitare gli Scavi di Velia, belli e obliati.

Olio Pietrabianca
Olio Pietrabianca

Andateci e salutatemi questa terra, e se trovate qualcosa di rosso e pulsante, è il mio cuore, che novello Davy Jones, ho lasciato qui, rapito da due sirene, figlie di Parmenide e Zenone, di Palinuro ed Elea, e che cerco di riavere indietro, ogni volta che calco queste sabbie che trasudano storia, inseguendo una onirica follia chiamata felicità.

Ma quando guardo il sole morire in queste acque, magari sorseggiando un calice di vitigni piantati qui nella notte dei tempi, mi sembra, almeno per un istante, di raggiungerla. Ma forse è solo un altro sogno…

 

Street Stritt

Via Nausica 6 Casal Velino

tel 3319124056

9 commenti

  • Lello Tornatore

    (17 giugno 2016 - 16:30)

    Grazie alle “due sirene”… il loro ricordo produce in grandi momenti di poesia che Marco, quando è sazio, ci regala!!! :D

  • Marco contusi

    (17 giugno 2016 - 16:56)

    A pancia piena si soffre meglio caro Lello….

  • diodato buonora

    (17 giugno 2016 - 17:42)

    Grande Marco. Hai reso l’idea. Quanto prima farò una capatina al “Street Stritt”.

  • marco contursi

    (17 giugno 2016 - 18:19)

    grazie Diodato…..ma una bella chiacchierata sulla tua splendida veranda con un bel calice in mano quando ce la facciamo? :-)

  • diodato buonora

    (17 giugno 2016 - 22:42)

    Ogni volta che sei venuto mi hai avvisato 20 minuti prima!

  • Marco contusi

    (18 giugno 2016 - 01:17)

    Le cose più belle di fanno a volo a volo.

  • Enrico Malgi

    (19 giugno 2016 - 11:14)

    Grande Marco! Però, a quel che leggo, vieni spesso a casa mia e non mi chiami e non mi inviti mai. Grande birichino!

  • Marco Contursi

    (21 giugno 2016 - 16:09)

    Caro Enrico come ben sai alcune sortite non sono preventivate e poi non vado solo ;-)

  • Enrico Malgi

    (21 giugno 2016 - 16:19)

    Capisco….!

I commenti sono chiusi.