Taurasi 2001 docg

Letture: 71

TENUTA PONTE

Uva: aglianico, sangiovese (10%)
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Proseguendo il nostro viaggio tra i vini che non conosceranno mai la crisi ci imbattiamo in questo Taurasi tradizionale, al ristorante in genere non supera i 20 euro dalle caratteristiche spiccate e immediatamente riconoscibili. Diciamo subito che non siamo di fronte ad un vino muscoloso e iperconcentrato, ritroviamo persino il descrittore tipico dell’unghia aranciata, in bocca è sostenuto da una discreta spalla di freschezza, è abbastanza morbido, di corpo ma non masticabile, con un finale lungo e dolce che lascia, ritranedosi, precise sensazioni di tabacco in bocca. Così è è se vi pare, dunque, per un rosso prodotto in un bellissimo paese dell’Irpinia, ben ricostruito e rinomato per la bontà dell’aria come ci siega il nome, Luogosano appunto. Lo abbiamo sicuro ad un bell’agnello alla brace o al forno, un vino quotidiano senza grilli per la testa, tipico uomo d’ordine in una squadra dove altri non potrebbero segnare senza di lui. L’azienda è una società tra fratelli e amici e può vantare dei numeri di bottiglie e numeri di tutto rispetto, in crescita proprio grazie all’intelligente posizionamento sul prezzo.

Sede a Luogosano, via Carazita 1. Tel. 0827.73564, fax 0827.78114. www.tenuta-ponte.com. Enologo: Carmine Valentino. Ettari: 35 di proprietà. Bottiglie prodotte: 400.000. Vitigni: aglianico, sangiovese, merlot, piedirosso, coda di volpe, fiano, greco.