Sull’Espresso in edicola i migliori cento vini del mondo secondo Enzo Vizzari

Letture: 171

Tempo di classifiche, le danze stanno per iniziare. Parte Enzo Vizzari con un gioco: dopo i 50 ristoranti i cento vini del mondo. Ecco l’elenco completo per i nostri lettori. Le motivazioni, l’articolo, le indicazioni dei prezzi le trovate sull’Espresso oggi in edicola.

Enzo Vizzari studia la carta dei vini

Riportiamo le prime righe della lunga presentazione
Unendo esperienza (tutte le bottiglie indicate sono state assaggiate più volte) e passione, ho selezionato cento etichette che consiglio a chi voglia avvicinarsi all’eccellenza del vino e che – vedi la nutrita sezione dei “miti” – ogni amante del buon vino dovrebbe concedersi almeno una volta nella vita. E’ la “mia” scelta: parziale, discutibile, soggettiva per definizione. Comprende tanta Francia, Bourgogne soprattutto, molto Piemonte, più rossi che bianchi, poche etichette extraeuropee, qualche esclusione calcolata anche di bottiglie famose, nessun particolare trasporto per i cosiddetti “vini naturali” (biologici, biodinamici, troppo spesso “biofurbi” e imbevibili), e un occhio benevolmente critico all’Italia, dettato anche dalla necessità di restare con i piedi per terra quanto a prezzi.
Enzo Vizzari


I “miti”
Bianchi
Criots-Bâtard-Montrachet – Domaine d’Auvenay – Bourgogne
(domaine-leroy.com)
Chevalier Montrachet – Domaine Leflaive – Bourgogne
(leflaive.fr)
Corton Charlemagne – Coche-Dury – Bourgogne
(Meursault)
Montrachet – Ramonet – Bourgogne
(Chassagne Montrachet)
Château Haut-Brion Blanc – Pessac Léognan
(haut-brion.com)
Château Laville Haut-Brion – Pessac Léognan
(haut-brion.com)

Rossi
Barbaresco Asili Riserva – Bruno Giacosa
(brunogiacosa.it)
Barolo Monfortino – Giacomo Conterno
(Monforte d’Alba)
Langhe Nebbiolo Sorì San Lorenzo – Gaja
(gajawines.com)
Bolgheri Sassicaia – Tenuta San Guido
(sassicaia.com)
Chambertin -Dugat Py – Bourgogne
(dugat-py.com)
Chambertin Clos de Bèze – Armand Rousseau – Bourgogne
(domaine-rousseau.com)
Clos de la Roche – H. Lignier – Bourgogne
(Morey.St.Denis)
Clos St. Denis – Dujac – Bourgogne
(dujac.com)
Griotte Chambertin – Claude Dugat – Bourgogne
(Gevrey Chambertin)
Richebourg – Domaine Leroy – Bourgogne
(domaineleroy.com)
Romanée Conti – Domaine de la Romanée Conti – Bourgogne
(Vosne Romanée)
Côte-Rotie La Turque – Château d’Ampuis
(guigal.com)
Hommage à Jacques Perrin – Châteauneuf du Pape – Château de Beaucastel
(beaucastel.com)
Château Ausone – Saint Emilion
(chateau-ausone.com)
Château Haut-Brion – Pessac Léognan
(haut-brion.com)
Château Lafite – Rothschild – Pauillac
(lafite.com)
Château Latour – Pauillac
(chateau-latour.fr)
Château Margaux – Margaux
(chateau-margaux.com)
Pétrus – Pomerol
(Pomerol)
Vega Sicilia Unico Reserva – Ribera del Duero
(vega-sicilia.com)

Gli eccellenti
Bianchi
Bâtard – Montrachet – Pierre Morey – Bourgogne
(morey-meursault.fr)
Meursault Perrières – Comtes Lafon – Bourgogne
(Meursault)
Puligny – Montrachet Clos de la Mouchère – Henry Boillot – Bourgogne
Chablis Grand Cru Clos – Raveneau – Bourgogne
(Chablis)
Pouilly-Fuissé Tris des Hautes Vignes – Guffens-Heynen – Bourgogne
(guffensheynen.com)
Pouilly-Fumé Silex – Didier Daguenau – Loire
(Saint Andelain)
Sancerre Edmond – Alphonse Mellot – Loire
(mellot.com)
Hermitage – Jean-Louis Chave – Côtes du Rhône
(Mauves)
Altenberg de Bergheim – Alsace Grand Cru – Marcel Deiss
(marceldeiss.com)
Sommerberg Riesling – Alsace Grand Cru – Albert Boxler
(Niedermorschwihr.com)
Chardonnay Marcassin Vineyard
(Calistoga-Napa Valley)
Chardonnay Cuvèe Indigène – Peter Michael Winery
(petermichaelwinery.com)
Chardonnay Cuvèe Bois – Les Crètes
(Val d’Aosta, lescretes.it)
Soave Classico Vigneto du Lot – Inama
(Veneto, inamaaziendaagricola.it)
Manna – Franz Haas
(Trentino, franz-haas.it)
Sauvignon Sanct Valentin – Produttori San Michele Appiano
(Alto Adige, stmichael.it)A
Colli Orientali del Friuli Bianco – Miani
(Friuli Venezia Giulia, Buttrio)
Ribolla Anfora – Gravner
(Friuli Venezia Giulia, gravner.it)
Trebbiano d’Abruzzo – Valentini
(Abruzzo, Loreto Aprutino)
Pietraincatenata – Luigi Maffini
(Campania, maffini-vini.com)

I rossi
Amarone della Valpolicella Vigneto Monte Lodoletta – Dal Forno
(Veneto, dalforno.net)
Barbaresco Camp Gros – Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy
(Piemonte, marchesidigresy.com)
Barbaresco Rabajà – Bruno Rocca
(Piemonte, bruno rocca.it)
Barbera d’Alba Bric du Luv – Cà Viola
(Piemonte, caviola.com)
Barbera d’Asti Bricco dell’Uccellone – Braida
(Piemonte, braida.it)
Barolo Bricco Boschis Riserva – Cavallotto
(Piemonte, cavallotto.it)
Barolo Brunate – Roberto Voerzio
(Piemonte, La Morra)
Barolo Brunate Le Coste – Giuseppe Rinaldi
(Piemonte, Barolo)
Barolo Cannubi Boschis – Luciano Sandrone
(Piemonte, Barolo)
Barolo Monprivato Cà d’ Morissio – Giuseppe Mascarello
(Piemonte, Monchiero)
Brunello di Montalcino – Poggio di Sotto
(Toscana, poggiodisotto.com)
Brunello di Montalcino Riserva – Case Basse
(Toscana, soldera.it)
Cepparello – Isole e Olena
(Toscana, Barberino Val d’Elsa)
Chianti Classico Riserva Rancia – Felsina
(Toscana, felsina.it)
Chianti Classico Vigneto Bellavista – Castello di Ama
(Toscana, castellodiama.it)
Il Caberlot – Il Carnasciale
(Toscana, Mercatale Valdarno)
Masseto – Tenuta dell’Ornellaia
(Toscana, ornellaita.it)
Solaia – Antinori
(Toscana, antinori.it)
Kurni – Oasi degli Angeli
(Marche, kurni.it)
Taurasi Vigna Cinque Querce Riserva – Molettieri
(Campania, salvatoremolettieri.it)
Etna Rosso Prephilloxera La Vigna di Don Peppino – Tenuta delle Terre Nere
(Sicilia, Randazzo)
Bonnes Mares – Dominique Laurent – Bourgogne
(Etang Vergy)
Gevrey Chambertin Lavaux St. Jacques – Denis Mortet – Bourgogne
(domaine-denis-mortet.com)
La Romanée – Comte Ligier – Belair – Bourgogne
(ligier-belair.fr)
Musigny – Georges Roumier – Bourgogne
(roumier.com)
Château Cheval Blanc – Saint Emilion
(chateau-cheval-blanc.com)
Château Lafleur – Pomerol
(Pomerol)
Château Léoville – Las Cases – Saint Julien – Beychevelle
Château Mouton Rothschild – Pauillac
(bpdr.com)
Pingus – Dominio de Pingus – Ribera del Duero
(Pesquera del Duero)
Viña El Pison – Bodega Artadi – Rioja
(artadi.com)
Cabernet Sauvignon Tychson Hill Vineyard – Colgin – Napa Valley
(colgincellars.com)
Grange – Penfolds – Barossa Valley
(penfolds.com)
Hill of Grace – Henschke – Eden Valley
(henschke.com.au)

I dolci
Kiedrich Gräfenberger Riesling TBA – Robert Weil
(Germania, weingut-robert-weil.com)
Oberhaüser Brücke Riesling Eiswein – Hermann Dönnhoff
(Germania, doennhoff.com)
Sharrhoberg Riesling Trockenbeerenauslese (TBA) – Egon Müller
(Germania, egonmuller.com)
Welschriesling TBA Zwischen den Seen – Alois Kracher
(Austria, kracher.at)<TB><TB>C
Pinot Gris Clos Jesbal Sélection de Grains Nobles – Zind-Humbrecht-Alsace
Château d’Yquem – Sauternes
(yquem.com)
Château Chimens – Barsac
(chateau-chimens.fr)
Château Gilette – Preignac
(gonet-medeville.com)
Marsala Superiore Donna Franca Riserva – Cantine Florio
(cantineflorio.it)
Albana di Romagna Passito Riserva – Fattoria Zerbina
(zerbina.com)

Le bollicine
Grande Année Rosé Bollinger
(champagne-bollinger.fr)
Dom Pérignon Oenothèque
(domperignon.com)
Cuvée Prestige Egly-Ouriet
(Ambonnay)
Dégorgement Tardif – Jacquesson
(champagnejacquesson.com)
Krug Collection
(krug.com)
Salon Le Mesnil
(salondelamotte.com)
Selosse Grand Cru Millesimé
(Avize)
Franciacorta Brut Cuvée Annamaria Clementi – Cà del Bosco
(cadelbosco.it)
Franciacorta Extra Brut Riserva Vittorio Moretti – Bellavista
(bellavistawine.it)
Trento Brut Riserva del Fondatore Giulio Ferrari – Ferrari
(cantineferrari.it)

79 commenti

  • roberto

    (3 settembre 2010 - 08:47)

    Caspita! Quest’uomo ci capisce di vino… :-))

    Scherzi a parte, mi limito ad un riscontro sui francesi, tanto per rimanere in tema con la rubrica ormai arrivata oltre i trenta produttori d’oltralpe, e quindi trovando ampio riscontro su quello fin qui pubblicato.
    Mi pare confermata la tendenza di Vizzari a tenere le distanze dai biodinamici quando questi non raggiungono il livello delle due Madame di Borgogna, mentre rimane l’allure dei classici bordolesi, sui quali ho invece progressivamente preso le distanze. Più rossi che bianchi? Bhe, sui francesi però lo sbilancio è appena accennato, addirittura ribilanciato poi con le bollicine e i dolci, mentre giustamente in Italia sono in rosso le cose migliori. I bianchi Italiani citati sono pochi, e forse potevano essere ancora meno? ;-)

    D’accordo anche nel ridurre al minimo la presenza d’oltreoceano.

    Merci le directeur, mi serviva qualche spunto per proseguire il cammino, e cose come Salon o il bianco di Haut Brion mi hanno fatto venire proprio sete…

  • luigi grimaldi

    (3 settembre 2010 - 09:18)

    Non contesto il numero esiguo, due vini campani ci posson opure stare su cento del mondo. Molettieri è opinabile, ma autorevole.
    Per il bianco, il vino di Maffini sicuramente è buono, ma ci sono almeno cinque o sei fiano di avellino di gran lunga superiori. Non scherziamo. E poi scegliere un bianco legnoso al Sud:-(((

  • Vincenzo

    (3 settembre 2010 - 09:19)

    Una lietissima sorpresa ! Non sapevo che questi due vini bianchi: Chardonnay Cuvèe Bois – Les Crètes
    e Soave Classico Vigneto du Lot – Inama, tra l’altro dai prezzi tranquillamente abbordabili, fossero i preferiti anche da Vizzari. Anche a me, dal basso della mia ignoranza, piacciono moltissimo.

    • ALESSANDRO

      (3 settembre 2010 - 13:19)

      Infatti con grande piacere leggo il Du Lot…un mio preferito ma non credevo di trovarlo tra i 100 di Vizzari.

  • ENRICO MALGI

    (3 settembre 2010 - 09:52)

    Democraticamente, in ogni lista dei vini esiste sempre una forte connotazione personale e soggettiva e, per questo, non sempre condivisibile. Al riguardo, voglio esprimere soltanto due piccole annotazioni. Stupisce, tra i vii francesi, l’assenza del quinto Premier Cru girondino:Chateau Mouton-Rothschild, per quanto questo si potrebbe definire quasi un intruso, rispetto ai suoi fratelli, che sono così classificati dal 1855, mentre il Mouton è l’unica eccezione di Second Cru passato Premier nel 1973. Potenza del nome! Ed è anche assente, tra gli Champagne, il Clos du Mesnil di Krug, unimamente considerato il migliore, vero Roberto? Un piccolo inciso lo voglio dedicare al mio Cilento e rispondere, così, di stramacchio anche a Luigi Grimaldi: Il Pietrancatenata è certamente il miglior fiano territoriale e sicuramente tra i migliori vini bianchi d’Italia, questo è innegabile. Noto, ancora, un solo vino irpino preso in considerazione e, quindi, come mi suggeriva un uccellino stamattina, caro Lello siamo in parità 1-1 e palla al centro. Chapeau! Abbracci.

    • Lello Tornatore

      (3 settembre 2010 - 10:13)

      Enrico, sei uno straordinario tifoso…del Cilento!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • giancarlo maffi

      (3 settembre 2010 - 10:20)

      caro enrico, ti giuro che mi sei piaciuto abbastanza da lello. ti ho parlato poco perchè mi piace studiare le persone che non conosco. a me il cilento piace eccome. ma se continui a parlarne come se esistesse solo quello al mondo mi fai venire la noia ,se non addirittura la nausea :-)

      insomma a me piacciono le more… ma anche le pesche non sono male, talvolta. oppure per salire su un terreno a te piu’ congeniale ,capisco la madonna , ma esistono anche delle sante simpatiche :-)))

      un abbraccio, rigorosamente laico .

      • ALESSANDRO

        (3 settembre 2010 - 13:26)

        Ginacarlo ma dall’ultima tua visita in costiera stai esternando” more”, pesche, madonne e sante..tra poco citerai anche le beate???? ;-))))

  • fabrizio scarpato

    (3 settembre 2010 - 10:39)

    Mi interesserebbe capire il rapporto tra questa selezione e il mercato mondiale; in altre parole se c’è una qualche corrispondenza (o nessuna) tra Enzo Vizzari e Robert Parker; in altre parole ancora se l’Europa vince davvero, come risulta evidente dalla selezione, sul Resto del Mondo in termini di “gusto”, di “modello” vinicolo.
    Lo chiedo perché non mi sembra, purtroppo, anche alla luce del problema Cirò

    • Enzo Vizzari

      (3 settembre 2010 - 11:44)

      Buongiorno Fabrizio.
      Mi considero molto lontano dai gusti e dai modelli di Parker, e la mia scelta è unicamente “di piacere”.

  • Fabrizio

    (3 settembre 2010 - 11:22)

    A parte l’errore di ortografia di un barsac non vedo la presenza del montrachet più famoso e di quintarelli che preferisco a dal forno.

  • Enzo Vizzari

    (3 settembre 2010 - 11:40)

    Buongiorno.
    Errore di stampa per Chateau Climens. Per il resto (assenza di Mouton, che invece c’è; assenza di Clos du Mesnil, ma di Krug c’è il Collection; “il Montrachet più famoso del mondo” non c’è perché c’é Romanée Conti , ecc.) mi permetto di suggerire, prima di commentare, la lettura del pezzo che precede l’elenco, dove sono spiegati i criteri della scelta. Opinabile per definizione.

    • giancarlo maffi

      (3 settembre 2010 - 12:09)

      Appunto , e’ quello che sto facendo io ora , ai giardini di Viareggio , dove pero’ la lettura viene distratta da…. Accidenti, come dice il gdf, altro che donne e motori… Donne e vino!

  • giulia

    (3 settembre 2010 - 11:57)

    :))

  • Vignadelmar

    (3 settembre 2010 - 12:27)

    Io sono andato a vedere se nella lista fossero presenti il Sorì San Lorenzo del Giove Tonante dell’Enologia Italiana ed il Kurni di Oasi degli Angeli……avendoli trovati il Dott. Vizzari ha superato l’esame ed è promosso a pieni voti ;-)
    .
    Noticina sugli italici chardonnay: domenica sera ho ribevuto lo Cherdonnay 1994 di Terlano….monumentale !
    .
    Ciao

    • Vignadelmar

      (3 settembre 2010 - 12:31)

      Marcia indietro Compagni !!!

      Ad una più attenta lettura ho notato l’inspiegabile assenza del grandissimo verdicchio Villa Bucci.
      .
      Ciao

      • enzo pietrantonio

        (6 settembre 2010 - 12:54)

        iniziavo a preoccuparmi per aver promosso il Dott. Vizzari senza alcun riferimento al “tuo” Verdicchio… ! Io, che tanti di quei sontuosi vini non so se potrò mai assaggiarli (sic!) mi chiedo come mai continua ad esserci sempre così poco Sud nelle classifiche dei “pubblici influenti”.

        Per carità, ho letto l’articolo e ho capito perfettamente che parliamo dei personalissimi gusti del dott. Vizzari ma, ad esempio, un Aglianico del Vulture ( ce ne sono di molto buoni, a mio modestissimo avviso) proprio non ci stava? La mia non è una critica nè ancor meno una provocazione “di campanile” ma semplice curiosità.

        • Vignadelmar

          (7 settembre 2010 - 10:26)

          Caro Enzo, però parliamo dei cento vini migliori al mondo. Secondo Vizzari, ma sempre di cento vini migliori al mondo si parla.
          .
          Sulla bontà dell’aglianico del vulturesfondi una porta aperta, almeno con me. Vogliamo parlare del Macarico dell’Azienda Macarico del bravissimo Rino Botte ? Per me è un vino buonissimo, ma, sicuramente, non è possibile inserirlo fra i primi cento vini al mondo. Così come per tanti altri aglianico ormai considerati dei grandi classici.
          .
          Anche per i nostri Primitivi, siano essi di Manduria e/o Gioia del Colle, siano quelli di Fino, di Polvanera, di Chiaromonte o quelli di Pietraventosa. Sono vini del cuore, ne beviamo e ne ribeviamo, li vendiamo, li facciamo conoscere, ma pensiamo che possano entrare in una classifica dei 100 vini più buoni al mondo ? Mi rispondo da solo, forse per uno si, il mio amatissimo Es.
          .
          Ciao

  • Lucien

    (3 settembre 2010 - 13:29)

    “nessun particolare trasporto per i cosiddetti vini naturali” ??
    Se intendiamo naturale chi non usa chimica di sintesi in vigna (al limite solo zolfo e rame) e non usa lieviti selezionati (ma solo quelli indigeni) allora cari signori in questo nobile elenco di naturali ce ne sono, eccome se ce ne sono!

  • ENRICO MALGI

    (3 settembre 2010 - 13:48)

    @Caro Vizzari, chiedo scusa per la svista. Non avevo notato che il Mouton è inserito nella lista dei vini “eccellenti”. D’altra parte l’avevo già premesso: è sempre tutto piuttosto soggettivo, figuriamoci per quanto concerne la qualità dei vini di tutto il mondo… Chiedo di nuovo scusa e alla prossima.
    @ Birbantello di un Maffi, questa proprio non me la dovevi dire! Tu proprio che sei un maestro nello scherzare e sdrammatizzare su tutto, spiritoso e geniale (avanzo un caffè…). Vedi che il gioco delle parti non l’abbiamo inventato noi. Con Lello si scherza e si gioca, ma se andiamo nel concreto allora la cosa è molo diversa. Leggi anche i miei post sulla Costiera Amalfitana, mi raccomando e così vedrai che esiste anche una par condicio. Con Lello, poi, siamo rimasti d’accordo che mi deve segnalare un’azienda irpina da recensire. Va bene? Per i fatto del feeling tra noi, ti posso assicurare che dal vivo sei ancora più simpatico. Quindi, ti prego, non privarmi della tua amicizia e sopportami un poco. L’invito a venire a casa mia è sempre valido, comunque… Ti benedico e che il Signore sia con te. Abbracci.

    • Lello Tornatore

      (3 settembre 2010 - 14:58)

      Altolà Enrico! L’Irpinia non è una propaggine del Cilento!!! ;-))))))))))))))))))))))))

  • Fabrizio

    (3 settembre 2010 - 15:00)

    egr. Vizzari, non ho letto i criteri di scelta e la mia non era una critica ma solo una cosa che mi è balzata all’occhio subito.
    Tra questi 100 ne ho bevuti 68 ed una delle 250 prodotte del primo vino che si legge nella lista è alla portata di mano copresi altri fratelli GC, 1er e/o village ma anche il rosso sempre prodotto dalle stesse mani.
    Sinceramente mi piacerebbe poter stappare qualcuna di queste btg in Sua compagnia.

  • ENRICO MALGI

    (3 settembre 2010 - 15:51)

    @Impagabile Lello, sempre pronto a sdrammatizzare. Ti dico solo una cosa: il migliore areale della Campania e del Mezzogiorno è sicuramente l’Irpinia. Lo affermo con molta convinzione e serietà. Abbracci.

    • Lello Tornatore

      (3 settembre 2010 - 16:20)

      ” Un piccolo inciso lo voglio dedicare al mio Cilento e rispondere, così, di stramacchio anche a Luigi Grimaldi: Il Pietrancatenata è certamente il miglior fiano territoriale e sicuramente tra i migliori vini bianchi d’Italia, questo è innegabile. Noto, ancora, un solo vino irpino preso in considerazione e, quindi, come mi suggeriva un uccellino stamattina, caro Lello siamo in parità 1-1 e palla al centro. Chapeau! Abbracci”:

      Questo il tuo scritto delle 09:52 di questa mattina. Vedi quanta “convinzione e serietà” !!!

  • FrancoRugby

    (3 settembre 2010 - 15:53)

    Nemmeno un Lambrusco?

  • gianni revello

    (3 settembre 2010 - 16:06)

    Di questa bella lista invece più modestamente io ne ho bevuti non più di una ventina. Ultimo appunto l’ottimo Château Chimens a Il Canto a Siena, pochi giorni fa, in conclusione di una cena assolutamente strepitosa, in compagnia di un caro comune amico gdf e mio e della di lui giovane e gentilissima consorte.

  • ENRICO MALGI

    (3 settembre 2010 - 17:50)

    Lello, sei incorreggibile. Certamente il Pietraincatenata, e lo ribadisco, è il migliore vino bianco del Cilento e uno dei migliori a livello nazionale. Ma certamente nelle tue zone si trovano vini a bacca bianca anche superiori, non c’è dubbio. Il fatto poi che ho detto che siamo in parità, mi riferico unicamente alla lista dei vini presentata dal bravissimo Vizzari. Questo è tutto.Abbracci.

  • tumbiolo

    (3 settembre 2010 - 18:07)

    In attesa di leggere, stasera, l’Espresso, mi chiedo come mai Enzo Vizzari, che saluto cordialmente, non ha considerato, tra i vini dolci, Occhio di Pernice.

    • Enzo Vizzari

      (3 settembre 2010 - 20:00)

      …perchè non amo la marmellata.

      • luciano pignataro

        (3 settembre 2010 - 20:19)

        Io avevo capito che l’esclusione dipende dal fatto che non ti piace l’aceto balsamico troppo dolce:-)

  • Antonio Scuteri

    (3 settembre 2010 - 19:38)

    Gran bella lista. Tra i bianchi italiani però avrei fatto volentieri a meno del Sauvignon Sanct Valentin (e anche del Manna), optando per Villa Bucci, Fior d’Uva e un Terlano a scelta.

    • Vignadelmar

      (3 settembre 2010 - 19:55)

      Ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh, un altro voto per il Villa Bucci !!!!

      Dello chardonnay 1994 di Terlano ne ho parlato anche io, mentre per i fiano avrei preferito il Vigna della Congregazione di Villa Diamante.

      Ciao

      .

      • Enzo Vizzari

        (3 settembre 2010 - 20:32)

        …degnissimi, ma bisogna pur scegliere.

        • Pat Garrett

          (3 settembre 2010 - 21:01)

          Troppa nobilta’ decaduta, i Bordeaux erano buoni fino alla fine degli anni 70′ poi la Parkerizzazione ha portato all’ appiattimennto (meno che nei prezzi) di questo magico terroir..
          Personalmente preferivo qualche emozione (e qualche puzzetta in piu’ ) forse il GdF capisce a cosa mi riferisco, ma de gustibus non disputandum est…

          Ah, personalissima opinione, considero il Cuvée Bois di Les Cretes uno dei vini piu’ sopravvalutati d’Italia (e di questo ne ho bevuto parecchio.)

          • Antonio Scuteri

            (3 settembre 2010 - 21:14)

            Pensa te, io invece lo considero uno dei pochissimi chardonnay italiani potabili, insieme al Lowengang e poco altro. Come i vecchi e mai troppo compianti chardonnay di Gravner a cavallo tra anni 80 e 90, i Terlano, qualche vecchio Tasca d’Almerita. Cosa ho dimenticato?

          • Vignadelmar

            (3 settembre 2010 - 21:21)

            Antonio, dimentichi il Gaia e Rey…….con qualche anno sulle spalle e non in tutte le annate.
            .
            Ciao

          • Pat Garrett

            (3 settembre 2010 - 21:24)

            Quoto sui Gravner (e forse qualche millesimo di Terlano), Tasca d’Almerita lasciamo perdere…
            Comunque hai detto “potabile”, da qui a metterlo nei migliori 100 vini del mondo ne passa…

          • Antonio Scuteri

            (3 settembre 2010 - 21:26)

            Vero. E ho dimenticato anche il numero uno: il Giulio Ferrari :-D
            (e scherzo fino ad un certo punto)

          • Antonio Scuteri

            (3 settembre 2010 - 21:42)

            Tasca d’Almerita solo due grandi, immense annate: ’91 e ’92

    • giancarlo maffi

      (3 settembre 2010 - 20:33)

      effettivamente il sauvignon s.v. ha rotto

    • giancarlo maffi

      (4 settembre 2010 - 07:43)

      giu’ le mani dal termine POTABILE. il copiraiter è MIO, chiaro.

      mi hanno ‘fanculato per anni per l’uso di questo termine. adesso viene usato anche da chi viene letto da 800,000 persone .

      ALMENO PAGATE DA BERE,per restare in tema :-))))

  • roberto

    (3 settembre 2010 - 21:25)

    Occhio di pernice no, quando è troppo è troppo,sulla marmellata siamo d’accordo, però Vin Santo 90 di Avignonesi è Papale papale da 100/100mi.
    Mi manca Clos St.Hune.

    Quanto al primo inserito in lista, bhe! Non c’ niente di più snob che citare una di quelle 250 bottiglie, perchè non Chevalier, Criots… e magari 2002.

    • Fabrizio

      (4 settembre 2010 - 23:16)

      Eh sì il 1990 è la perfezione fatto in vino dolce.
      peccato che ora costi il triplo della btg che bevemmo a mentone 3 anni fa.

  • Beniamino D'Agostino

    (4 settembre 2010 - 01:23)

    sinceramente trovo ormai noiose e superate queste superclassifiche mi intrigano e divertono molto di più i 101 vini di Luciano, non per piaggeria ma per il piacere della scoperta, tanti di questi vini sono già stati abbondantemente degustati dagli operatori e dagli enoappassionati pù fortunati e con maggiore disponibilità economica, molto meglio indicare al consumatore evoluto piccole gemme nascoste, magari difficili da trovare nell’enoteca sotto casa ma vuoi mettere il piacere della novità abbinato al piacere del bere alla grande senza ipotecare la casa?

    • giancarlo maffi

      (4 settembre 2010 - 07:49)

      questa scusa ma non l’ho capita. te l’ha ordinato il medico che devi scegliere ? c’è la lista di VIZZARI e quella di PIGNATARO . punto.

      la differenza ,semmai, è che l’espresso me lo sono comprato in edicola ,con facilità. mentre il libretto di pignataro …. campa cavallo…. sto aspettando da MESI, DICO MESI una copia con piccola dedica.

      del resto, dicono dalle mie parti, BRACCINO CORTO NON è MAI LUNGO.

      • Luciano Pignataro

        (4 settembre 2010 - 11:32)

        Infatti la dedica te la faccio appeno lo compri

        • beniamino d'agostino

          (4 settembre 2010 - 16:53)

          Visto che non l’hai capita te la spiego. Premesso che lo stesso Vizzari ha anticipato l’opinabilità della sua, io l’ho opinata tutta, sono stanco ed annoiato di leggere, più o meno gli stessi nomi (le variazioni sono nell’ordine del 20/30% tra i vari top hundred) e soprattutto sono stanchino di vedere strombazzati ottimi vini da 250 euro la bottiglia in su. Avrò il diritto di essere annoiato o no?

          • Enzo Vizzari

            (4 settembre 2010 - 21:43)

            Scusi, ma c’e qualcuno che la obbliga leggere ciò che non la interessa?

          • beniamino d'agostino

            (5 settembre 2010 - 13:37)

            ma perchè si è così permalosi? ho semplicemente detto che mi piacerebbe più attenzione da parte dei giornalisti, soprattutto importanti come lei caro Enzo, verso le nuove scoperte e verso vini un pò più umani dal punto di vista del prezzo. Anche perchè forse non vi rendete conto che con queste classifiche rendete sempre più inaccessibili questi prodotti di eccellenza. In effetti, nessuno mi obbliga ma l’obbligo è quasi insito nel fatto che ogniqualvolta un giornalista di riferimento (e la considero tale da anni) fa una top hundred la si ritrova su tutti i mezzi d’informazione ed in tutte le salse. Non volevo nè criticare, nè essere offensivo ma solamente rendervi noto un sentimento sempre più diffuso tra gli appassionati come me che preferirebbero essere guidati alla scoperta che leggere che più o meno gli stessi produttori sono i più bravi del mondo.

  • Alessandro Bocchetti f

    (4 settembre 2010 - 09:59)

    Bella lista! Del resto non mi potevo aspettare altro da un Grande goloso come Enzo ;-)
    Solo poche riflessioni: in realtà la presenza di naturalisti e biodinamici se ci si mette anche i francesi è cospicua, al di la della comprensibile dichiarazione sui bio-furbi… La seconda riflessione è il timore che per assaggiare e riassaggiare (come giustamente specifica), oggi ci vorrebbe una fortuna. Questa cosa rinfocola un dubbio che mi attanaglia da qualche anno: è ancora possibile nel 2010 formare un appassionatodi vino di età giovane? Ai miei tempi lo era ancora, molti dei vini elencati da Enzo erano accessibili, quindi circolavano di più ed era possibile approcciarli, ma mi chiedo oggi un 25/30enne come può permettersi un romanee o un coche dury, o anche un sassicaia o un monfortino? Anche io penso che senza i “fondamentali” non si possa scendere sull’erba di Wimbledon, ma in quanti si stanno facendo queste esperienze?
    Giancarlo potabile lo usiamo in tanti da anni, e fischi a Roma nun ne abbiamo mai beccati ;-)
    Ciao A

    • Luciano Pignataro

      (4 settembre 2010 - 10:06)

      @Alessandro
      Bel tema Alessandro. Ci rifletto da qualche mese.
      Credo che sia ancora possibile, sì. I ragazzi si organizzano in gruppi di acquisto, condividono le esperienze. Senza contare che in Italia è possibile bere benissimo spendendo anche poco se entri nelle pieghe dei territori.
      Ho davanti molti esempi di giovani degustatori che si sono formati molto bene in questi anni senza svenarsi

      La tua riflessione invece se spostata alla cucina capovolge la risposta. No, a meno che non hai un lavoro, disponibilità di tempo e di soldi, la formazione di un palato richiede molto tempo.

      Infatti, se ci fai caso, la fascia che si occupa di vino in rete è sicuramente più giovane di quella che scrive di cucina.
      Forse anche questo è il motivo, ne ho scritto mesi fa, per cui internet a mio giudizio è stata più incisiva a dettare i temi enologici che quelli gastronomici. le bottiglie ti arrivano a casa, i ristoranti devi girarli e solo una organizzazione capillare sul territorio ti consente l’aggiornamento di due, tremila ristoranti all’anno.
      Non voglio riaprire discussioni che non ami, ma la stupidità di un famoso post nasce proprio dall’incapacità di comprendere questo passaggio. Ed è per questo che in Italia si vendono ancora decine di migliaia di copie di guide cartacee e gli editori continuano ad investirci.

      Insomma, una bottiglia di 200 euro la posso condividere in quattro, cinque e la spesa diventa sstenibile. Un pranzo no.

      • Alessandro Bocchetti f

        (4 settembre 2010 - 10:15)

        Si la bottiglia da 200€ una volta ogni tot, dividendola in tanti se può ancora fa! Ma quella da 500 peggio 1000 e Poi su su fino all’iperuranio… Credi si possa? E nell’elenco di Enzo (per restare su quello) ce ne sono giustamente molte… E se poi le bottiglie diventano molte, come si faceva quando eravamo giovani che ognuno portava la sua… Secondo me è peggio della cucina, almeno uguale…
        Ciao A

        • Vignadelmar

          (4 settembre 2010 - 10:53)

          Così come nella società, nell cultura, nella ricerca, nella scuola, nell’università, anche nell’accesso alle grandissime e costosissime bottiglie di vino le differenze di censo tornano purtroppo ad essere determinanti.
          .
          Io determinate bottiglie le ho solo assaggiate ed odorate leggendone le descrizioni sulle Guide o in rete. Penso che per un’intera generazione di appassionati bevitori sia quasi impossibile avvicinarle. Invece i figli dei nuovi ricchi Russi, Cinesi, Indiani, forse se le scolano senza capir bene cosa stiano bevendo.
          .
          Lancio quindi un appello a chi abbia nelle proprie cantine determinate bottiglie e voglia disinteressatamente aiutarmi a crescere come conoscitore di grandi vini, ad invitarmi a cena. In cambio porterei un’insaziabile appetito ed una grande sete di conoscenza. :-)))))
          .
          Ciao

          • Enzo Vizzari

            (4 settembre 2010 - 11:04)

            Benché non proprio giovanissimi, Alessandro Bocchetti e Vignadelmar vincono un voucher per una degustazione “libera” nella mia cantina – piccola ma sincera – in data da concordare. Dico subito che non accetto auto-inviti. Per questo giro.

          • Vignadelmar

            (4 settembre 2010 - 11:26)

            Accidenti, appello lanciato ed immediatamente recepito !!! Grazie.
            .
            Però qualche vinello rosso della mia amtatissima Puglia, che considero già grande ma potenzialmente sarà grandissimo, vorrei portarlo.
            .
            Ciao

          • Antonio Scuteri

            (4 settembre 2010 - 13:22)

            Caspita, uno si assenta un attimo e perde l’attimo fuggente degli inviti:-D

          • Alessandro Bocchetti f

            (4 settembre 2010 - 19:07)

            Grazie Enzo, non vedo l’ora… Visto che ho individuato almeno un conterraneo tra le tue preferenze, che è un.amico e una grande passione anche mia, contribuirò qualcosa di potabile… ;-)
            Ciao A

        • enzo pietrantonio

          (6 settembre 2010 - 13:52)

          Credo che Alessandro abbia fornito un ottimo spunto di riflessione…
          Non so se questo è il luogo adatto, visto che si parlava della Personale classifica di Vizzari, ma da trentenne appassionato, colgo l’occasione per dire la mia.
          Seguo con notevole interesse il mondo del vino e le sue evoluzioni, ho studiato da sommelier con l’ Ais, ho fatto un master in Wine&Food Management a Bologna, partecipo a tutte le degustazioni “accessibili” ogni volta che ne ho l’opportunità e mi sento di confermare quanto Alessandro sostiene.
          Per me e per tanti miei coetanei “non accreditati” i vini dell’Olimpo restano una vera e propria chimera! Non lo dico con invidia ma con un tocco di sano realismo. E’ pur vero che nella vita si fanno delle scelte ed oggi ad un paio di scarpe griffate preferisco una buona bottiglia o una gustosa cena ma resta il fatto che alcuni grandi nomi restano e resteranno per molto inaccessibili a me e a tutta la mia generazione.
          PS: a ferragosto sono andato a pranzo da Pino Cuttaia, a Licata ed ho sborsato 107 euro per un pranzo sontuoso. Non lo rinnego, per carità, ma ho pagato 14 euro per 2 calici di un Grillo il cui prezzo alla sorgente è di circa 11 euro!

    • Luciano Pignataro

      (4 settembre 2010 - 11:31)

      @Vigna
      Prima l’invito di Gaja, ora di Vizzari…
      Sei irrefremabile
      E io che volevo invitarti a mangiare una fresella con il pomodoro e bere un po’ di Catalesca sul vesuvio dove mi avvio?

      • Vignadelmar

        (4 settembre 2010 - 11:35)

        Forse ci saremo anche noi, continuiamo in privato.
        .
        Comunque nella vita, i migliori scelgono i migliori :-DDDDDDD
        .
        Ciao

    • giancarlo maffi

      (4 settembre 2010 - 13:00)

      credo di essere piu’ vecchio di te . a tre anni ,assaggiando il sugo di mia nonna che mi chiedeva se era buono, risposi : appena potabile. vedi un po’ tu :-)

  • Alessandro Bocchetti f

    (4 settembre 2010 - 10:17)

    Ps. Lo so da me che ci sono alcuni giovani degustatori validi, il mio era un discorso generale e orientato verso, il futuro… Il rischio è che persone formate e appassionate non conoscano i “fondamentali” ma parlo del domani prossimo.;-)
    Ciao A

  • Lucien

    (4 settembre 2010 - 10:56)

    “Solo poche riflessioni: in realtà la presenza di naturalisti e biodinamici se ci si mette anche i francesi è cospicua, al di la della comprensibile dichiarazione sui bio-furbi…”

    Bravo Alessandro come me, e a differenza dell’ autore del post ti sei accorto che di “naturali” ce ne sono, eccome se ce ne sono…mi piacerebbe pero’ che un giorno si arrivi a parlare di vino tout court , buono o cattivo che sia, senza ghettizzare o fare apparire cio’ che dovrebbe sempre essere come un pratica da apprendisti stregoni Steineriani.
    A bientot les amis
    L

    • Enzo Vizzari

      (4 settembre 2010 - 11:11)

      …e infatti nelle brevi descrizioni di ogni singolo vino della lista non è mai – volutamente – scritto se sia bio-qualcosa: sono vini eccellenti, e basta. Signor Lucien non mi crederà, ma giuro che”mi sono accorto” persino io di aver messo nella lista stessa parecchi “bio-seri”.

    • Alessandro Bocchetti f

      (4 settembre 2010 - 19:10)

      Lucien da anni personalmente ragiono così: esistono solo due tipi di vino… Quello buono e quello cattivo!
      Ciao A

      • Lucien

        (4 settembre 2010 - 22:15)

        Sì, sì hai ragione, pero’ quando vai a vedere com’è fatto quello buono,nel 90% dei casi scopri che è naturale.e per naturale intendo (senza avventurarmi sulle impervie strade dello Steinerismo), senza chimica di sintesi in vignas, fermentazioni spontanee e nessun trucco in cantina.. O no?

        • Alessandro Bocchetti f

          (5 settembre 2010 - 09:21)

          Ma! Personalmente per le impervie strade “dello Steinerismo” mi ci avventurerei anche volentieri. I miei figli studiano in una scuola steineriana… Cmq molti dei vini che amo soprattutto in francia sono biodinamici! Ma moltissimi anche no… Veramente credo che la strada per il paradiso non sia unica e diritta… Non mi interessa tanto la metodologia con cui viene vinificato, quanto il risultato nel bicchiere. Ricordo con piacere anni fa (parecchi) quando chiesi al vecchio Ponsot lumi sulla questione e sul biologico visto che lui era certificato, mi rispose: “Mounsier, si noi siamo in regime di biologico, ma non ci tengo tanto a dirlo. Il vino buono si fa da vigne vecchie, fortificate ed in equilibrio, queste stanno per loro natura in biologico”… Fu una grande lezione per me. Cmq in Italia spesso la dizione naturale e bio o biodinamica spesso si porta dietro una insopportabile retorica delle riduzioni e di sentori smaccatamente rustici insopportabili, cosa che per fortuna sta finendo ma siamo ancora all’inizio. Attendo con impazienza un “vino vero” (che brutto termine! Gli altri che so falsi?) italiano elegante come uno di madame Leroy ;-)
          Ps. Mi piace ricordare che per la biodinamica parlare di antroposofia o pensiero steneriano è un errore concettuale. L’antroposofia è un pensiero iniziatico in cui per raggiungere gli ultimi stadi di conoscenza bisogna astenersi dal vino, in quanto questo fermentando nel nostro stomaco configge con i liquor interni e intorpidisce i sensi. In sostanza Steiner era fortemente contrario al vino e con lui i suoi discepoli del Goetheaum ;-)
          Ciao A

          • Lucien

            (5 settembre 2010 - 10:05)

            Come non essere d’accordo caro Alessandro, condivido il tuo pensiero che peraltro corre parallelo al mio. A prescindere dalla bonta’ che comunque deve essere un presupposto irrinunciabile i miei dogmi si riassumono molto sinteticamente in 3-ico:
            Et-ico
            Salutist-ico
            Tip-ico

            -una viticultura etica preserva il mondo in cui viviamo dalla desertificazione dovuta alla chimica di sintesi (pesticidi, erbicidi, fertilizzanti ecc…) che purtroppo si usa ancora parecchio in agricoltura..
            -un vino “naturale” fa meno male alla salute di uno “convenzionale”, personalmente lo digerisco molto meglio ed il devastante effetto hangover del giorno dopo è solo piu’ un brutto ricordo legato ai vini carichi di solforosa aggiunta..
            -il vino deve essere tipico ed un vino ottenuto con fermentanzione spontanea sara’ senz’altro figlio di quel terroir e di qul millesimo a differenza di uno ottenuto da lieviti selezionati, che sono una sorta di fecondazione artificiale..

            Affranchiamoci pero’ dal luogo comune delle puzzettte e rusticita’ dei vini naturali Italiani, non sono forse naturali il Monfortino di Conterno e il Case Basse di Soldera? Non mi sembra che puzzino :-))
            Buona domenica
            L

          • Alessandro Bocchetti f

            (5 settembre 2010 - 10:22)

            Non so se sia un luogo comune, ma so che per chi assaggia tanti vini ogni anno è una drammatica verità…
            Per il resto tutto giusto… Ma un Monfortino non fa primavera :-)
            cmq anche io nelle degustazioni annuaLi della guida noto dei piccoli cambiamenti e attendo fiducioso… Sulle lievitazioni spontanee Poi sfondi una porta aperta ;-), ma Pfeifer era fortemente contrario, faceva l’esempio del pane… Come vedi la questione è sfaccettata!
            Ciao A

    • Alessandro Bocchetti f

      (4 settembre 2010 - 19:23)

      Ps. Sono convinto che Enzo sappia meglio di noi che Leroy sia biodinamica (ovviamente è una sineddoche ;-))…
      Ciao A

  • Lucien

    (4 settembre 2010 - 12:15)

    E’ vero, e noto con piacere che abbiamo una visione convergente sull’argomento. A lunedì al Boscareto allora, dove avremo modo di degustare vini piu’ o meno votati all’eccellenza, senza il tormentone è bio sì o no?. Buon fine settimana e grazie per il “signor”..

    • Lucien

      (4 settembre 2010 - 19:18)

      Ops, il msg sopra era per Enzo Vizzari..

  • ENRICO MALGI

    (4 settembre 2010 - 12:39)

    Il problema del costo del vino di qualità spesso viene risolto recandosi nei winer-bar. Certamente non ti daranno a 5,00 euro un grande girondino o un ottimo borgognone. ma sicuramente potranno essere bevuti al bicchiere, e con tanto cibo da mangiare com’è succede all’enoteca che frequento a Gallarate, buoni champagne, barolo, barbaresco, brunello ed altro. Non sarà il massimo, però intanto uno si leva lo sfizio di degustare dei vini che a bottiglia costerebbe una certa cifra. Abbracci.

  • alberto Cauzzi

    (5 settembre 2010 - 16:52)

    Chapeau Enzo!

    E devo dire che tra i vini da te segnalati molti mi mancano, per fortuna non tutti, sopratutto tra i miti :wink:
    Grazie al Guardiano la mia cantina è ricolma di D’Auvenay e Leroy, tra cui anche un “Cavaliere” forse un pochino giovane per i tuoi gusti. Però quando il GDF è a Biella gli si potrebbe tirare il collo insieme :-)

    • Fabrizio

      (6 settembre 2010 - 20:48)

      uè Alberto.Tu hai anche il Criots Batard, il richebourg e dei grand cru di dugat-py, raveneau o il camp gros. ti devo dire io le btg che hai in cantina? :))

  • claudio nannini

    (1 ottobre 2010 - 10:36)

    Una domanda a questo punto sorge spontanea: ma a che cavolo servono queste classifiche? Leggo che un “Petrus”appena passabile costa 600 Euro…..Corro subito a comprarne un paio di casse. Quelli davvero buoni non me li posso permettere.

I commenti sono chiusi.