Taurasi 2003 docg Urciuolo

Letture: 40

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Nell’ormai lontano 1996 i fratelli  Antonello e Ciro Urciuolo decisero di produrre e imbottigliare in proprio il vino ottenuto dalle uve sinora lavorate dal padre Nicola con l’aiuto del giovane Camrine Valentino. Nel corso degli anni questa azienda sostanzialmente estranea ad ogni circuito mediatico perché come la maggior parte delle cantine campane non si pone come prioritario il problema di comunicare, ha mantenuto uno standard più che soddisfacente e affidabile. Collocata in una zona un po’ scostata da quella più famosa del Taurasi e dell’areale del Greco, cioé nella Valle del Sabato dove ci sono però alcune belle realtà, la Urciuolo riesce a conservare un buon rapporto tra qualità e prezzo e costituisce sicuramente una chicca per quanti desiderano uscire fuori dalle consuete piste battute dalla maggioranza degli enotecari e dei ristoratori. Il Taurasi, interpretato in maniera tradizionale con vinificazioni non eccessivamente spinte, si smarca infatti per la sua eleganza, il suo naso tipico in cui frutta e legno sono ben avvolti ed equilibrati, una beva molto soddisfacente perché rimanda dall’ingresso alla fine senza stancare grazie alla freschezza, di buona ma non eccessiva struttura, i tannini ben posizionati per favorire lunga evoluzione al prodotto. Lo beviamo sulle carni salsate e cotte sulle brace.

Sede a Forino, Contrada Rapone 1. Tel. 0825.761649, fax 0825.762956. Enologo: Carmine Valentino. Ettari: 25 di cui 4 di proprietà e 21 a conduzione. Bottiglie prodotte: 150.000. Vitigni; falanghina, fiano, greco, aglianico.